Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  News Assessorato
Categoria1__Notizie
Data__29/11/2016
Data__2016

Roma Capitale aderisce alla Campagna “Posto Occupato” contro la violenza sulle donne

posto occupato

Roma, 25 novembre 2016 – Una sedia vuota in memoria delle vittime di femminicidio sarà riservata in ogni seduta di Giunta 

 

Nella Giornata internazionale ONU per l'eliminazione della violenza contro le donne, la Giunta Capitolina aderisce alla Campagna “Posto Occupato” www.postoccupato.org per ribadire l’impegno dell’Amministrazione contro ogni forma di abuso nei confronti delle donne.

A partire da oggi e in occasione di tutte le future sedute di Giunta, sarà riservata un sedia vuota: un gesto concreto, un simbolo forte e efficace che rimanda a uno spazio fisico dedicato a tutte le donne vittime di violenza.

“È un’iniziativa a cui tengo molto e che ho fortemente voluto” – dichiara l'assessora a Roma Semplice, Flavia Marzano -Abbiamo il dovere di aiutare i bambini e le bambine a crescere in un mondo non violento, dobbiamo dare esempi positivi e incoraggiare le donne a denunciare i comportamenti violenti”.

“Tutta la società deve essere coinvolta nell’educazione di uomini e donne contro la violenza. A tale scopo, ci siamo già attivati affinché, anche attraverso un utilizzo più efficace dei finanziamenti europei, vengano stanziati 2 milioni e mezzo di euro per l’allestimento di 3 nuovi centri di accoglienza dedicati alle donne vittime di violenza domestica”, conclude l’assessora.

La campagna si aggiunge alle numerose iniziative sul tema organizzate dal Campidoglio e ha lo scopo di sensibilizzare cittadini e opinione pubblica affinché ogni giorno, non solo il 25 Novembre, resti alta l’attenzione su una tragedia che dall’inizio dell’anno ha visto già oltre 150 vittime.  

 

Memoria di Giunta del 25 novembre 2015


Invia questo articolo