Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Archivio "La Sindaca informa"
Categoria1__Notizie

Numero 37 - 29 Luglio 2017

Per Accedere al PDF Clicca sull'immagine#CASAROMA

 

Questa settimana abbiamo presentato #CasaRoma, la strategia di Roma Capitale per affrontare finalmente il problema del disagio abitativo attraverso un’attività di sistema e l’implementazione di interventi diversificati. Abbiamo messo in campo tutti gli strumenti che avevamo a disposizione con un unico obiettivo: dare seimila case a seimila famiglie entro il 2019 attraverso buono casa, progetti di autorecupero degli immobili, contributi all’affitto, utilizzo dei beni sequestrati e confiscati alla criminalità, scorrimento delle graduatorie, frazionamento degli immobili di Edilizia Residenziale Pubblica e acquisizione di nuove abitazioni.

 

In Giunta abbiamo approvato due delibere che disegnano per la prima volta negli ultimi dieci anni una strategia di sistema. Basta rincorrere le emergenze, basta interventi spot slegati l’uno dall’altro. Si è tollerato il mantenimento di uno status quo intollerabile: mancanza di alloggi popolari per far scorrere le graduatorie, occupazioni di immobili pubblici e privati al di fuori di ogni regola, conservazione dei Caat, i cosiddetti residence che costano somme assurde al Comune e hanno solo arricchito i costruttori. Quando siamo arrivati ne abbiamo trovati 34. Quindici sono stati chiusi garantendo alternative alle persone, ora ne rimangono 19. Intanto siamo passati dai 42 milioni di spese nel 2016 ai 28 milioni di oggi.

 

Mettiamo ordine in un settore molto delicato. Ora i nostri traguardi con #CasaRoma sono il ripristino della legalità e la tutela delle fragilità.

 

APPROVATO ASSESTAMENTO DI BILANCIO 2017-2019

 

L’Assemblea Capitolina ha approvato l’assestamento di Bilancio 2017-2019 predisposto dalla nostra Giunta. Manteniamo con grande responsabilità gli impegni, rispettando le scadenze previste dalla legge e anticipando i tempi di approvazione. Riportiamo così la legalità e mettiamo in ordine i conti, dopo aver ereditato una situazione disastrosa dalle precedenti amministrazioni. Combattiamo gli sprechi, ma soprattutto riusciamo a pianificare e programmare investimenti per il futuro di Roma. Con questo assestamento, variamo una manovra da 132 milioni di euro che ci permette di garantire nuove risorse ai trasporti, ai servizi sociali in particolare nelle periferie, alla manutenzione delle scuole frequentate dai nostri figli, a importanti opere pubbliche come l’abbattimento del tratto della Tangenziale Est o la progettazione del Ponte dei Congressi, alle bonifiche delle discariche abusive, al sistema di videosorveglianza per la sicurezza urbana. E, grazie a due emendamenti proposti dalla Commissione capitolina competente, sono stati aggiunti 6,3 milioni per manutenzione straordinaria delle strade e 850mila euro per verde e aree bimbi.

 

CITTADINANZA ONORARIA AL DOTT. ANTONINO DI MATTEO

 

Martedì ho avuto l’onore di conferire la cittadinanza onoraria di Roma al Magistrato Antonino Di Matteo, che si è occupato nella sua carriera di molti casi riguardanti i rapporti tra mafia, politica e istituzioni, indagando anche sulle stragi in cui sono stati uccisi Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e le loro scorte. Di Matteo è per tutti noi esempio autentico al quale ispirarci per riuscire ad affermare quotidianamente giustizia e legalità. Era già cittadino romano prima di questo riconoscimento, lo era nei nostri cuori per il suo determinato impegno nella lotta alla mafia. Non ha mai rinunciato alla coerenza, perché non ha mai tradito gli insegnamenti di Falcone e Borsellino. La nostra speranza è che possa sentire Roma come casa sua, accogliente e fraterna. Una città che sta uscendo da un periodo oscuro, in cui malavita, imprenditoria e politica hanno banchettato a lungo, lasciandola deprivata, al collasso in tutti i servizi che deve ai cittadini.

