Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Categoria1__Notizie
Data__01/09/2016
Data__2016
DataModifica__01/09/2016

COMPETENZE DIGITALI

Situazione attuale e fattori di criticità.

L’opportunità del digitale si può cogliere soltanto se sono presenti competenze digitali di base diffuse nella popolazione e competenze specialistiche ICT (Information Comunication Tecnology) e di e-leadership nelle organizzazioni e prima di tutto nell’Amministrazione. Così si può attivare un circolo virtuoso che consente partecipazione attiva e collaborazione, insieme a sviluppo e migliore qualità della vita. E d’altra parte, il rischio da evitare, perdurando le attuali gravi carenze sulle competenze digitali è quello di uno sviluppo digitale che non migliora ma anzi peggiora le condizioni della popolazione, in termini di partecipazione democratica, di esercizio di cittadinanza, di costi dei servizi, di uguaglianza.

 

Visione e obiettivi.

Il tema delle competenze è cruciale per qualsiasi politica di sviluppo. Le Amministrazioni devono, quindi, farsene carico in modo strutturale, con iniziative e presìdi permanenti. Ed è questo il campo in cui si dovranno valorizzare e diffondere le esperienze esistenti. L’Amministrazione è chiamata alla definizione di una politica industriale del territorio, individuando i settori strategici sui quali realizzare specifiche azioni di abilitazione. Roma Capitale è chiamata a stimolare creatività e proattività, fornendo spazi e servizi di supporto, la costituzione di luoghi di progettazione innovativa (es. fablab), ma, ancor di più, la costruzione delle condizioni per lo sviluppo di ecosistemi che connettano università, ricerca, imprese e organizzazioni del privato sociale.

 

Azioni prioritarie.

i) attivazione di un programma di supporto all’uso delle tecnologie e dei servizi digitali (es. SPID Sistema Pubblico di Identità Digitale) e supporto all’approccio al digitale (punti di accesso assistiti presso scuole, biblioteche, centri anziani, uffici postali, centri per l’istruzione degli adulti, etc.) per l’abbattimento del divario digitale socio-economico, culturale, generazionale e di genere. Tale azione sarà rivolta anche alle realtà produttive del territorio con particolare attenzione ad artigiani e piccoli imprenditori che sottoutilizzano il digitale;

ii) istituzione delle Piazze dell’Innovazione (luoghi multifunzionali che includono Punti di accesso assistiti, palestre per la progettazione e la sperimentazione creativa);

iii) attivazione di un programma strutturato per lo sviluppo delle competenze digitali nell’Amministrazione capitolina, anche facendo leva sul Forum degli Innovatori del personale, con formazione dei dipendenti (su temi come e-leadership, open data, open source, partecipazione, servizi digitali).

 

 

Linee Programmatiche dell’assessorato

 

 

data di aggiornamento 05/09/2016

 


Invia questo articolo