Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Informazioni
Categoria1__Notizie
Data__31/01/2005
Data__2005

GPPnet: la rete degli acquisti pubblici verdi

Il Comune di Roma, Dipartimento Tutela Ambientale, ha aderito al progetto GPPnet, coordinato dalla Provincia di Cremona.  Il Green Pubblic Procurement (GPP) è uno dei 14 progetti italiani finanziati nell'ambito del programma Life Ambiente 2001.  Life è lo strumento finanziario istituito dall'Unione Europea per contribuire all'attuazione e allo sviluppo della politica comunitaria nel settore dell'ambiente e della legislazione ambientale.


La rete degli acquisti pubblici verdi, (Green Pubblic Procurement) ha lo scopo di "rendere verdi" gli acquisti pubblici adottando i criteri ambientali nelle procedure d'acquisto degli enti locali e della Pubblica Amministrazione. Acquistare verde significa scegliere un determinato prodotto o servizio sulla base degli impatti ambientali che questo può avere nel corso del suo ciclo di vita, ovvero durante tutte le fasi del processo produttivo, dell'estrazione delle materie prime allo smaltimento dei rifiuti.
Il GPP è quindi uno strumento volto a rivedere le pratiche d'acquisto nella pubblica amministrazione a favore di beni e servizi che riducono l'uso delle risorse naturali, il consumo energetico, la produzione dei rifiuti, le emissioni inquinanti.  Nel 2010, il Consiglio Comunale, ha approvato le linee di indirizzo in materia di acquisti ed appalti pubblici sostenibili (deliberazione C.C. n. 8/2010 )

 

Obiettivi
Il GPPnet, ha lo scopo di sostituire gli acquisti attuali con prodotti e servizi a "impatto ambientale ridotto" e di ridurre l'impatto delle attività gestite dalla Pubblica Amministrazione.
Il Comune di Roma, Dipartimento Politiche Ambientali e Agricole, ha intenzione di raccogliere tutti gli atti relativi all'acquisto dei prodotti e servizi al fine di identificare le possibili aree di implementazione del GPP.
Una semplice scheda aiuterà la raccolta dei dati necessari per mettere in evidenza gli elementi che possono favorire o ostacolare l'implementazione del GPP.

 


Esperienze nazionali
In Italia l'ANPA ha pubblicato nell'ottobre 2000 il Manuale delle caratteristiche dei prodotti migliori da un punto di vista ambientale, da utilizzare nelle procedure di acquisto della Pubblica Amministrazione. Nel manuale vengono analizzate le tecniche di acquisto praticate e praticabili da parte degli enti pubblici e determinati i criteri di preferibilità ambientale dei prodotti.  Tale pubblicazione ha dato il primo input alle iniziative nazionali.

Comune di Ferrara utilizza dal 1994 criteri ambientali nelle gare. Attualmente gli appalti più rilevanti nell'ambito degli acquisti verdi sono l'approviggionamento dei prodotti biologici per le mense e il trasporto scolastico con mezzi a ridotto impatto ambientale.

GPP InfoNet: Si tratta di un network, nato dal progetto GPPnet, costituito da 30 Enti distribuiti tra le varie regioni d'Italia, tra cui il Comune di Roma - Dipartimento Tutela Ambientale, che include comuni, provincie, regioni, agenzie regionali per la protezione ambientale, ed enti parcoe che rsulta costituito da un campione rappresentativo delle amministrazioni più sensibili alle tematiche della sostenibilità che potrebbero a loro volta trasformarsi in testimoni diretti del GPP.

Arpa Piemonte da alcuni anni ha inserito alcuni criteri ambientali nelle gare di appalto. La prima fase è stata l'inserimento nelle gare di una clausola indicante che, a parità di offerta, sarebbero stati preferiti fornitori certificati EMAS o ISO. Inoltre ha redatto bandi verdi per l'acquisto di attrezzature informatiche, carta per copie, vestiario, arredi, servizi di pulizia, e calzature per la protezione personale.

Provincia di Bologna utilizza ormai da tempo e con successo i criteri ecologici nelle gare per l'acquisto di prodotti cartacei (carta da copie, stampa e prodotti per l'igiene).

Provincia di Lecco  ha dato l'incarico a Legambiente, con il supporto dell'unità Ecologica per l'a Qualità dei prodotti per l'ANPA, di introdurre i criteri ecologici nelle gare dei 78 comuni delle provincia.


Invia questo articolo