Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Archivio "La Sindaca informa"
Categoria1__Notizie

Numero 42 - 9 Settembre 2017

9settembr

Per accedere al PDF clicca sull'immagine

ATAC

Atac deve tornare ad essere un’azienda di cui tutti i romani possano andare orgogliosi. Vogliamo salvarla, mantenendola pubblica, e rilanciarla. Nel corso dell’Assemblea capitolina straordinaria di giovedì abbiamo ribadito le linee sulle quali ci stiamo muovendo. Per effetto di politiche sciagurate, Atac negli anni è stata condotta ad accumulare oltre un miliardo di debiti, rischiando il fallimento. Abbiamo deciso di mettere le mani nel disastro ereditato, senza voltarci dall’altra parte. Abbiamo, quindi, l’opportunità di compiere tutti insieme una vera e propria rivoluzione, di chiudere i conti con il passato e di fare pulizia. Privatizzare non è la soluzione. Equivarrebbe a svendere l’azienda, consegnandola a logiche di profitto che produrrebbero linee di serie ‘a’ e linee di serie ‘b’. La soluzione è in un percorso di rinnovamento totale, che passa attraverso il concordato preventivo in continuità e che punta a risanare l’azienda proseguendo nel cammino di rilancio, per migliorare tutte le linee bus, ammodernare la flotta, potenziare il servizio di metropolitana, ridurre i tempi d’attesa. In questo modo, salveremo un patrimonio che appartiene a tutti i romani, migliaia di posti di lavoro e gli stipendi dei dipendenti.

 

E sia chiaro: da un anno a questa parte non ci siamo limitati a registrare lo sfacelo ereditato dalle passate gestioni. Abbiamo già iniziato un lavoro di rilancio dal punto di vista operativo. Per il potenziamento del trasporto pubblico abbiamo messo in campo 150 nuovi autobus arrivati nella Capitale a partire da novembre scorso ed entro ottobre, con i fondi del Giubileo, circoleranno altri 15 bus per le  strade della Capitale. Noi non ci siamo fatti spaventare dalla mala gestione del passato e abbiamo voltato pagina rimettendo in strada 15 filobus, che facevano parte di una flotta di 45 vetture acquistate nel 2009 e abbandonate per anni, diventate simbolo di spreco e finite in un’inchiesta per presunte tangenti.Grazie al nostro intervento l’Atac ha migliori margini reddituali con trend di crescita positiva e sarà in grado di produrre utili. Stiamo dimostrando che la gestione pubblica può funzionare e proprio questo è il presupposto per accedere al concordato preventivo.

 

STOP SPRECHI ACQUA

 

L'acqua è un bene essenziale che va tutelato. Dopo anni di immobilismo e di mancati investimenti abbiamo avviato una nuova gestione delle risorse idriche del territorio con l’obiettivo di ridurre gli sprechi e salvaguardare il bene comune più prezioso. Quindici anni di cattiva gestione hanno portato ad una rete infrastrutturale "colabrodo" con il 44% di dispersione su cui nessuno prima d'ora ha avuto il coraggio di mettere mano. Ho dato mandato all'azienda che gestisce la rete e l'approvvigionamento di acqua di garantire una diversa gestione delle risorse idriche all’insegna dell’efficienza. In 4 mesi la nuova governance ha fatto molto di più di quanto fatto negli anni precedenti: abbiamo diminuito le perdite sulla rete garantendo un recupero medio di circa 1.160 litri di acqua al secondo prima dispersa. Abbiamo ispezionato il 98% della rete idrica, controllato 5.290 km, 1.176 perdite segnalate con 849 interventi eseguiti e 447 già programmati. Per la prima volta nella storia di Acea è stato avviato un piano di riduzione di perdite massiccio. Le precedenti gestioni erano interessate soltanto a questioni che non producevano alcuna ricaduta effettiva sui cittadini: basti pensare che sotto il vecchio vertice Irace-Tomasetti furono spesi 7 milioni di euro soltanto per disegnare il nuovo logo della società. Ora sono stati investiti per le infrastrutture 5 milioni: si tratta di una cifra mai spesa per questi obiettivi. Si volta davvero pagina.

 

NIDO PUBBLICO DI QUALITÀ.

 

È iniziata il primo settembre l’attività degli asili nido. Abbiamo organizzato un servizio all’insegna della programmazione e della qualità, attraverso personale qualificato potenziato da circa cinquecento nuove stabilizzazioni, e assicurando la piena funzionalità del sistema integrato pubblico-privato. Sono state messe a punto tutte le misure affinché domanda e offerta si incontrino nel modo più efficace possibile per l’utenza. Le iscrizioni e le graduatorie sono state anticipate rispetto agli anni scorsi di circa un mese, in modo da garantire maggiore programmazione alle famiglie. Sin dall’inizio dell’anno educativo è possibile usufruire della possibilità di somministrare ai piccoli il latte materno, dando attuazione ad una delibera approvata dall’Assemblea Capitolina.

