Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Categoria1__Notizie
Data__01/09/2016
Data__2016
DataModifica__01/09/2016

OPEN GOVERNMENT

Situazione attuale e fattori di criticità.

L’Amministrazione di Roma Capitale soffre di un deficit di trasparenza, di un’immagine opaca e di una caduta di fiducia da parte dei cittadini. Anche l’iniziativa del portale Open Data, la cui conoscenza è poco diffusa, non consente una reale fruizione e riuso dei dati. A questa situazione si aggiungono una mancanza di pratiche di partecipazione della società civile (fanno eccezione solo alcuni Municipi) e l’assenza di strumenti e spazi che abilitino alla partecipazione e alla collaborazione. Non ci sono, inoltre, iniziative pianificate di reale cambiamento o attività sullo sviluppo delle competenze digitali, la cui carenza rende ancora più difficile la diffusione delle pratiche di partecipazione attraverso la rete. Solo agendo contemporaneamente con determinazione su tutti gli elementi si possono ottenere risultati di cambiamento, superando il senso di estraneità sentito in gran parte dalla popolazione romana. Il coinvolgimento dei cittadini diventa così il primo obiettivo per la ricostruzione di una identità di comunità, anche per creare il consenso e la collaborazione necessari per azioni che sono chiaramente di rottura rispetto agli interessi preesistenti.

 

Visione e obiettivi.

L’obiettivo è porre l’Open government (trasparenza, supportata dai dati aperti, partecipazione e collaborazione, dar conto, in corso d’opera, delle proprie decisioni e dei risultati raggiunti - accountability) alla base del metodo di governo dell’Amministrazione, perché è questo che rende possibile mettere a sistema la partecipazione. Si tratta di ripensare in modo nativo i processi organizzativi, rendendo la trasparenza e l’apertura naturali e sostenibili, elementi di forza e identitari di Roma Capitale, anche utilizzando le esperienze già consolidate in ambito nazionale ed europeo.

 

Azioni prioritarie.

1. pubblicazione degli incontri con portatori di interessi in un’agenda pubblica;

2. istituzione di un registro dei rappresentanti degli interessi;

3. istituzione dell’anagrafe pubblica degli eletti e dei nominati, in formato accessibile e aperto;

4. pubblicazione di report periodici sulle attività della Centrale Unica di Committenza;

5. interventi anticorruzione;

6. efficiente ed efficace monitoraggio del rispetto delle disposizioni su anticorruzione e trasparenza, con la definizione di un protocollo di collaborazione con ANAC;

7. piena trasparenza sulle attività dell’Amministrazione: streaming Assemblea Capitolina, Commissioni consiliari e Consigli dei Municipi, pubblicazione di atti e spese, appalti e principali progetti in corso, in raccordo e riuso delle esperienze nazionali come OpenCantieri; bilancio trasparente e realizzazione di bilancio partecipato in aree di rilevanza sociale; pubblicazione delle spese sostenute dagli staff degli organi di indirizzo politico;

8. istituzione a costo zero, della Consulta cittadina per l’Innovazione come luogo di confronto con la cittadinanza sui temi strategici dell’innovazione;

9. attivazione del Forum degli Innovatori del personale del Roma Capitale (gruppi di lavoro per l’innovazione digitale e la semplificazione e il miglioramento della macchina amministrativa);

10. monitoraggio dello stato dell’arte relativamente all’applicazione degli istituti di partecipazione ed eventuale modifica del relativo regolamento per garantire la partecipazione dei cittadini ai processi decisionali con strumenti di democrazia partecipata e diretta;

11. realizzazione sul sito web di Roma Capitale di uno spazio pubblico (Portale della Partecipazione) per abilitare i processi di partecipazione anche a livello di Municipio (condivisione di buone pratiche, cittadinanza attiva, petizioni, richieste-idee-proposte);

12. attuazione di un piano di comunicazione sui diritti e le opportunità della partecipazione e di un programma di alfabetizzazione alla partecipazione anche attraverso le tecnologie.

 

 

Linee Programmatiche dell’assessorato

 

 

data di aggiornamento 05/09/2016

 


Invia questo articolo