 

AMBIENTE E MATERIALI POST-CONSUMO

 

Arrivano risultati concreti dal nostro Piano per la riduzione e la gestione dei materiali post-consumo. Negli ultimi 12 mesi con il sistema di raccolta porta a porta abbiamo aumentato la raccolta differenziata delle utenze non domestiche (negozi, ristoranti, uffici) del 16%. In particolare c’è stato un significativo aumento del 24% di raccolta di carta e cartone e del 19% delle utenze servite rispetto agli obiettivi che ci eravamo dati. La sfida per un processo virtuoso di gestione dei materiali post-consumo moderno, efficiente e economicamente vantaggioso è in atto. Ora il sistema di differenziazione della raccolta, che con successo abbiamo applicato alle utenze non domestiche, sarà gradualmente  esteso a tutta la città. Vogliamo arrivare entro il 2021 al 70% di raccolta differenziata e ridurre di 200 mila tonnellate la produzione di rifiuti annuali. E’ il nostro impegno per una città più vivibile e sostenibile.

 

MONITORAGGIO ALBERATURE

 

Gli alberi di Roma sono un patrimonio di inestimabile valore. Dobbiamo tutelarlo e salvaguardarlo con interventi puntuali di manutenzione e di cura. Dopo anni di abbandono, mettiamo in campo finalmente una pianificazione strategica e trasparente. Da via Cristoforo Colombo a Corso Trieste, da viale Mazzini a viale Regina Margherita, saranno al lavoro tutti i giorni squadre con motoseghe, segacci, cesoie, autocarri e mezzi vari per la potatura delle piante, rimozione dei rami e abbattimento di alberi secchi nel più ampio rispetto del patrimonio arboreo.

È partito il monitoraggio di più di 82mila alberi tra pini, platani, lecci e altri di “prima grandezza”, grazie ad un bando di gara europeo con l’affidamento dei lavori, relativi a nove gare d’appalto su dieci, alle ditte aggiudicatrici e ad un investimento pari a 3 milioni e mezzo di euro. Le prime aree interessate riguardano i municipi IX, XI, XII e XII. Un primo step operativo che estenderemo ai 330mila alberi della città. Si procederà alla potatura delle piante, rimozione dei rami e abbattimento di alberi secchi. Sarà realizzato anche uno screening su tutte le piante utile a valutare gli interventi che si rendono necessari.

Si tratta di un risultato che Roma aspettava da tempo e siamo solo all’inizio.

 

 

ROMA MULTISERVIZI

 

Per quanto riguarda la vicenda di Roma Multiservizi abbiamo scelto la strada migliore per garantire l’efficienza dei servizi e la salvaguardia dei livelli occupazionali. La Giunta Capitolina ha approvato un atto di indirizzo per “l’indizione di una gara a doppio oggetto per la scelta del socio privato per l’affidamento dei servizi di interesse generale di Roma Capitale”. La gara a doppio oggetto, lo ribadisco, è la soluzione tecnicamente e giuridicamente migliore per il rilancio della società. Il nostro obiettivo è avere una nuova azienda sana ed efficiente ma soprattutto in grado di erogare i servizi di cui la città e i cittadini hanno bisogno. Ringrazio ancora una volta i lavoratori di Roma Multiservizi per la pazienza che hanno dimostrato. Siamo stati e saremo sempre al loro fianco.

 

 

OPERAZIONE DECORO IN STAZIONI METRO

 

Su fronte trasporti è stata messa in campo una specifica “operazione decoro”, con interventi di pulizia delle scale di accesso delle stazioni metro che ha già interessato quelle di Cinecittà ed Ottaviano (linea A) e Circo Massimo (Linea B), ed è proseguita con Repubblica, Lepanto e Piramide. Nello specifico si è proceduto al lavaggio, all’igienizzazione di pavimenti e pareti e alla rimozione dei graffiti. La Città è di tutti e tutti dobbiamo impegnarci per mantenerla pulita e più bella.

 

AL LAVORO PER APERTURA STAZIONE METRO C SAN GIOVANNI

 

Continuano invece i lavori per il completamento della Linea C della Metro. Vogliamo consegnare la nuova stazione di San Giovanni il prima possibile. Per questo dal 31 luglio e fino al 3 settembre sarà chiusa la tratta della linea A Termini-Arco di Travertino.
 

