Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Referendum popolare 17 aprile 2016
Categoria1__Notizie

Referendum Popolari 28 maggio 2017

 

 

ReferendumCon decreti del Presidente della Repubblica (pubblicati nella Gazzetta Ufficiale - Serie generale n. 62 del 15 marzo 2017) sono stati convocati  per il giorno di DOMENICA 28 MAGGIO 2017, i referendum popolari previsti dall’ articolo 75 della Costituzione con le seguenti denominazioni: “Abrogazione disposizioni limitative della responsabilità solidale in materia di appalti”; “Abrogazione disposizioni sul lavoro accessorio (voucher)”

 

OPZIONE DEGLI ELETTORI RESIDENTI ALL’ESTERO PER ESERCITARE IL DIRITTO DI VOTO IN ITALIA

 

Gli elettori residenti all’estero votano per corrispondenza nella circoscrizione Estero, ma è fatta salva la loro facoltà di venire a votare in Italia, previa apposita e tempestiva opzione, valida per un’unica consultazione.

Il diritto di opzione per il voto in Italia degli elettori residenti all’Estero, ai sensi degli artt. 1, comma 3 e 4 della legge n. 459/2001 nonché dell’art. 4 del D.P.R. n. 104/03, deve essere esercitato entro il decimo giorno successivo all’indizione del referendum e cioè entro il prossimo 25 marzo 2017.

L’opzione dovrà pervenire all’Ufficio consolare operante nella circoscrizione di residenza dell’elettore (mediante consegna a mano, o per invio postale o telematico, unitamente a copia fotostatica non autenticata di un documento d’identità del sottoscrittore) entro il termine suddetto e può essere revocata con le medesime modalità ed entro gli stessi termini previsti per il suo esercizio.

Qualora l’opzione venga inviata per posta, l’elettore ha l’onere di accertarne la ricezione, da parte dell’Ufficio consolare, entro il termine prescritto.

Eventuali opzioni effettuate in occasione di precedenti consultazioni politiche o referendarie non hanno più effetto.

E’ possibile scaricare il modulo d’opzione predisposto dal Ministero degli affari esteri e della Cooperazione Internazionale che gli elettori residenti all’estero potranno utilizzare o prendere come riferimento per formulare l’opzione per l’esercizio del voto in Italia tramite il modulo di opzione (PDF)

 

VOTO DEGLI ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO PER MOTIVI DI LAVORO, STUDIO O CURE MEDICHE E DEI FAMILIARI CONVIVENTI

 

Gli elettori che per motivi di studio e di lavoro o di cure mediche e i loro familiari conviventi si trovino temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi,  nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione referendaria, potranno esercitare il diritto di voto per corrispondenza nella circoscrizione estero, previa espressa opzione valida solo per questa consultazione (art. 4-bis della legge n. 459/2001 come integrata dalla legge 6 maggio 2015 n. 52).

Gli elettori interessati iscritti nelle liste elettorali di Roma Capitale, che si trovino o si troveranno nelle condizioni sopraindicate, per esprimere la loro opzione devono:

Compilare in ogni sua parte l’apposito modulo allegato in cui devono essere contenute:

indicazione dell’indirizzo postale estero a cui inviare il plico elettorale;

la dichiarazione di possedere i requisiti di cui al comma 1 dell’art. 4-bis della legge n. 459/2001;

allegare al modulo la fotocopia di un valido documento di riconoscimento.

Gli elettori potranno far pervenire l’apposito modulo, compilato in ogni sua parte e in carta libera tramite:

posta ordinaria al seguente indirizzo:

Direzione Coordinamento Servizi Delegati – Ufficio AIRE

Via Luigi Petroselli n. 50, 00186 – Roma;

fax al n. 06/67104007;

posta elettronica all’indirizzo: aire.elettorale@comune.roma.it  

posta elettronica certificata (pec): protocollo.servizielettorali@pec.comune.roma.it

recapito a mano anche da persona diversa dall’interessato presso

l’Ufficio AIRE in via LuigiPetroselli , 50 –

3° piano con orario 8,00 – 18,30 dal lunedì al giovedì e con orario 8,00 – 14,00 il venerdì.

La richiesta di opzione per il voto per corrispondenza deve essere fatta pervenire al Comune d’iscrizione nelle liste elettorali entro i dieci giorni successivi alla data di pubblicazione del decreto di convocazione dei comizi elettorali (con possibilità di revoca entro lo stesso termine). Peraltro come rappresentato con la circolare prefettizia n. 5/2017, in considerazione dell’esigenza di garantire l’esercizio del diritto di voto costituzionalmente tutelato, i Comuni considereranno valide le opzioni che perverranno entro il trentaduesimo giorno antecedente la votazione (26 aprile 2017). L’opzione può essere formulata e fatta pervenire anche prima dell’indizione delle consultazioni.

 

AVVERTENZE IMPORTANTI

 

E’ richiesta la presenza dell’elettore all’estero per un periodo minimo di almeno tre mesi nel quale ricada la data di svolgimento della consultazione. La domanda si intende validamente prodotta nel caso in cui lo stesso dichiari tale circostanza anche se non si trova già all’estero al momento in cui effettua la domanda, purché il periodo previsto e dichiarato di temporanea residenza comprenda la data stabilita per la votazione. Non è possibile il voto per corrispondenza per coloro che si trovino negli Stati con cui l’Italia non intrattiene relazioni diplomatiche o nei quali la situazione politica o sociale non garantisca la segretezza della corrispondenza e nessun pregiudizio per chi vota (legge 27/12/2001 n. 459, art. 20, comma 1-bis, come modificata dalla legge 06/05/2015 n, 52). L’elenco degli Stati in cui non si può votare per corrispondenza ai sensi del suddetto art. 20 comma 1-bis, verrà pubblicato non appena sarà trasmesso dal Ministero dell’Interno.

Tale limitazione è esclusa per gli elettori rientranti nelle categorie di cui alla legge 459/2001 art. 4-bis, comma 5 (Forze Armate e Forze di Polizia temporaneamente all’estero per missioni internazionali) e comma 6 (dipendenti di ruolo dello Stato in servizio all’estero e le persone con essi conviventi). Per essi si rinvia all’intesa del 04/12/2015 tra il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, il Ministero dell’Interno ed il Ministero della Difesa che  disciplina la relativa procedura.

 

Circolare n. 5/2017 Prefettura di Roma

 

Modulo di richiesta

 

Normativa: L. 459/2001

                  L.  52/2015

 

 

Data ultimo aggiornamento: 06/04/2017
 


Invia questo articolo