Luceverde

Infomobilità

Lavori pubblici per il Giubileo

Sito informativo sul Giubileo

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Primo Piano
Categoria1__Notizie

"Pirouette" alla Sala Santa Rita

pirouette

Dal 24 al 31 marzo 2017 la Sala Santa Rita ospita "Pirouette", progetto site specific di Valentina Palazzari a cura di Davide Sarchioni.

 

Si avvisa che sabato 25 marzo, come previsto dal piano per la sicurezza per il 60° anniversario della firma dei Trattati di Roma, la Sala Santa Rita resterà chiusa per l’intera giornata.

 

L'artista rilegge lo spazio dell'ex chiesa barocca di Santa Rita con una pirouette, il celebre passo di danza classica costituito da un'agile giravolta che ispira il movimento rotatorio a cui è sottesa la grande struttura posta al centro della Sala, realizzata sovrapponendo numerose e pesanti reti elettrosaldate che, strato dopo strato, si avvitano sul proprio asse, seguendo un progressivo moto ascensionale.

 

Tale movimento si fa inclusivo e dialogante rispetto allo spazio circostante, in un intreccio fittissimo di suggestioni ritmiche e simboliche che sollecitano un confronto con l'architettura e la storia dell'arte, richiamando alla memoria la lanterna a spirale di Sant'Ivo alla Sapienza di Borromini o gli affreschi di Lanfranco a Sant'Andrea della Valle.

La struttura centrale costituisce il fulcro semantico e formale dell'intera installazione, attorno al quale gravitano elementi e oggetti differenti, variamente connessi tra di loro in un sistema di forze, tensioni e associazioni visive, la cui disposizione sembra ripristinare l'idea dell'originario spazio liturgico e spirituale della ex chiesa, ma riletto in chiave assolutamente personale.

Una tela collocata nell'abside funge, in questa occasione, da moderna pala d'altare in cui compaiono segni, bruciature e lacerazioni, ottenute lasciando depositare i residui della ruggine, per dar luogo ad inusuali fenomeni estetici e a brani compositivi e cromatici di grande intensità.

 

Con Pirouette prosegue la recente indagine di Palazzari che, esplorando le qualità fisiche e le caratteristiche estetiche di diversi materiali, come reti elettrosaldate, tondini di ferro e plastica, mira a comporre immagini che individuano le strutture primarie racchiuse nella forma e scaturite direttamente dall'ambiente e dallo spazio circostante con cui interagiscono. Si tratta di materiali solitamente impiegati in ambito edile per armare le strutture in cemento di una costruzione o di un edificio, che diventano l'ossatura portante di un personale costrutto linguistico in grado di dischiudere nuovi percorsi immaginativi fra interno ed esterno, volumi e superfici, pieni e vuoti, in un proliferare di connessioni e di significati. Gli stessi materiali diventano matrici per imprimere su diversi supporti i segni derivati dalla lenta azione corrosiva della ruggine, metafora di forza e di energia vitale, sottesi al variare dell'azione, del gesto e delle reazioni dello stesso materiale di supporto, innescando una dialettica problematica tra l'oggetto e la sua traccia.

 

 

Pirouette è promossa dall’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale - Dipartimento Attività Culturali - Direzione Organismi Partecipati e Spazi Culturali con il sostegno di Fondazione VOLUME! e MLZ Art Dep, in collaborazione con Zètema Progetto Cultura.

 

 

Valentina Palazzari (Terni 1975) vive e lavora a Roma. Tra i suoi progetti pubblici si menzionano: Il Muro dei Muri (2015) opera ambientale per TodiFestival, presso Piazza del Popolo a Todi-PG; l'opera permanente per Terravecchia 2016. L'Uomo, il Suono, la Natura (2016), Frasso Telesino-BN; In senso anti orario (2017), opera per MADE IN FORTE. Percorsi d'Arte e di Luce, presso Piazza Dante a Forte dei Marmi-LU. Tra le mostre recenti si ricordano: la personale A, galleria MLZ Art Dep, Trieste (2016); le collettive L'Uomo, il Suono, la Natura, Anywhere Art Company, Napoli (2016); I materiali della pittura, Il Frantoio, Capalbio-GR (2016).

 

 

Dal 24 al 31 marzo. Inaugurazione 23 marzo ore 18.30

Sala Santa Rita Via Montanara (ad. Piazza Campitelli)

INGRESSO LIBERO

Orari di apertura: lunedì - sabato 15 - 19.30

domenica 11 - 13; 15 – 19.30

 

 

 

 

15/3/2017


Invia questo articolo