Categoria1__Sito del Comune
Data__31/10/2016
Data__2016

Santa Cecilia tra proposte audaci e di nicchia

La nuova stagione dell’Accademia di Santa Cecilia all’Auditorium, presentata a maggio scorso (vedi nostra notizia) e caratterizzata da programmi tra i più corposi e ambiziosi del panorama musicale europeo, prosegue dopo l’inaugurazione della stagione sinfonica 2016-2017 con il Fidelio di Beethoven in forma di concerto. Poi la volta del Quinto Concerto per pianoforte e orchestra, l’Imperatore (al piano il russo-israeliano Yefim Bronfman) abbinato alla Nona di Schubert (la Grande) e poi ancora (12-13-14 gennaio) con il Quarto Concerto per piano, con Radu Lupu, e – tanto per gradire – la colossale Settima di Bruckner.

 

Il chairman di Santa Cecilia, sir Antonio Pappano, aveva infatti cominciato l’anno scorso un ciclo beethoveniano con le nove Sinfonie. 

 

Altro autore più volte toccato da Pappano negli ultimi anni è Bach: dopo le memorabili esecuzioni della Passione secondo Matteo, della Messa in si minore e del Magnificat, quest’anno è la volta della Passione secondo Giovanni (13-14-15 aprile). Ancora Pappano in una ghiotta serata unica (27 gennaio) con Cecilia Bartoli, fuori abbonamento, per un “gala Mozart” tra pagine sacre e profane.

 

Pappano è anche sinonimo di nuova musica: ad aprile la prima assoluta di Caprice Romain op. 72 n. 3 del franco-svizzero Richard Dubugnon, con Yuja Wang al piano. Dubugnon parte dal rovesciamento interpretativo operato da Gilles Deleuze su Proust, inserendo in partitura parole, sillabe e fonemi accanto alle note. Sempre in tema di contemporanea, torna a inizio dicembre Peter Eötvös con la prima italiana della sua Senza sangue dal romanzo di Baricco.

 

orchestra santa cecilia

 

Altro elemento caratterizzante delle ultime stagioni ceciliane, la proiezione verso le generazioni nuove. Quest’anno le giovani promesse sono davvero molte, dal venezuelano Rafael Payare (frutto di El Sistema di Josè Antonio Abreu, meravigliosa anomalia nell’establishment della musica mondiale, con cui Santa Cecilia intrattiene da tempo fecondi rapporti) al ceco Jakub Hruša e allo spagnolo Gustavo Gimeno. Passando da direttori a pianisti i nomi si moltiplicano: Martin Helmchen, Seon-Jin Cho, Bertrand Chamayou, Evgeni Bozhanov… 

 

Altrettanto numerosa la lista dei grandi direttori oltre il “residente” Pappano, una serie di ritorni eccellenti: Manfred Honeck, Daniel Harding, Daniele Gatti, Pablo Heras-Casado, Paavo Järvi, Ton Koopman, Vladimir Jurowski, Michael Tilson e infine Jurij Temirkanov (direttore onorario di Santa Cecilia).

 

santa cecilia cameristica

 

Esattamente sovrapponibile il discorso per la stagione da camera: anche qui grande excursus storico (dal Rinascimento al contemporaneo), solisti di chiara fama e giovani ma già affermati talenti, filoni che proseguono dalla passata stagione. A cominciare dall’esordio del 26 ottobre con la Basel Kammerorchester – che suona quattro sinfonie di Haydn – seguito, a novembre, da una pietra miliare della musica sacra (la Missa Papae Marcelli di Palestrina eseguita dal coro della Sistina) e poi da un quintetto con Alexander Lonquich al piano – alle prese con Schumann – e dal recital di Daniel Barenboim.

 

Nell’assieme, tra sinfonica e cameristica, un palinsesto generoso, in equilibrio tra serate di immediato richiamo (ci sono un Messiah di Händel, una suite dalla Tetralogia wagneriana, il Mozart dei concerti per piano e delle ouverture, il sinfonismo tardoromantico…) e proposte audaci e di nicchia. Il tutto incastonato nello scrigno di legno e mattoni dell’Auditorium che consente qualsiasi incursione, dalle matinée per famiglie a un ciclo sull’arte di fotografare la musica. Per il quadro completo – programmi in dettaglio, eventi speciali, prezzi, abbonamenti… – vedi www.santacecilia.it e in particolare l’ampia scheda sulla nuova stagione.

 

 



Torna su
Roma Capitale - Piazza del Campidoglio 1 Amministrazione trasparente