Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Cultura , eventi , tempo libero
Categoria1__Notizie
Data__12/09/2017
Data__2017

Quarantennale Callas, all’Auditorium una pièce sulla “divina”

Mascia Musy

L’Accademia di Santa Cecilia ricorda Maria Callas all’Auditorium per i quarant’anni dalla scomparsa. Sabato 16 settembre (ore 21), domenica 17 alle 19 e lunedì 18 alle 21 – al Teatro Studio Borgna – la divina soprano torna nei panni di Mascia Musy, protagonista di Master Class, pièce di Terrence McNally nella traduzione di Rossella Falk.

 

Il titolo – e la narrazione – prendono le mosse dai corsi di perfezionamento (master class, appunto) che la Callas tenne alla Juilliard School Music di New York dopo il ritiro dalle scene. La divina Maria: l’aggettivo non è tanto per dire, la voce della Callas fu un miracolo di proporzioni ultraterrene per timbro inimitabile (e mai imitato) e attitudini interpretative. La divina Maria, dicevamo, tiene lezione e così ripercorre quel prisma complesso e contraddittorio che furono la sua vita e la sua carriera. Dagli anni duri e poveri su suolo greco ai trionfi scaligeri, dalle spigolosità di star indiscussa ai tormenti dei rapporti sentimentali (con il “buon papà” Meneghini e con il crudo, volgare conterraneo Onassis).

 

La commedia scorre spingendosi fino a far intuire la vicinanza, se non il combaciamento, tra destino umano della protagonista e la sfera del melodramma, in cui l’artista versò interamente se stessa e che assunse in sé come cellula vitale e canone quotidiano. Un processo di auto-riflessione a posteriori alquanto impervio: ne fanno le spese gli allievi, vittime sacrificali della titanica Maria sul viale del tramonto.

 

Regia di Stefania Bonfadelli. Brani operistici affidati alle voci di Sarah Biacchi (soprano), Chiara Maione (soprano) e Andrea Pecci (tenore), accompagnate al piano da Riccardo Balsamo.

 

Vedi nel sito di Santa Cecilia.

 

12 SET 2017 – PV 


Invia questo articolo