Luceverde

Infomobilità

Lavori pubblici per il Giubileo

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Attualità
Categoria1__Notizie
Data__14/03/2017
Data__2017

Campi rom: al lavoro per superamento villaggi Monachina e La Barbuta

campo rom

A conclusione del censimento realizzato dalla Polizia Locale emerge che ad oggi nei nove villaggi attrezzati la popolazione Rom è pari a 4.500 persone. “Finalmente un dato certo su cui basare l’attività di programmazione” dichiara in una nota l’assessora alla Persona, Scuola e Comunità solidale di Roma Capitale Laura Baldassare.

 

“Stiamo seguendo il percorso delineato dalla delibera di Giunta di dicembre: la bozza di piano elaborata dal Tavolo è stata sottoposta alle associazioni, agli esperti, il tutto rispettando i tempi previsti – spiega l’Assessora – Nel frattempo abbiamo fornito le direttive per il bando che riguarda i campi de La Barbuta e della Monachina, impegnando le risorse di fonte europea del PON Metro per l’attuazione di una delle priorità del programma della Giunta Raggi: il superamento dei campi. Un’ulteriore azione è stato l’intervento sui bandi già pubblicati nella fase commissariale: sono stati recuperati fondi ulteriori che potranno ora essere messi a disposizione del Piano, senza sottrarre risorse ad altre finalità ma utilizzando quanto già stanziato per queste popolazioni”.

 

Nella nota Baldassarre precisa che non è stato possibile revocare il bando per il reperimento di un’area attrezzata nel territorio del Municipio XV o Municipi limitrofi, per l’accoglienza e il soggiorno di 500 persone (120 nuclei familiari), in quanto avrebbe comportato l’improvvisa privazione di un tetto per le persone in condizioni di fragilità e di forme di protezione sociale.

 

L’Assessora conclude riferendo che l’Anac ha appena dato notizia di una sua relazione che fotografa una gestione critica e anomala del servizio di scolarizzazione (settembre 2005-agosto 2015)  che era dedicato ai bambini che vivono nei campi. “Negli anni un fiume di denaro è stato utilizzato per interventi quantomeno inefficaci sulle popolazioni alle quali era destinato, con procedure opache, senza una cultura del monitoraggio e della valutazione. Un vero spreco di risorse pubbliche sulla pelle di una popolazione già pesantemente marginalizzata”.

 

14 MAR 2017 - RED


Invia questo articolo