Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Eventi
Categoria1__Notizie

Al Palazzo delle Esposizioni Digitalife

digital life

Al Palazzo delle Esposizioni dal 7 ottobre 2017 al 7 gennaio 2018 l'ottava edizione di Digitalife, il progetto, coprodotto dalla Fondazione Romaeuropa e l’Azienda Speciale Palaexpo, dedicato alle nuove tecnologie e all’arte digitale del Romaeuropa Festival.

Oltre alle 6 installazioni in mostra, previste anche la piattaforma KizArt per il pubblico più giovane, una selezione di opere video della Biennale de l’Image en Mouvement, talk e performance.

 

Nella sezione principale, realizzata con Castelli, il pubblico si troverà immerso in una complessa articolazione di architetture audiovisive e ambienti digitali.

 

<360> è il titolo della nuova creazione in 3D degli austriaci Granular-Synthesis, un teatro virtuale che ribalta i concetti di spazio e tempo inglobando lo spettatore, che sarà poi travolto da un viaggio nel paesaggio organico di La Dispersion du Fils dei francesi Jean Michel Bruyère/LFKs, e dal percorso evanescente creato dall’artista croata Ivana Franke in Instants of Visibility, installazione immersiva che istiga a perdersi.

Un immaginario lirico e iper-tecnologico scorre nell’installazione Memorandum Or Voyage del collettivo giapponese Dump Type, accanto al Purgatorio contemporaneo rappresentato dal collettivo russo AES+F nella sua Allegoria sacra.

Sul concetto di mutamento è basata l’installazione, presentata in prima assoluta a Digitalife, Phosphor, creata dall’artista tedesco Robert Henke appositamente per il Palazzo delle Esposizioni: un paesaggio temporaneo plasmato da luce ultravioletta, e in continua trasformazione per tutta la durata della mostra. Henke propone inoltre il visual concert Lumière III, performance di laser ad alta precisione e in perfetta sincronia con il suono, che anticipa Digitalife il 4 ottobre al Teatro Argentina.

 

La Biennale de l’Image en Mouvement (BIM) del Centre d’Art Contemporain di Ginevra, porta a Digitalife una selezione di 13 film, per lo più inediti in Italia, che esplorano la centralità dell’immagine nella cultura contemporanea, e ora proposti al Palazzo delle Esposizioni.

 

KizArt, ideato da Raffaella Frascarelli per Nomas Foundation, ha l’obiettivo di dare al pubblico più giovane gli strumenti per costruire un proprio vocabolario artistico. Una piattaforma realizzata con il diretto coinvolgimento di personalità del mondo dell’arte contemporanea, dove ciascun partner ha proposto un video che ha giudicato adeguato per i bambini da 0 a 14 anni.

 

Il 2 dicembre, in occasione della sua chiusura, il Romaeuropa Festival dedica una giornata di Digitalife alla performance, alla ricerca, alla divulgazione scientifica. Il Prof. Massimo Bergamasco (Direttore dell’Istituto di Tecnologie della Comunicazione, dell’Informazione e della Percezione della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa) e il performer Stelarc cercheranno di delineare i tratti del nostro presente, che fra transumanesimo, intelligenza artificiale, nuovi materiali, nuove tecnologie digitali e nuove forme di design, conduce l’uomo verso il futuro.

E nel dialogo tra macchina e uomo s’inserisce CRACKING DANILO REA, il progetto ideato da Alex Braga, artista poliedrico capace di spaziare dalla musica all’arte concettuale, con il pianista Rea, celebre per le sue improvvisazioni che dal jazz arrivano alla classica e al contemporaneo. I due artisti fanno i conti con una A.I. (Artificial Intelligence), progettata da Braga con la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Roma Tre, alla quale è affidato il compito di apprendere le modalità d’improvvisazione pianistica di Rea e prevedere le sue mosse musicali.

 

Marco Trevisan, con Giorgio Fasol e Tommaso Cinti nell’ambito progetto ArtOnTime con le performance L’oblio di Julia Krahn e Menelikke di Invernomuto, si confrontano con nuove forme di collezionismo e mecenatismo diffuso, per superare i meccanismi e le logiche tradizionali del mercato dell’arte.

 

Info e biglietti

 

PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI  |  06 39967500  |  www.palazzoesposizioni.it

 

FONDAZIONE ROMAEUROPA | +39 06 45553050 | promozione@romaeuropa.net | www.romaeuropa.net

 

 

5 ott 2017

 

 

 

 


Invia questo articolo