Sezioni del portale

Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home / Struttura Organizzativa
Categoria1__Struttura Organizzativa
/ Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura
Categoria2__Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura
/ Affissioni e pubblicità / Pubblicità esente da autorizzazione

Pubblicità esente da autorizzazione

Pubblicità esente dal regime autorizzativo - temporanea e non – art. 9 del Regolamento Comunale sulla pubblicità.


Le forme di pubblicità, di seguito evidenziate, non sono sottoposte alla preventiva autorizzazione comunale ma comunque sono soggette alla dichiarazione di pubblicità, alle prescrizioni contenute nel regolamento, ed al pagamento del relativo canone e dei diritti d'istruttoria pari a € 16,00.

 

1. Esposizione di pubblicità rivolta esclusivamente all'interno di luoghi pubblici o aperti al pubblico, purchè i mezzi non siano visibili dall'esterno


1.a) nel caso di pubblicità rivolta esclusivamente all'interno di luoghi pubblici o aperti al pubblico, quali stadi, stazioni ferroviarie, centri commerciali, ecc. devono essere individuati il numero degli impianti, le tipologie con le relative misure nonché il periodo di esposizione - è dovuto il canone pubblicitario;
1.b) nel caso di esposizione pubblicitaria effettuata con monitor all'interno di esercizi commerciali, se il messaggio si riferisce all'attività svolta nel locale, è esente dal canone; al contrario, se promuove la pubblicità di terzi, è dovuto il canone pubblicitario.


Scarica Modello A – Dichiarazione di pubblicità non visibile dall'esterno di luoghi pubblici o aperti al pubblico.


2. Pubblicità eseguita con veicoli per uso privato o uso pubblico


La normativa fissa, in generale, la seguente disciplina:
• veicoli: è consentita unicamente la pubblicità non luminosa e effettuata non per conto terzi a titolo oneroso – è comunque vietato esporre pubblicità su carrelli, cicli, motocicli e simili;
• autovetture ad uso privato: è consentita unicamente l'apposizione del marchio e della ragione sociale della ditta cui appartiene il veicolo;
• veicoli adibiti al trasporto di linea e non di linea ad eccezione dei taxi: la pubblicità non può essere realizzata mediante messaggi variabili né esposta sulla parte anteriore del veicolo, sulle altre parti deve essere posizionata in modo da non ridurre la visibilità e la percettibilità dei dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione e contenuta entro forme geometriche regolari; se realizzata con pannelli aggiuntivi, gli stessi non possono sporgere oltre cm. 3;
• taxi: è consentita unicamente se realizzata mediante scritte con caratteri alfa numerici, abbinati a marchi e simboli e mediante applicazione di pellicole nel lunotto posteriore e sulle superfici del veicolo ad esclusione di quelle vetrate, che, per il lunotto posteriore, deve essere di dimensioni cm. 100x12. In alternativa la pubblicità può essere realizzata con pannello rettangolare bifacciale di dimensioni esterne cm. 75x35, saldamente ancorato al di sopra dell'abitacolo del veicolo e posto in posizione parallela al senso di marcia.
Per la disciplina di dettaglio si rinvia all'art. 23 del Codice della Strada ed all'art. 57 del Regolamento di Esecuzione ed Attuazione del Codice della Strada e agli artt. 4 c. 2 lett. e) e 34 c. 6 al Regolamento Comunale.
Nella dichiarazione devono essere specificati il numero degli automezzi con le relative targhe ed il periodo di esposizione e deve essere allegata copia del bozzetto contenente il messaggio pubblicitario, completo di misure.
E' dovuto il canone pubblicitario.
 

Scarica Modello B – pubblicità su veicoli

3. Pubblicità temporanea non presente nei commi precedenti


La dichiarazione, oltre ad indicare il periodo espositivo e le misure del messaggio pubblicitario, deve essere corredata della bozza dell’esposizione pubblicitaria.
E’ dovuto il canone pubblicitario.


Scarica Modello C – pubblicità temporanea
 

Adempimenti 
 

La dichiarazione di pubblicità, come da moduli predisposti, e la relativa attestazione di pagamento, da effettuare su c/c Postale n. 64746001 intestato a: ROMA CAPITALE - Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura - U.O. Affissioni e Pubblicità, Via dei Cerchi, 6 Roma, o su C/C Bancario Codice IBAN: IT69P0200805117000400017084 intestato a TESORERIA ROMA CAPITALE – Via Monte Tarpeo 42 – Ist. Bancario UNICREDIT BANCA, devono essere presentate presso il Protocollo del Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura. U.O. Affissioni e Pubblicità, sito a Roma in via dei Cerchi, 6 - (tel 06 6789915), nei seguenti giorni ed orari:
Lunedì 9.00 -12.30, Martedì 9.00 -13.00 e 14.00 -17.00, Mercoledì 9.00 -12.30, Giovedì 9.00 -13.00 e 14.00 -17.00, Venerdì 9.00-12.30.
oppure inviate tramite il numero di fax del Protocollo Dipartimentale: 06 67103778. 

La dichiarazione di pubblicità deve pervenire al Protocollo della Dipartimento almeno 5 giorni lavorativi antecedenti l'inizio dell'esposizione.
Va inoltre allegata bozza del messaggio pubblicitario.
Il Comune si riserva di controllare la veridicità di quanto dichiarato ai sensi del D.P.R.445/00, applicando eventualmente le sanzioni ivi previste e richiedendo ulteriori importi tariffari dovuti.


Tariffe


Il canone viene calcolato in base alla superficie espositiva complessiva e le tariffe sono stabilite dalla Deliberazione dell’Assemblea Capitolina n. 11/2015 e applicate secondo i criteri di cui agli artt. 23 e seguenti del Regolamento Comunale sulla pubblicità (Deliberazione dell’Assemblea Capitolina n. 50 del 30 luglio 2014 “Modifiche ed integrazioni alla Deliberazione consiliare n. 37/09).


Consulta Tariffe canone iniziative pubblicitarie

 

Elenco vie speciali

 

Prescrizioni


Chi effettua la pubblicità con i veicoli deve aver cura di portare con sé la ricevuta dell'avvenuto pagamento allo scopo di dare riscontro immediato ai controlli da parte del Corpo di Polizia Roma Capitale.
Per informazioni contattare per conto del Dipartimento la Società Aequa Roma s.p.a.
call center tel. 06 57131800 - e mail: pubblicita@aequaroma.it PEC: pubblicita@pec.aequaroma.it


 

 


NORMATIVA DI RIFERIMENTO


Deliberazione del Consiglio Comunale n. 100/2006 come modificata dalla Deliberazione del Consiglio Comunale n.37/2009

Deliberazione del Consiglio Comunale n. 15/2007

Deliberazione dell'Assemblea Capitolina n. 45/2014 (estratto deliberazione nuove tariffe dei servizi pubblici a domanda individuale)
Deliberazione dell'Assemblea Capitolina n. 50/2014 (modifiche ed integrazioni alla deliberazione consiliare n. 37/09)
Deliberazione dell'Assemblea Capitolina n. 11/2015 (estratto deliberazione nuove tariffe dei servizi pubblici a domanda individuale) 

 

 

 

 

ultimo aggiornamento 2 gennaio 2017