Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Biblioinforma - Notizie
Categoria1__Notizie

Proclamati i vincitori del "Premio Biblioteche di Roma" 9ª Edizione

 

Sono tre i vincitori del Premio Biblioteche di Roma, giunto alla sua nona edizione:
Stefano Zecchi con Quando ci batteva forte il cuore (Mondadori), per la Sezione "Narrativa";
Marina Cepeda Fuentes con Sorelle d’Italia (Blu Edizioni), per la Sezione "Saggistica";
Filippo Colizza con Agente Sacrificabile (Mondadori) per la nuova Sezione “Esordienti”.
 

Guarda  i video del Premio Biblioteche Di Roma su www.mediatecaroma.it

 

La cerimonia di premiazione si è svolta al Teatro Golden, in via Taranto - Roma.

 

Alla cerimonia finale di ieri, presso il Teatro Golden, hanno preso parte:
Federico Mollicone (Presidente Commissione cultura Roma Capitale); Francesco Antonelli (Presidente Biblioteche di Roma); Alessandro Massimo Voglino (Direttore Biblioteche di Roma); Alessio Gioannini, Antonio Guidi, Paolo Solvi (Consiglio di Amministrazione Biblioteche di Roma); tutto il Comitato scientifico del Premio: Paolo Fallai (Giornalista del Corriere della Sera e Scrittore), Giuseppe Parlato (Ordinario di Storia contemporanea alla LUSPIO di Roma), Arturo Diaconale (Direttore de l'Opinione), Roberta di Casimirro (Regista RadioRai), Marcella Starace (Poetessa); e gli autori finalisti.

La serata è stata condotta da Michele Cucuzza, e da Simonetta Bartolini (Presidente del Comitato Scientifico del Premio).


Le letture di Serena Troiani e Marco Prosperini hanno dato uno spaccato dei titoli in gara.

 

A decretare i tre vincitori sono stati i circoli di lettura delle Biblioteche di Roma, incluse le sezioni degli istituti penitenziari, molto attivi nelle biblioteche, che per un intero anno si sono incontrati e hanno discusso sui titoli in concorso. 

 

Un premio dunque dove i lettori sono protagonisti della selezione e poi della scelta dei libri vincitori.
Il Comitato scientifico ha proposto 6 titoli per la narrativa, 6 per la saggistica, 2 per la sottosezione narrativa opere prime, per un totale di 14 opere.
La rosa dei nomi in concorso è stata proposta ai 600 lettori riuniti in 22 circoli di lettura che hanno letto e scelto gli 8 autori finalisti, incontrandoli e dialogando con loro durante la rassegna “Biblioincontri d’autore”.

 

"Il progetto del premio di quest'anno con piccole ma significative modifiche rispetto alla precedente edizione" – spiega Simonetta Bartolini – "ha voluto anche cercare di imprimere a questo appuntamento un valore diverso da quello dei tanti riconoscimenti letterari. Il comitato scientifico ha voluto proporre ai lettori dei circoli, libri che per la saggistica avessero soprattutto una tematica legata all'unità d'Italia, e per la narrativa romanzi assai diversi per tematiche e scrittura. L' intento è stato quello di sottoporre al giudizio dei lettori libri di valore e meno sfruttati dal circuito mediatico e commerciale."

 

Tra i vincitori, particolarmente commosso l’esordiente Filippo Colizza, definito da alcuni critici il “Tom Clancy italiano”.
Il suo “Agente Sacrificabile”, inizialmente criticato e considerato alla stregua della sceneggiatura di un film, nei mesi ha visto, tappa dopo tappa, accrescere il consenso del pubblico, anche grazie al “miracoloso” verificarsi nella realtà di molti fatti descritti nel libro , come in una spy story neanche tanto inventata: “Quando il prodotto della propria passione incontra l’approvazione del pubblico, queste serate diventano indimenticabili. Il prestigio di questo riconoscimento costituisce allo stesso tempo la soddisfazione del lungo lavoro che ha portato alla creazione di Agente Sacrificabile, ma soprattutto lo stimolo a migliorarsi, e continuare a regalare altre emozioni ai miei lettori.”, sono le sue parole alla consegna del Premio.

 

Soddisfatto il Presidente delle Biblioteche di Roma, Francesco Antonelli “Il Premio Biblioteche di Roma si è ormai consolidato come un appuntamento importante nel panorama dei premi letterari italiani. Un intero popolo di lettori appassionati, lettori forti, hanno dimostrato quanta passione ci sia per la cultura a Roma, dal centro alla periferia, riunendosi, discutendo per un anno intero, e con la loro presenza qui, stasera, nonostante la partita della Nazionale! Non posso che ringraziare tutti i nostri circoli di lettura, che negli anni hanno sempre dimostrato perspicacia nel premiare dei volumi divenuti poi best sellers anticipando le tendenze. Ora al lavoro , a settembre si ricomincia…” conclude Antonelli.


Invia questo articolo