Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Attualità
Categoria1__Notizie
Data__29/11/2016
Data__2016

Freddo, operativo piano del Campidoglio per le persone in condizione di marginalità

piano freddo

A pieno regime il piano freddo di Roma Capitale per accogliere i senza fissa dimora che vivono in strada, in condizioni di disagio sociale estremo e che, nel periodo invernale, soprattutto nelle ore notturne, sono esposti a gravi rischi per la salute. A seguito dello studio di fattibilità operato dal Dipartimento Politiche Sociali, Salute e Sussidiarietà che ha rilevato la necessità di procedere all’attivazione di risorse straordinarie, sono stati messi a disposizione 1.016.417 euro: oltre 250mila euro in più rispetto allo scorso anno grazie all’utilizzo di fondi derivanti da un bene confiscato alla criminalità. 

 

Più nello specifico: 65 posti in h24 e 180 posti in h15 (dal 1° dicembre al 30 aprile 2017); 100 posti in h9 e 180 posti in h4 (dal 1° dicembre 2016 al 30 aprile 2017). Inoltre ulteriori disponibilità saranno attivate dai Municipi.

 

“L’obiettivo – spiega l’Assessora alla Persona, Scuola e Comunità Solidali Laura Baldassarre -  è quello di offrire alle  persone fragili forme diversificate di accoglienza mediante l’attivazione di centri diurni H9 dove è prevista la fornitura del pranzo e servizio lavanderia, cambio abiti e doccia; di sollievo e ristoro  H4 dove è prevista la distribuzione i bevande calde e snack, servizio lavanderia,  cambio abiti doccia; centri notturni H15 dove è prevista oltre all’accoglienza notturna a partire dalle 18.00, la cena, il pernotto, la colazione, servizio lavanderia, cambio abiti e doccia; centri attivi tutto il giorno H24 dove è prevista oltre all’accoglienza diurna/notturna, la cena, il pernotto, la colazione, il pranzo e il servizio lavanderia, cambio abiti e doccia”.

 

Per aumentare ulteriormente la disponibilità di servizi di accoglienza notturna, il Dipartimento Politiche Sociali, Salute e Sussidiarietà provvederà con una nuova procedura al reperimento di ulteriori disponibilità da destinare ai soggetti senza fissa dimora e in condizione di marginalità.

 

L’attivazione di strutture H15 e H24  è stata pensata per dare accoglienza a persone estremamente vulnerabili che, pur mantenendo un discreto livello di autosufficienza e autonomia, necessitano di un ambiente protetto - utenti in dimissioni dagli ospedali o cliniche post acuzie, persone con disabilità psichica o fisica ma in grado di vivere in contesti comunitari e che non necessitano di cure sanitarie in sede.

 

L’attivazione e l’implementazione dei Servizi H4 e H9 è stata pensata per quegli utenti poco inclini ad accettare ospitalità notturna, che invece accettano più facilmente quella diurna. L’analisi dei casi di utenti che hanno fruito dei servizi diurni ha messo in evidenza l’importanza di questo tipo di risorse che spesso rappresentano il punto di partenza e di primo approccio per l’avvio di una presa in carico strutturata nel tempo.

 

L’accesso a strutture prettamente diurne è stata altresì pensata per dare ristoro e sollievo ai molti migranti di passaggio nella Capitale che chiedono e necessitano di servizi di bassissima soglia come quelli descritti e che non accettano l’ospitalità notturna in previsione di un imminente partenza per altre destinazioni.

 

L’obiettivo non è solo quello di erogare una prestazione ma di valorizzare e stimolare gli utenti alla cura di sé e dell’ambiente ospitante. Il progetto mira anche ad individuare, formulare e avviare un percorso a breve termine per un recupero delle capacità di autonomia in stretta connessione con i Servizi Sociali Municipali o di altre città e in  collegamento con le Istituzioni territorialmente competenti e la rete informale delle risorse. Tali azioni costituiscono potenziamento e completamento dei servizi  di accoglienza notturni già attivi. 

 

Nel frattempo il Dipartimento Politiche Sociali ha avviato un'indagine di mercato, rivolta ad enti del terzo settore, per potenziare i servizi di accoglienza notturna da attivare nel periodo 1 gennaio-30 aprile 2017. 

 

29 NOV 2016 - RED

Agg 6 DIC 2016

 


Invia questo articolo