Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Cultura , eventi , tempo libero
Categoria1__Notizie
Data__28/09/2017
Data__2017

“Codice archeologico”, al Macro Testaccio la mostra di Franca Pisani

Codice archeologico

Il Macro Testaccio ospita, dal 29 settembre al 26 novembre prossimo, Codice archeologico - Il recupero della bellezza, esordio dell’artista toscana Franca Pisani nella Capitale, ma anche una nuova tappa del ciclo di appuntamenti artistici denominato proprio “Recupero della Bellezza”.  La mostra, a cura di Duccio Trombadori, è in contemporanea con la partecipazione di Franca Pisani alla “57a Biennale d’arte di Venezia”, dove le opere sono parte integrante di una esposizione dedicata a Palmira “la Sposa del Deserto”. 

 

“Codice archeologico” - composto di 47 opere tra affreschi, quadri, istallazioni e ben 10 “teleri” (supporto tipico dell’arte veneziana del ’400 e del ’500, dal veneto “teler”, telaio) - si articola su quattro livelli e propone al visitatore una sorta di viaggio emozionale alla ri-scoperta di quattro importanti siti archeologici: Hatra, Nimrud, Bamiyan e Palmira, che hanno tracciato la storia comune di tanti popoli.Il primo livello è un’installazione dove Nomade anziano ci conduce nella Valle di Bamiyan vicino Kabul, sito archeologico che era caratterizzato da due Buddha giganti scavati nella roccia, oggi non più visibili poiché distrutti dalla furia umana. Nel secondo livello Nomade Vento fa compiere al visitatore un’incursione nel sito di Hatra Mosul, vicino Baghdad. Fino a poco tempo fa qui esistevano sculture raffiguranti tori con teste umane (androcefalo), i Lamassu. Nomade Adolescente è il conducente del terzo livello, dove il visitatore può rivivere il fascino della città assira di Nimrud di biblica memoria, situata sul fiume Tigri, ricca di riferimenti al nostro passato. Nel quarto livello Nomade Curioso rivela infine il continuum dell’opera dedicata alla memoria dell’antica città di Palmira ed è rappresentato da L’albero di Pietra, un tronco di frassino in cui è inserito un cilindro in marmo delle Alpi Apuane su cui sono stati scolpiti dei segni primordiali secondo l’antica arte dei marmi, un leitmotiv dell’attività artistica di Franca Pisani. L’omaggio a Palmira prevede anche due “teleri” dedicati all’antico anfiteatro romano. Il percorso termina con una doppia versione di Nomade donna, insieme con una figura che rappresenta “l’uomo nuovo” o “della pace”.

 

Lungo tutto l’iter espositivo, centralmente corre un percorso di archeologia contemporanea scandito da un migliaio di pezzi marmorei di risulta provenienti dalle cave del Monte Altissimo di Pietrasanta.

Franca Pisani, nata a Grosseto nel 1956 da una famiglia di artiste (la nonna Margherita era disegnatrice di ricami per la regina Elena, la mamma Lia è tuttora pittrice), ha esposto in Italia e all’estero, ha il suo studio a Pietrasanta.

 

 

 

La mostra è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

 

 

 

Info: Macro Testaccio, Padiglione 9B, Piazza Orazio Giustiniani, 4

060608;  www.museomacro.org 

 

28 SET 2017 - MDF

 


Invia questo articolo