Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Archivio Notizie
Categoria1__Notizie
Data__22/09/2017
Data__2017

Geologia e Idrogeologia Ambientale. Criticità ambientali

22 settembre 2017 - Il Servizio Bonifica Siti Inquinati, Geologia Ambientale e Inquinamento Diffuso ha recentemente pubblicato un articolo sulla rivista Acque Sotterranee - Italian Journal of Groundwater relativamente alla problematica emergente della contaminazione da composti organo-alogenati nelle acque di falda a Roma.Si tratta di composti organici che contengono nella loro molecola almeno un atomo di alogeno (bromo, cloro, fluoro, iodio). Essendo largamente utilizzati nell'industria come solventi, sgrassanti e plastificanti, e in agricoltura come pesticidi, la loro presenza nei rifiuti è una delle principali cause di inquinamento delle acque.

La maggior parte dei grandi centri abitati, specialmente quelli caratterizzati da una forte vocazione industriale, presentano importanti situazioni di contaminazione delle acque di falda da composti organo alogenati. Anche nella Città di Roma, sebbene presenti uno sviluppo industriale molto limitato, negli ultimi anni sono stati notificati alcuni siti con questo tipo di contaminazione. Questi siti sono prevalentemente distribuiti nel settore orientale della città dove sono anche concentrate le poche attività industriali presenti. I valori di concentrazione dei contaminanti coprono un vasto range e mostrano sia casi di chiara contaminazione puntuale, dove i valori sono molto alti, sia casi da cui è possibile ipotizzare una probabile contaminazione da sorgenti multiple diffuse. I siti notificati ricadono in un settore cruciale per l’idrogeologia di Roma, ovvero in corrispondenza dell’acquifero posto all’interno del “Graben del Paleotevere” (porzione di crosta terrestre sprofondata a causa di un sistema di faglie dirette  in regime tettonico distensivo) molto sfruttato per diversi usi. Sebbene ad oggi non sussista una accertata contaminazione di origine diffusa da composti organo alogenati a Roma, lo scopo di questo lavoro è solo quello di inquadrare, a livello preliminare e sulla base dei dati disponibili, questa problematica emergente.

 

Vai all'articolo

 


Invia questo articolo