Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Primo Piano
Categoria1__Notizie
Data__29/07/2017
Data__2017

Castel Fusano, il Campidoglio vara il piano per contrastare l’emergenza. Montanari, “Più personale, nuovi mezzi e sistemi di prevenzione”

29 luglio - “La pineta di Castel Fusano rappresenta uno straordinario patrimonio di biodiversità e bellezza che noi vogliamo difendere e rilanciare. Per questo abbiamo approvato la Memoria di Giunta sul Piano d’interventi straordinari per fronteggiare l’emergenza e per creare un sistema di prevenzione”. Così in una nota Pinuccia Montanari, assessora alla Sostenibilità Ambientale di Roma Capitale.

Il Piano elaborato e approvato dal Campidoglio prevede le seguenti misure:

- un investimento economico per incrementare le telecamere nella sala comando, per acquistare nuovi mezzi, autobotti e per migliorare i sistemi di prevenzione antincendio;
- l’acquisto di dispositivi e la creazione di un'officina interna per la riparazione dei mezzi in economia;
- l’incremento del personale del Servizio Giardini a cui si aggiungeranno in via straordinaria 30 manutentori del verde;
- ripristino della recinzione compromessa;
- nuove piantumazioni per la ripresa delle alberature e della macchia mediterranea;
- riapertura del centro di educazione ambientale, dell’infopoint con la presenza di guide turistiche;
- mano dura verso gli abusivi e situazioni di illegalità;
- ulteriori interventi di bonifica vegetazionale e su aree di abbandono dei rifiuti.

 

“A queste azioni – conclude la Montanari -  si aggiunge il nostro piano antincendio con un investimento economico che è passato da 236mila a 267mila euro. La sindaca Virginia Raggi ha anche firmato, a maggio, un'ordinanza per disporre il divieto nel territorio comunale di tutte le azioni che anche solo potenzialmente possono provocare incendi boschivi. A questo si aggiunge il lavoro costante di pulizia e sfalcio del verde che ogni settimana portiamo avanti, soprattutto sulle zone più a rischio”.


Invia questo articolo