Sezioni del portale

Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home / Struttura Organizzativa
Categoria1__Struttura Organizzativa
/ Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura
Categoria2__Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura
/ Attività economiche / Antiusura

Antiusura

 

Ufficio per il Coordinamento delle Iniziative Antiusura

  

L'Ufficio per il Coordinamento delle Iniziative Antiusura è stato istituito dall'Amministrazione comunale in relazione alle problematiche legate al tema dell'usura.

 

PER CONTATTARE L'UFFICIO

tel. 06 67106188; 06671072720; n. fax 06 67106304


RIFERIMENTI NORMATIVI:


- Legge 7 marzo 1996, n. 108

- Legge 23 febbraio 1999, n. 44

- Legge 27 gennaio 2012, n. 3  "Disposizioni in materia di usura e di estorsione, nonche' di   composizione delle crisi da sovraindebitamento"   

 

 

ultimo aggiornamento 6 novembre 2015

 

 


Tracciabilità dei flussi finanziari

 

Tutti i contratti di fornitura di beni e servizi, nonchè gli appalti di opere pubbliche, stipulati dal 7 settembre 2010 in poi tra un imprenditore e una pubblica amministrazione, pena la nullità del contratto, devono contenere l'indicazione del conto dedicato sul quale transiteranno i pagamenti relativi allo stesso.


La Legge n. 136 del 13 agosto 2010, modificata dal D.L. 12 novembre 2010, n. 187 "Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia" prevede all'art. 3 importanti misure volte ad assicurare la tracciabilità dei flussi finanziari, finalizzati a prevenire infiltrazioni criminali nei contratti pubblici.
Gli art. 3 e 6 della legge 136/2010 dettano disposizioni in materia di tracciabilità dei movimenti finanziari relativi ai lavori, servizi e forniture pubbliche. La nuova disciplina è entrata in vigore dal 7 settembre 2010.
Ai sensi dell'art. 3 della Legge in oggetto, l'appaltatore o fornitore si assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari.
L'Autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture, con la Determinazione n. 8 del 18/11/2010 fornisce indicazioni applicative in merito alla tracciabilità dei flussi finanziari negli appalti pubblici di cui alla L. 136/2010.

 

Bonifici e conti correnti dedicati
Per i movimenti finanziari deve essere utilizzato lo strumento del bonifico bancario o postale ovvero altri strumenti idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni. Il mancato utilizzo degli strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni determina la risoluzione di diritto del contratto.

 

Comunicazioni alla stazione appaltante
L'appaltatore o fornitore ha l'obbligo di comunicare alla stazione appaltante, tempestivamente, gli estremi identificativi dei predetti conti correnti dedicati, le generalità e codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi; nonché comunicare ogni modifica relativa ai dati trasmessi.


modulo di dichiarazione da compilare e trasmettere alla stazione appaltante.

 

Modalità di effettuazione dei bonifici
Gli strumenti di pagamento devono riportare, in relazione a ciascuna transazione, il codice identificativo di gara (CIG) e, ove obbligatorio, il codice unico di progetto (CUP).

 

Clausola relative alla tracciabilità
La stazione appaltante nei contratti sottoscritti con gli appaltatori relativi ai lavori, ai servizi e alle forniture pubbliche, inserisce, a pena di nullità assoluta, un'apposita clausola con la quale essi assumono gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari.
La stazione appaltante verifica che nei contratti sottoscritti con i subappaltatori e i subcontraenti della filiera delle imprese a qualsiasi titolo interessate ai lavori, ai servizi e alle forniture pubbliche, sia inserita, a pena di nullità assoluta, un'apposita clausola con la quale ciascuno di essi assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari.

  

Sanzioni
L'art. 6 della Legge 13 agosto 2010, n. 136 prevede l'applicazione di specifiche sanzioni per l'inosservanza delle disposizioni contenute nell'art. 3 della predetta legge.

 

 

ultimo aggiornamento 7 ottobre 2015