Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Archivio Primo Piano ok
Categoria1__Notizie
Data__25/01/2017
Data__2017

Il sogno come veicolo di emozioni espresse.

 

Il sogno come veicolo di emozioni espresse. 

A partire dal 4 aprile 2017 lo Spazio Factory, presso il Macro di Testaccio, apre le porte a quattro giorni di laboratori teatrali diretti da attori e registi e rivolti a giovani attori, attori professionisti e a semplici appassionati. I laboratori, curati dall’attrice e regista Viviana di Bert, saranno impostati sul lavoro onirico e sulla psico-tecnica secondo il metodo Strasberg. Nel corso degli incontri saranno proposti ai partecipanti anche elementi di teatro comico e di teatro circo.

 

Ultimo aggiornamento 04/04/2017

 

Nei giorni di sabato 8 e domenica 9 aprile gli attori partecipanti presenteranno al pubblico il lavoro svolto mettendo in scena una performance ispirata ai personaggi shakespeariani di “Sogno di una notte di mezza estate”. In occasione dell’apertura al pubblico,  gli ateliers dello Spazio Factory verranno allestiti, in stretto dialogo con la performance,  con opere dei designer Fabio Maria Alecci e Gianluca Esposito.

 

Il progetto è a cura di Viviana Di Bert.

 

Viviana Di Bert: Attrice e regista debutta nel 1984 con M.T. Giordana. La sua ricerca è incentrata sulla psico- tecnica elaborata da  Lee Strasberg e il lavoro onirico che studia e approfondisce dal 1987 con Sandra Seacat  (Actors Studio). Del 1998 è la prima regia teatrale con “Party time” di H. Pinter al Teatro di Tor Bella Monaca di Roma. Partecipa come interprete a diverse produzioni cinematografiche e televisive. Realizza una trentina di regie teatrali tra le quali: “ Fuoco su Tre Sorelle”, Teatro Sala Uno, Roma (2015); “Andando Verso Frida”, Casa dei Teatri, Villino Corsini, Roma (2014); “Zero…O… da L’ultima Estate di Hiroshima”di Hara Tamiki, Colosseo Nuovo Teatro, Roma (2012); “Medea Voci “ di C.Wolf, Centrale Montemartini, Roma (2010). Del 2016 la sua prima opera filmica con il cortometraggio “Il viaggio”, menzione speciale della giuria al XXVIII Fano International Film Festival.

 

Il sogno come veicolo di emozioni espresse

Spazio Factory, Macro Testaccio

Piazza Orazio Giustiniani, 4 – Roma

Performance: 8 e 9 aprile 2017 - h 17:00/19:00

Ingresso libero

 

 

 

Ultimo aggiornamento 04/04/2017

 


Invia questo articolo