 

ASILO DI VIA AQUILANTI

 

Dopo aver riaperto alla comunità di Ostia il ristrutturato asilo di via del Sagittario, mercoledì abbiamo inaugurato nel Municipio XII il nido di via Aquilanti. Una struttura pronta già dal 2015, ma che per ragioni burocratiche era rimasta chiusa. Grazie a un intenso lavoro di squadra, l’abbiamo consegnata a famiglie e bimbi in tempo per l’inizio di questo anno educativo. Oltre 70 bimbi potranno beneficiare di un asilo nido moderno, accogliente ed energeticamente all’avanguardia che utilizza energia elettrica da fonti rinnovabili prodotta da pannelli fotovoltaici. Ecco, è questo l’esempio del cambio di passo rispetto al passato: rimettiamo le periferie al centro, dotiamo il territorio di nuove strutture scolastiche, restituiamo ai cittadini servizi bloccati da tempo dall’inerzia delle precedenti amministrazioni, superiamo la lentezza della burocrazia. Con una politica e un lavoro oculato e al servizio dei cittadini.

 

EMERGENZA ABITATIVA

 

Siamo costantemente impegnati sul tema dell’emergenza abitativa. Abbiamo aperto un tavolo di confronto con la Regione per individuare le modalità volte a garantire nuovi finanziamenti da destinare all’assistenza alloggiativa per le fragilità, alla luce anche delle delibere approvate il 25 luglio da Roma Capitale che introducono il nuovo Servizio di assistenza e sostegno socio alloggiativo temporaneo (Sassat) e sulla base della circolare diramata dal Ministero dell’Interno. E’ stata condivisa l’opportunità di elaborare alcune modifiche e integrazioni alla convenzione finalizzata a stabilire l’entità dei fondi e gli obiettivi contro il disagio abitativo. Intanto, ribadiamo l’importanza del lavoro dal presidio umanitario della Croce Rossa in via del Frantoio, nel Municipio IV, una risorsa e un valore aggiunto per tutto il territorio. E’ assolutamente incomprensibile e inaccettabile mettere in discussione il servizio e le attività garantite ogni giorno dagli operatori.

 

RILANCIO DEL TEVERE

 

Il rilancio e lo sviluppo del Tevere, parte integrante del tessuto urbano e della storia della città, è una delle nostre priorità. Lo stiamo facendo con una visione a lungo raggio e con interventi puntuali per eliminare situazioni di degrado e abbandono lungo le sponde del fiume. Per questo, mentre abbiamo istituito l'Ufficio di scopo per il Tevere che coordina 10 Enti Istituzionali e 15 strutture Capitoline, continua l'impegno per assicurare pulizia e decoro con interventi mirati. Nel corso della settimana, la Polizia Locale ha allontanato delle persone accampate sotto Ponte Mazzini in un cumulo di rifiuti e, con il supporto di Ama, si è provveduto a bonificare l’area e a ripristinare il decoro. Non possiamo più tollerare tali fenomeni. Il nostro obiettivo è mettere in campo tutti gli interventi possibili di manutenzione e tutela delle banchine e dei ponti del Tevere, per renderle sempre più fruibili e sicure. Per tale ragione, tuttavia, occorre potenziare ancora di più il legame tra tutti gli enti che, a diverso titolo, hanno competenze su questa area così importante.

 

MOBILITA’

 

Una città sempre più a misura d’uomo e legata a un reale rafforzamento del sistema di mobilità sostenibile. Il nostro impegno è rivolto al potenziamento, all’ammodernamento e alla messa in sicurezza della rete di ciclabili della Capitale. Nell’ambito di questa azione, è stato posto un nuovo tassello con l’apertura dei cantieri della tratta del tunnel di Santa Bibiana, nel quartiere di San Lorenzo. Siamo consapevoli che c’è ancora molto da fare per creare una cartina di ciclabile degna di una Capitale, ma il nostro operato vuole modificare la viabilità della città, rendendola davvero sostenibile e moderna.

