Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Archivio notizie
Categoria1__Notizie
Data__21/08/2017
Data__2017

"CELESTINO V TRA ARTE ED EREMITAGGIO": opere dalla Scuola d’Arte e dei Mestieri "Nicola Zabaglia"

Sabato 2 settembre 2017, alle ore 17,30, all’Eremo del Santo Spirito a Majella - Roccamorice (PE), verrà inaugurata la mostra delle opere realizzate dalla Scuola d’Arte e dei Mestieri "Nicola Zabaglia" di Roma Capitale, dal titolo "Celestino V tra arte ed eremitaggio".

Venti tra dipinti, sculture, installazioni e manufatti diversi, testimonieranno gli studi e le ricerche sulla figura di Pietro da Morrone, poi papa Celestino V, realizzate da docenti e allievi della Scuola d’Arte e dei Mestieri Nicola Zabaglia, attiva nella capitale dal 1870.

 

Il progetto nasce, sulla scia degli interventi realizzati dagli allievi del corso di “Restauro e Conservazione” della Scuola Nicola Zabaglia all’Eremo del Santo Spirito, durante l’estate 2016 grazie alla collaborazione con “Italia Nostra” e con l’Amministrazione di Roccamorice.

 

Benedettino, eremita, fondatore dell’ordine dei celestini, Pietro da Morrone fu papa per pochi mesi nel 1294 con il nome di Celestino V. “Le opere esposte, sono lo specchio di un lavoro svolto con dedizione e passione da chi crede nella trasmissione delle competenze” sostiene Laura Mocci che presentando i lavori di Letizia Ardillo, Tatiana Braun, Rossella Canuti, Daniela Carpentieri, Anna Catalano, Emira Cupido, Daniela Mazza, Maria Rosaria Moschella, Roberta Oppedisano, Anna Palombi, Osvaldo Sabene, Teresa Sabino, Otello Scatolini, Marina Taurini, Antonio Toscano, Romana Vanacore afferma che gli autori, “liberi all’interno di un tema e nella scelta della tecnica, con le loro opere contribuiscono a definire l’uomo in cui convivono dubbio, rigore e fragilità”. 
 

Le opere, in mostra per tutto il periodo estivo, verranno donate all’Eremo del Santo Spirito a Majella.

Il progetto e la mostra che ne scaturisce sono stati realizzati a cura di Roberto Cumbo, coordinatore della Scuola insieme alla Prof.ssa Laura Mocci, storica dell’arte.

 

Scarica il catalogo della mostra

 

 

 

Indirizzo

Eremo del Santo Spirito a Majella

Roccamorice (PE)


Invia questo articolo