Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home / Municipi
Categoria1__Municipi
/ Municipio XIII
Categoria2__Municipio XIII
/ Presentazione storica

Presentazione storica



CONOSCERE il Municipio Roma 18

In giro per il Municipio
Siti archeologici e monumenti
Bibliografia



Il territorio della Municipio Roma 18 è quanto mai esteso e partendo da S. Pietro arriva alla campagna oltre Castel di Guido sino al fiume Arrone, in prossimità del bivio di Fregene.

In questi luoghi si trovano presenze archeologiche che risalgono addirittura al Paleolitico inferiore, medio e superiore.

La sua storia risente prima dell'influenza dei vicini etruschi, essendo un territorio di confine tra il mondo etrusco e quello latino - come testimoniato dai resti di abitati e di necropoli rinvenuti nella zona di Castel di Guido (l'antica Lorium) - e successivamente dell'influenza romana.

Tutto ciò perché la ricchezza di risorse presenti nel territorio a nord del Tevere, tra Roma ed il mare, ha favorito l'insediamento dell'uomo: ricco di acqua e fertile, quindi adatto alla coltivazione ed al pascolo, offriva i materiali da costruzione come il tufo e l'argilla, e le materie prime (la selce, ad esempio) utili alla fabbricazione di utensili essenziali alla difesa e alla caccia. Risorse assai preziose erano costituite dalle "saline", sottratte con la forza agli Etruschi, da Romolo o forse da Numa. Il sale era indispensabile, in quell'epoca, per la conservazione della carne e per la produzione casearia: i romani stessi definivano "salarium" lo stipendio, forse originariamente corrisposto in sale.

Con l'espansione di Roma la viabilità si spostò in questa direzione con la via Caere'Roma che, ricalcando in parte l'attuale via Boccea, raggiungeva Ceri e proseguiva sino a Cerveteri. E' probabile che nello stesso periodo si sia sviluppato un altro percorso corrispondente all'attuale via Aurelia per scopi militari e commerciali. La zona quindi, per le sue caratteristiche e per i commerci che vi si erano sviluppati, nonché per le importanti vie di comunicazione, si urbanizzò rapidamente, in particolare lungo la via Aurelia.

Con la caduta dell'Impero Romano e la conseguente crisi che ne seguì, tutta l'area rurale ebbe un forte tracollo demografico ad eccezione di pochi borghi come Lorium, divenuta sede vescovile, S. Rufina, centro religioso di primaria importanza, e forse Malagrotta e Boccea.

Risale a quest'epoca la divisione delle terre tra diversi poli di potere: monasteri, papato, aristocrazia laica, interessi bizantini.

In ogni caso sono comunque presenti segni della storia passata: la toponomastica del nostro Municipio ricorda i nomi e le opere dei papi che si sono susseguiti, la viabilità percorre antichi tracciati, le porte nelle mura indicano tuttora punti di riferimento e di misura del territorio, gli spazi verdi rimandano a nomi di famiglie nobili e di cardinali (villa Veschi e villa Carpegna).

Nel territorio della Municipio Roma 18 sono conservati i resti dell'antico asse viario della Via Cornelia opera forse di un certo Cornelio, esistente, presumibilmente, sin dal secolo IV a.c. La Via nasceva dall'antica Porta Aurelia o Cornelia in prossimità del ponte Elio ora S. Angelo.

Questo tratto di mura, che costeggiava l'argine sinistro del Tevere, fu demolito da Papa Alessandro VI Borgia (1492/1503). La via Cornelia, attraversato il ponte, probabilmente si imbatteva, in prossimità del Mausoleo di Adriano, in una seconda Porta quasi certamente la vera porta Cornelia chiamata poi nel medioevo "Porta Sancti Petri" o "Porta Aurea". Percorreva poi il territorio Vaticano (ager Vaticanus), l'asse di Piazza S. Pietro e della Basilica inglobando la tomba dell'apostolo Pietro, volgendo poi a sinistra per unire il suo corso a quello della via Aurelia Nuova. Entrambe le strade uscivano da Porta Cavalleggeri per salire le alture sovrastanti il Vaticano, a fianco del seicentesco ramo Paolino dell'acquedotto traianeo, situato a sinistra presso l'attuale cavalcavia dell'Aurelia sull'Olimpica, arrivando poi al bivio dove sorge la chiesa della Madonna del Riposo.