Prosegue il lavoro della “Consulta sulla sicurezza stradale, mobilità dolce e sostenibilità”. E’ un prezioso spazio di confronto e partecipazione con enti pubblici, associazioni e cittadini volto a formulare proposte e iniziative in tema di sicurezza stradale per arrivare all’obiettivo del programma “Vision Zero” e impedire altri stragi sulle strade. In settimana, si è riunito il gruppo di lavoro sulle Infrastrutture che ha avuto il compito di analizzare gli interventi per la messa in sicurezza della segnaletica, dell'attraversamento pedonale e delle ciclabili.

 

FESTA DELLA BEFANA

 

E’ stato presentato ufficialmente l’avviso pubblico per la nuova edizione della festa della Befana in Piazza Navona, uno degli appuntamenti natalizi romani più attesi e suggestivi. L’obiettivo è ripristinare questa storica tradizione, assicurando il decoro e il rispetto del luogo che la ospita, una delle piazze più belle al mondo. Una festa che vogliamo rendere davvero a misura di bambino e delle famiglie. Si svolgerà dal primo dicembre al 6 gennaio e, rispetto alla precedente edizione, abbiamo voluto introdurre alcune novità: sarà ridotto il numero di banchi da destinare ad attività commerciali ed artigianali che saranno selezionati con criteri che puntano alla qualità dei prodotti e alla sostenibilità ambientale. Inoltre, abbiamo introdotto criteri di concorrenza più aperta e trasparente tra gli operatori.

 

CONCORSO POLIZIA LOCALE

 

Il Corpo della Polizia Locale di Roma Capitale sarà potenziato con l’innesto di ulteriori 300 agenti. E’ ormai alle battute finali la procedura concorsuale: ad ottobre termineranno le prove orali ed entro l’anno sarà pubblicata la graduatoria definitiva. Prevediamo un piano di assunzioni che di anno in anno permetta di scorrere la graduatoria ed attingere anche tra gli idonei. In questo modo, il Corpo della Polizia Locale sarà rafforzato e ringiovanito. Raggiungiamo, quindi, un altro importante risultato. Il primo provvedimento in materia di personale dopo il nostro insediamento è stato lo sblocco del maxi-concorso del 2010 e, dopo 7 anni, abbiamo riavviato ed accelerato l’iter per gli Istruttori di Polizia Locale.

 

CONDONO EDILIZIO PIU’ VELOCE

 

Far ripartire Roma significa anche recuperare ritardi accumulati negli anni dalla macchina amministrativa, riattivando e snellendo le procedure. E’ il caso del condono edilizio: il nostro obiettivo è azzerare le pratiche inevase potenziando il servizio e semplificando il procedimento con l’utilizzo di autocertificazione. Lavoreremo anche ad un Regolamento sulla procedura semplificata, che tra le sue finalità avrà quello di snellire l’iter istruttorio, ridurre i tempi di attesa. Inoltre consentirà di definire e rilasciare più di 50mila provvedimenti finali l’anno.

 

SOFTWARE LIBERO

 

Innovazione tecnologica per servizi pubblici più efficaci ed efficienti. In questo contesto, Roma Capitale ha avviato il piano per la transizione dagli attuali sistemi informatici al software libero. Ciò permetterà di ridurre l’oligarchia e la dipendenza dai fornitori del settore ICT. É stata completata l'analisi della spesa sostenuta dall’Amministrazione capitolina per l’acquisto di licenze e per lo sviluppo e la manutenzione del software. Una spesa che, ad oggi, per circa 1/3 è distribuita tra soli 6 fornitori.

 

APPUNTAMENTI

 

Nuovi appuntamenti culturali nell’ambito dell’iniziativa “Nel week-end l’arte si anima”. Questa sera in collaborazione con la Casa del Jazz e Roma Tre, i Mercati di Traiano offrono ai visitatori (ingresso al costo simbolico di un euro, dalle 20 alle 24) un suggestivo percorso arricchito dalla musica jazz e dalle performance del Francesco Lento Quintet e del Trio Cicconetti/Cantarano/Mazzeo. Domani (dalle ore 10 alle 16.30), presso il Museo Pietro Canonica di Villa Borghese, in programma lo spettacolo L’ensemble Barocco dei musicisti Nelita Maiolatesi (oboe), Angela Naccari (clavicembalo) e Marco Simonacci (violoncello).

 

Va in scena questa sera la prima edizione della Notte Bianca degli Impianti sportivi comunali, per valorizzare il patrimonio impiantistico della città come veicolo di integrazione sociale. Sarà una festa aperta a tutti gli appassionati di sport, una notte di esibizioni e intrattenimento durante la quale gli impianti comunali che aderiscono all’iniziativa sono accessibili ai cittadini, offrendo la possibilità di praticare attività sportiva e di assistere ai vari eventi culturali in programma.


 


Invia questo articolo