Sezioni del portale

Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home / Struttura Organizzativa
Categoria1__Struttura Organizzativa
/ Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura
Categoria2__Dipartimento Sviluppo Economico Attività Produttive e Agricoltura
/ Attività economiche / Manifestazioni di sorte locali

Manifestazioni di sorte locali

 

Lotterie, tombole, pesche o bandi di beneficenza
 

Per manifestazioni di sorte locali si intendono lotterie, pesche o banchi di beneficenza e tombole e possono essere promosse da:

 

- enti morali, associazioni e comitati senza fini di lucro (aventi scopi assistenziali, culturali, ricreativi e sportivi), di cui agli artt. 14 e seguenti del cod. civile;

 

- organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all’art. 10 del D. Lgs. 4 dicembre 1997, n. 460, per il reperimento di fondi a copertura delle relative esigenze finanziarie;

 

- partiti o movimenti politici di cui alla legge 2 gennaio 1997, n. 2, purchè nell’ambito di manifestazioni locali organizzate dagli stessi.

 


Lotterie
Ai sensi del D.P.R. 430/2001, art. 13, c. 2, lett. a), per “lotteria” si intende la manifestazione di sorte effettuata con la vendita di biglietti staccati da registri a matrice, contrassegnati da serie e numerazioni progressive, concorrenti ad uno o più premi secondo l’ordine d’estrazione. La lotteria è consentita se la vendita dei biglietti è limitata al territorio della provincia, l’importo complessivo dei biglietti emessi, comunque sia frazionato il prezzo degli stessi, non può superare la somma di euro 51.645,69.


Tombole

Ai sensi del D.P.R. 430/2001, art. 13, c. 2, lett. b), per “tombola” si intende la manifestazione di sorte effettuata con l’utilizzo di cartelle portanti una data quantità di numeri, dal numero 1 al 90, con premi assegnati alle cartelle nelle quali, all’estrazione dei numeri, per prime si sono verificate le combinazioni stabilite. La tombola è consentita se la vendita delle cartelle è limitata al comune in cui la tombola si estrae e ai comuni limitrofi e le cartelle sono contrassegnate da serie e numerazioni progressiva. Non è limitato il numero delle cartelle che si possono emettere per ogni tombola, ma i premi posti in palio non devono superare, complessivamente, la somma ad euro 12.911.42.


Pesche/Banchi di beneficenza
Ai sensi del D.P.R. 430/2001, art. 13, c. 2, lett. c), per “pesche/banchi di beneficenza” si intendono le manifestazioni di sorte effettuate con vendita di biglietti, già abbinati ai premi in palio. Le pesche o i banchi di beneficenza sono consentiti se: - la vendita dei biglietti è limitata al territorio del comune dove si svolge la manifestazione
- il ricavato della vendita non supera la somma di € 51.645,69.
 

Informazioni

 

 

ultimo aggiornamento 15 ottobre 2015


Modulistica

 

Comunicazione manifestazione


Regolamento lotteria


Regolamento tombola


Verbale estrazione lotteria

 

Verbale tombola


Normativa

 

Articoli 14-42 Codice Civile

 

CIRCOLARE 14 aprile 2004, n.4632

 

DLGS 460/97

 

DPR 430/2001

 

Legge 2 gennaio 1997, n. 2

 

RISOLUZIONE DELL'AGENZIA DELLE ENTRATE