Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Novità
Categoria1__Notizie
Data__14/09/2017
Data__2017

Definizione agevolata delle controversie tributarie pendenti

14/09/2017 -  L’articolo 11 del decreto legge 24 aprile 2017, n. 50, convertito in legge, con modificazioni, dall’articolo 1, comma 1, L. 21 giugno 2017, n. 96, prevede al comma 1-bis la possibilità per gli enti territoriali di stabilire, entro il 31 agosto 2017, con le forme previste dalla legislazione vigente per l'adozione dei propri atti, l'applicazione delle disposizioni di cui al predetto articolo alle controversie tributarie pendenti in cui è parte il medesimo ente. Avvalendosi di tale facoltà l’Assemblea Capitolina con deliberazione n. 45  del 31 agosto 2017 ha approvato il Regolamento per la definizione agevolata delle controversie tributarie.

 

 

Le controversie che possono essere oggetto della definizione agevolata sono soltanto quelle attribuite alla giurisdizione tributaria in cui è parte Roma Capitale ovvero il soggetto gestore della tassa sui rifiuti (AMA S.p.A): l’imposta comunale sugli immobili (ICI), l’imposta municipale propria (IMU), il tributo per il servizi indivisibili (TASI), la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (TARSU), la tassa occupazione spazi ed aree pubbliche (TOSAP) il canone iniziative pubblicitarie (CIP), il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (TARES) e la tassa sui rifiuti (TARI).

Si deve trattare di controversia pendente in qualsiasi grado di giudizio, compresa la Corte di Cassazione, il cui atto introduttivo del giudizio in primo grado sia stato notificato alla controparte entro il 24 aprile 2017 e per le quali alla data di presentazione della domanda il processo non si sia concluso con pronuncia definitiva.

Aderendo alla definizione agevolata, il contribuente è tenuto a versare solamente il tributo, gli interessi e le spese di notifica indicati nell’atto impugnato, nonché gli interessi di ritardata iscrizione a ruolo di cui all’art. 20 del DPR n. 602/1973, ma non più le sanzioni inizialmente applicate e gli interessi di mora di cui all’art. 30 del DPR n. 602/1973. 

 

I contribuenti che intendono aderire alla definizione agevolata, entro il 2 ottobre 2017, devono:

- versare gli importi dovuti o la prima rata (in caso di dilazione del pagamento);


- presentare la relativa domanda redatta sull’apposito modello, allegando copia della ricevuta di pagamento della rata unica (per    importi fino a 2.000,00 euro) o della prima rata (per importi superiori a 2.000,00 euro).

 

In caso di pagamento dilazionato (solo per importi superiori a 2.000,00 euro), la prima rata deve essere di importo pari al 40% del totale delle somme dovute; la seconda, pari all'ulteriore 40%, è fissata al 30 novembre; la terza e ultima rata, pari al residuo 20%, va versata entro il 2 luglio 2018.

Nel caso di impugnazione di più atti, anche in via cumulativa, per ciascun atto di cui si chiede la definizione occorre compilare una distinta domanda ed effettuare un separato versamento.

 

Il versamento deve essere effettuato a favore di Roma Capitale in Tesoreria sul seguente conto:

 

UNICREDIT Banca di Roma filiale 52 Tesoreria Comunale – Via di Monte Tarpeo 42 – 00186 Roma – IBAN: IT69P0200805117000400017084 - Swift Code UNCRITM 1O45 (leggasi 1-lettera O-45)  – intestato a Comune di Roma.

 

ATTENZIONE: Nella causale del versamento deve essere riportata la seguente dicitura:

 

DEFINIZIONE LITE ………… (indicare la sigla del tributo) RG …….….del …………... (riportare il numero e l’anno di Registro Generale assegnato dall’organo giurisdizionale adito). Es.. DEFINIZIONE LITE IMU RG 35201 del 2015

 

Si segnala che per TARES e TARI la domanda di definizione agevolata deve essere presentata alla società AMA S.P.A., in quanto soggetto gestore del tributo sui rifiuti dal 2003, secondo le modalità da questa definite.

 

Con la presente circolare si illustrano le modalità e i termini per l’applicazione della definizione agevolata ai tributi di Roma Capitale.

 

Circolare del Dipartimento Risorse Economiche

 

Modulo di domanda per la definizione agevolata delle liti pendenti

 

 


Invia questo articolo