Sezioni del portale

Luceverde

Infomobilità

Lavori pubblici per il Giubileo

Sito informativo sul Giubileo

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home / Struttura Organizzativa
Categoria1__Struttura Organizzativa
/ Dipartimento Attività Culturali
Categoria2__Dipartimento Attività Culturali
/ Biblioteche di Roma / I Servizi

Foresteria della Casa delle Traduzioni

 

L’ospitalità presso la foresteria della Casa delle Traduzioni è riservata ai traduttori stranieri di autori italiani, con preferenza per i traduttori letterari



Che cos'è?

   

 

La foresteria della Casa delle Traduzioni, in via degli Avignonesi 32, è una struttura ricettiva extralberghiera senza fini di lucro.



Inizio pagina

A chi si rivolge?

L’ospitalità presso la foresteria della Casa delle Traduzioni è riservata ai traduttori stranieri di autori italiani, con preferenza per i traduttori letterari.


La Casa delle Traduzioni accoglie di norma traduttori stranieri provenienti da qualsivoglia paese, purché in possesso dei requisiti professionali necessari.
 

L’ospitalità potrà inoltre essere offerta, in forma gratuita e dietro motivato parere degli organi rappresentativi dell’Istituzione, anche a personalità del mondo culturale.



Inizio pagina

Quali sono i servizi offerti?

Offre al traduttore ospite della foresteria accesso illimitato alla biblioteca, previa accettazione del regolamento di biblioteca, alloggio e uso di cucina.

 

Requisiti di ammissioneRegolamento e Modulo di Iscrizione (in formato .pdf)



Inizio pagina

Requisiti di ammissione alla Foresteria della Casa delle Traduzioni

La foresteria della Casa delle Traduzioni è una struttura ricettiva extralberghiera senza fini di lucro.

 

L’ospitalità presso la foresteria della Casa delle Traduzioni è riservata ai traduttori stranieri di autori italiani, con preferenza per i traduttori letterari.


La Casa delle Traduzioni accoglie di norma traduttori stranieri provenienti da qualsivoglia paese, purché in possesso dei requisiti professionali necessari.


L’ospitalità potrà inoltre essere offerta, in forma gratuita e dietro motivato parere degli organi rappresentativi dell’Istituzione, anche a personalità del mondo culturale.


Il periodo di ospitalità non può essere inferiore ai quindici giorni né superiore ai quarantacinque.


La foresteria resta chiusa dal 1 agosto al 15 settembre e durante le festività natalizie e pasquali.


L’ospitalità presso la foresteria dipende dai posti disponibili, dalla qualità e dalla durata prevista del progetto di traduzione. Le candidature sono sottoposte al vaglio preventivo di un comitato tecnico-scientifico composto di professionisti della traduzione, e alla valutazione definitiva dell’Istituzione.


Per essere ospitati i traduttori stranieri debbono:


•  essere in possesso di adeguati requisiti professionali, giuridici e morali;

•  aver già pubblicato almeno due traduzioni di opere italiane di narrativa, saggistica, poesia o teatro;

•  aver sottoscritto un contratto di traduzione.

•  I traduttori che desiderino sottoporre la propria richiesta di ospitalità presso la foresteria debbono inviare:

•  un breve curriculum vitae, corredato di nota bibliografica;

•  copia del contratto di traduzione;

•  modulo di iscrizione compilato in ogni parte.

 

Qualora lo ritengano opportuno, possono allegare lettera di presentazione.


La richiesta di ospitalità deve essere presentata con congruo anticipo al Direttore delle Biblioteche di Roma e deve contenere l'indicazione delle generalità complete dell'ospite, le modalità di pagamento e il periodo di permanenza.


I futuri ospiti dovranno essere in regola con gli adempimenti relativi alle norme di Pubblica Sicurezza.



Inizio pagina

Regolamento per gli ospiti della Residenza della Casa delle Traduzioni

La Casa delle Traduzioni di Roma dispone di una residenza riservata ai traduttori editoriali, ai ricercatori e agli studiosi della materia. Hanno la precedenza di prenotazione i traduttori di autori italiani, e, in caso di disponibilità della sede, i traduttori di tutte le altre combinazioni linguistiche.
 

L’ospitalità potrà anche essere offerta, dietro motivato parere degli organi dell’Istituzione, a personalità diverse del mondo della cultura.
 

Il periodo di ospitalità può variare da un minimo di quindici giorni, salvo motivate eccezioni, a un massimo di quarantacinque.
 

Per soggiornare in residenza è necessario inviare un contratto di traduzione o, in alternativa, un progetto di ricerca sulla base del quale si chiede l’ospitalità.

 

Per ottenere l’ospitalità occorre inviare una richiesta secondo un fac-simile (da elaborare in it-en) corredata da :

 

•  un breve curriculum vitae

•  una copia del contratto di traduzione o del progetto di ricerca

•  copia di un documento di identità valido

•  copia del codice fiscale o documento equipollente

 

E’ possibile allegare una lettera di presentazione.

 

La Casa delle Traduzioni offre al traduttore ospite della residenza accesso illimitato alla biblioteca, alloggio e uso di cucina. Il soggiorno non comprende vitto, chiamate telefoniche, uso di stampante, macchina fotocopiatrice.

Agli ospiti è richiesto un rimborso spese di € 20 (venti) al giorno, come contributo alle spese di gestione, e l’iscrizione al circuito delle Biblioteche di Roma tramite Bibliocard Gold per un importo annuo  di € 30 (trenta).

 

L’ospite presso la residenza della Casa delle Traduzioni si impegna a:

1. rispettare e trattare con cura i beni in uso, compresi attrezzature e arredi, e quelli di uso comune, custodire diligentemente le chiavi, non arrecare disturbo, in particolare nelle ore notturne, agli altri residenti dello stabile, provvedere al corretto smaltimento di tutti i rifiuti prodotti

2.  provvedere alla pulizia della propria stanza, delle suppellettili e degli oggetti di uso quotidiano, conservare cibi e bevande negli appositi contenitori e spazi assegnati

3. tenere un comportamento appropriato alle finalità del luogo e alle esigenze degli utenti

4. non ricevere né ammettere alcuno senza l’autorizzazione del responsabile, non fumare né introdurre nei locali animali, materiali infiammabili, armi e materiali pericolosi o nocivi

5. versare un deposito cauzionale di € 100 (cento) in contanti, che sarà restituito al termine del soggiorno o trattenuto a titolo di risarcimento per eventuali danneggiamenti o abusi nell’utilizzo delle utenze

6. rendersi disponibile per la conduzione di seminari e letture

7. ottenere dall’editore che, nel retrofrontespizio dell’opera pubblicata, sia apposta la formula: «la traduzione è stata svolta [per intero o in parte] presso le Biblioteche di Roma - Casa delle Traduzioni »

 8. donare alla biblioteca della Casa delle Traduzioni almeno una copia dell’opera pubblicata.

 

Qualora non vengano rispettati i punti dall’1 al 6 del presente Regolamento, saranno applicate le sanzioni previste dal Codice Civile.

 

La residenza è chiusa dal 15 luglio al 15 settembre e durante le festività natalizie e pasquali.

 

14 DIC 2012 - LC
Ultimo aggiornamento 15 novembre 2015



Inizio pagina