L’intervento consisterà nel smontare le travi-ponte che sostengono i due binari della Linea A presso San Giovanni, nel punto di intersezione tra le due metropolitane: si tratta di strutture metalliche di grandi dimensioni da tagliare e trasportare in sotterraneo fino alla Stazione di Arco Travertino. Ecco perché la sospensione del servizio interesserà tutto l’arco della giornata.  Un’operazione che è sempre stata rinviata dalle precedenti Amministrazioni ma che è indispensabile per garantire entro i prossimi mesi l’attuazione dell’ultima tratta Lodi-San Giovanni. Ovviamente è stato previsto un servizio sostitutivo di bus. Sappiamo che ci saranno disagi ma chiediamo un sacrificio nel mese di agosto ai cittadini per poter dare a loro tra qualche mese la bellissima stazione-museo di San Giovanni, nodo di scambio tra le linee A e C.

 

 

TURISMO SOSTENIBILE

 

Proteggere e tutelare i nostri monumenti storici, straordinario patrimonio di tutta l’umanità, è un obbligo che non ammette deroghe. La fruizione deve andare di pari passo con il rispetto di luoghi ed opere d’arte preziose ed irripetibili. Da questa settimana abbiamo iniziato la sperimentazione di un innovativo percorso di transito controllato all’interno dell’area di rispetto della Fontana di Trevi. Per 80 giorni, dalle 9 alle 24 compresi i festivi, con l’ausilio dei volontari dell’“Associazione Cives Catervae Custodes Martiri di Nasiriyha” e dell’“Associazione Regionale del Lazio Vigili Urbani in pensione”, assicuriamo una maggiore sorveglianza della Fontana.

 

Intanto Roma Capitale, sottoscrivendo il nuovo “Protocollo di Intesa del network delle Grandi destinazioni italiane per il turismo sostenibile”, continuerà ad essere protagonista nella rete delle grandi città d’arte per favorire e sviluppare politiche e buone pratiche di turismo sostenibile. Una sinergia virtuosa con Firenze, Milano, Napoli e Venezia, mete che accolgono quasi i due terzi del turismo nazionale, volta a realizzare azioni unitarie per migliorare sostenibilità, competitività e accoglienza ma anche favorire lo scambio di esperienze, informazioni e dati relativi al turismo e tutelare e difendere i beni storici, artistici, architettonici, archeologici e paesaggistici.

 

 

 

 

BASAMENTO AVENTINO

 

Abbiamo restituito ai romani l’area del Basamento Aventino, una delle passeggiate più suggestive della città che collega la terrazza del Giardino degli Aranci con il lungotevere Aventino passando per le pendici di Santa Sabina. Si sono conclusi i lavori di riqualificazione che si inseriscono in un più complesso programma di riconquista della centralità del fiume Tevere nella vita della città. L’area versava in uno stato di abbandono, tanto che non era più possibile intravedere le tracce del precedente percorso di risalita degli anni ’30. Con questo intervento recuperiamo dal degrado e valorizziamo parti importanti del tessuto urbano, riconsegnandole nuovamente alla piena fruizione dei cittadini. Il percorso sarà aperto dall’alba al tramonto.

 

APPUNTAMENTI

 

Anche questo ultimo sabato di luglio continua l’apertura straordinaria in orario serale del Museo di Roma Palazzo Braschi. Al costo simbolico di un euro, insieme alle collezioni permanenti e alla mostra su Piranesi, tanti musicisti e tanta musica in scena nelle stanze del museo che affaccia su Piazza Navona. Dal BrassTastic Quintet del Roma Tre Orchestra Ensemble con una selezione di arie e sinfonie celebri, al tenore Stefano Marra accompagnato al pianoforte da Andrea Bosso  con le più belle arie di Mozart, Donizetti e Cilea mentre all’interno del palazzo i due borsisti dell’Accademia d’Ungheria in Roma, Ági Jókai e Dániel Dobri, propongono canti e folclore della tradizione ungherese.

Domenica la musica si sposta al Museo Pietro Canonica con il concerto pomeridiano gratuito “Quando la classica diventa pop” in collaborazione con Roma Tre Orchestra.


Invia questo articolo