Luceverde

Infomobilità

Lavori pubblici per il Giubileo

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Cultura , eventi , tempo libero
Categoria1__Notizie
Data__13/06/2017
Data__2017

Turismo, Giunta sostiene candidatura Via Nicolaiana tra gli itinerari europei

basilica di san nicola a bari

Valorizzare un antico tracciato che conduceva i pellegrini dalla lontane città dell’Est in Italia, favorire e stimolare il turismo sostenibile attraverso il riconoscimento di un nuovo itinerario culturale, promuovere nuovi flussi turistici verso la Capitale. La Giunta capitolina ha approvato una memoria per sostenere la candidatura della Via Nicolaiana presso l’Agenzia Cultural Routes, al fine di ottenere la certificazione di “Itinerario Culturale” nell’ambito del Programma del Consiglio d’Europa.

 

La Via Nicolaiana era il percorso attraverso il quale i pellegrini di fede cristiano-ortodossa attraversavano l'Europa per migliaia di chilometri, e giungevano infine a venerare le reliquie di San Nicola di Myra, custodite nella città di Bari. Roma rappresentava una tappa fondamentale dei pellegrinaggi nicolaiani, dei quali è presente un'abbondante testimonianza sia nella chiesa di San Giuliano dei Fiamminghi, che a Bari, negli stessi archivi della basilica pontificia di San Nicola. 

 

L’itinerario proposto al Consiglio d’Europa fa rinascere così lo speciale legame della città con una tradizione antica di molti secoli, prevedendo una sosta nella Capitale, nella chiesa dedicata a San Nicola di Bari, che si trova nel quartiere di Ostia. Obiettivo che consentirà di dare maggior valore anche al patrimonio storico e culturale rappresentato dalle molte chiese ortodosse a Roma.

 

Il progetto, che già nel nome, NikolaosRoute La Via Nicolaiana European Route Nicholas of Myra, illustra bene la visione interculturale della candidatura, è composto da un percorso fisico, lungo gli itinerari dei pellegrinaggi ortodossi russi e dell’Est, e da percorsi immateriali, fatti di antiche testimonianze culturali. Il percorso interesserà direttamente sette stati, la Federazione Russa, Ucraina, Polonia, Repubblica Ceca, Repubblica Slovacca, Austria, Italia, toccando quattro macroregioni sulle quali l’Unione Europea ha concentrato specifiche strategie territoriali. La tappa iniziale è Rostov Velikij, nella Federazione Russa, quella conclusiva Bari, e si snoda attraverso l’antica via Lauretana, la via percorsa dai pellegrini che dall’Adriatico si muovevano alla volta di Roma. 

 

“Roma è da secoli la meta più importante per milioni di pellegrini che viaggiano nel segno della fede e della cultura. La riscoperta di antichi cammini e della loro valenza spirituale e turistica è una risorsa fondamentale a cui vogliamo dare il nostro sostegno. Sempre più persone nel mondo e in Europa scoprono il territorio con un turismo lento, sostenibile e rispettoso dei luoghi e delle tradizioni. Il successo della Via Francigena lo testimonia. Vogliamo rafforzare questa direzione, che ha anche un valore di armonia e dialogo tra popoli”, dichiara l’assessore allo Sviluppo economico, Turismo e Lavoro Adriano Meloni.

 

13 GIU 2017 - RED


Invia questo articolo