Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  In Evidenza
Categoria1__Notizie
Data__27/06/2017
Data__2017

Ricevuta in Campidoglio una delegazione della “Sezione Norvegese del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa”

Roma, 19 giugno - Il Vice Capo di Gabinetto e Delegato alla Sicurezza e alla Protezione Civile per il Sindaco di Roma dott. Marco Cardilli e il Comandante Generale del Corpo di Polizia locale di Roma Capitale dott. Diego Porta hanno ricevuto la delegazione della Norwegian Association of Local and Regional Authorities, sezione norvegese del Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (CCRE), organismo che svolge attività di consulenza e supporto tecnico agli enti locali.

 

Promotore dell’incontro l’Associazione Italiana per il Consiglio dei Comuni e delle Regioni d’Europa (AICCRE), rappresentata dal suo Segretario generale, dott.ssa Carla Rey, la quale nell’evidenziare come sia obiettivo primario la promozione di scambi tecnici fra città, regioni ed enti locali, ha dichiarato la più ampia disponibilità da parte dell’Associazione per eventuali future collaborazioni che l’Amministrazione Capitolina intendesse attivare.

 

Nell’ambito dell’incontro - che ha fornito una visione d’insieme sul funzionamento della macchina amministrativa, con particolare riferimento al tema della sicurezza– il dott. Cardilli ha parlato di trasporto pubblico, di sicurezza locale e di politiche sociali, i tre settori nei quali l’Amministrazione è particolarmente impegnata con proposte specifiche, evidenziando come l’approccio alla sicurezza sia globale e non limitato alla sola attività di repressione, ma integrato a politiche di inclusione.

 

Il dott. Porta ha spiegato che il Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale dipende dal Sindaco e ha poteri limitati al territorio comunale, mentre ordine pubblico e pubblica sicurezza rientrano nella responsabilità del Prefetto e del Questore. La Polizia locale svolge funzioni di polizia stradale (rilevazione degli incidenti stradali), amministrativa (controllo degli esercizi pubblici e delle occupazioni del suolo pubblico) e socio ambientale (tutela del decoro). Il Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica è l’organismo di collegamento tra forze di polizia statali e locali e inoltre individua misure di protezione più o meno restrittive, volte a prevenire gli attacchi terroristici, soprattutto in occasione di eventi particolari (concerti o grandi eventi) e promuove attività di intelligence investigativa, da declinare insieme ad azioni volte a promuovere una piena integrazione dei migranti nella società italiana.

 

Rispondendo alle domande poste dalla delegazione, il dott. Cardilli ha illustrato gli ambiti dei quali l’Amministrazione Capitolina può dirsi orgogliosa: innanzitutto la sicurezza, in virtù dell’ottimo rapporto che c’è fra le istituzioni comunali e le forze di polizia, della tendenziale diminuzione dei reati, nonché del regolare svolgimento dei grandi eventi recenti, tra i quali il Giubileo straordinario della Misericordia; la cura dell’immenso patrimonio artistico e la positiva ricaduta sui flussi turistici, superiori ai 10 milioni di presenze annue, rappresentano i settori sui quali l’Amministrazione è impegnata con successo; infine, il processo di trasparenza avviato da questa Amministrazione nella partecipazione ai bandi pubblici da parte di cittadini ed imprenditoria locale. Relativamente ai flussi migratori, soprattutto dal Nord Africa, il dott. Cardilli ha spiegato che la presenza migratoria sul territorio è molto alta, sia per l’aiuto e l’assistenza che le numerose comunità straniere, già insediate e consolidate sul territorio, offrono ai propri connazionali, sia per la folta presenza di associazioni di volontariato particolarmente attive che trovano nella culla del cattolicesimo sostegno nell’opera di accoglienza ed integrazione.

 

Per quanto riguarda lo sviluppo abitativo, questa Amministrazione ha scelto di riqualificare le costruzioni esistenti, anziché realizzarne di nuove, attuando progetti di riconversione in abitazioni civili e attività imprenditoriali nelle aree dismesse o sequestrate alle mafie.

 

 

19 GIU - URI


Invia questo articolo