Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Biblioinforma - Notizie
Categoria1__Notizie

05.02.2013 Premio Biblioteche Di Roma Sez. Teatro (di scrittura teatrale). Scadenza entro l’8 aprile 2013

Roma Capitale.
Istituzione Sistema Biblioteche Centri Culturali
via Zanardelli 34 - 00186, fax 0645430244
 

Data di pubblicazione
martedì 5 febbraio 2013
 

Data di scadenza presentazione della domanda di partecipazione
I testi dovranno essere inviati, tramite pacco/raccomandata (senza ricevuta di ritorno) in 5 (cinque) copie cartacee e 1 (una) copia in formato elettronico (cd rom) presso la sede di via Zanardelli 34, 000186 ROMA entro l’8 aprile 2013. Farà fede il timbro postale.
I testi inviati dopo tale data non verranno ammessi al concorso.
Info tel. (0039) 06 45430238

 

Bando Premio Biblioteche Di Roma Sez. Teatro (di scrittura teatrale) 

Scheda di partecipazione: .pdf, .doc

 

L’Istituzione Biblioteche Centri Culturali di Roma indice la prima edizione del Premio Biblioteche di Roma sezione TEATRO, un Premio per la valorizzazione di un testo teatrale originale. L’ISBCC, nell’ottica di contribuire allo sviluppo e alla diffusione dei diversi campi della cultura, promuove l’iniziativa nata dalla volontà di dare visibilità e valorizzare i nuovi talenti della letteratura teatrale, nonché sviluppare la cultura drammaturgica, il tutto finalizzato alla messinscena dell’opera del vincitore. Una giuria composta di professionisti del teatro, della scrittura e dell’editoria selezionerà il testo vincitore. 

 

ART. 1 REQUISITI GENERALI
Il Premio è aperto a tutti gli autori italiani e stranieri, di età compresa tra i 18 e i 35 anni alla pubblicazione del bando, che vogliano cimentarsi con un testo per il teatro.
Ogni autore può prendere parte all’assegnazione del Premio con un solo testo. I testi pervenuti non verranno restituiti e verranno conservati presso la Segreteria del premio per finalità di consultazione.
All’autore viene concessa piena libertà nella scelta del genere teatrale e dei temi da trattare, purché il testo sia adeguato alla lettura drammatizzata.

 

ART. 2 CARATTERISTICHE DEL TESTO
Il testo, pena l’esclusione dal concorso, dovrà avere le seguenti caratteristiche:
• essere scritto in lingua italiana;
• essere originale (detto di opera letteraria, figurativa e simili, che è di mano dell’autore: più in generale, di qualunque cosa che sia nella forma d’origine e non sia stata “copiata”, “riprodotta" ovvero “tradotta” né “alterata” da opera di altro autore);
• essere inedito (mai pubblicato, neanche parzialmente, in nessuna forma né mezzo);
• non essere mai stato rappresentato (in nessuna forma, neanche parzialmente, né dal vivo né con strumenti meccanici o visivi, compresa la pubblica lettura).
Il testo da presentare potrà essere un monologo o un atto unico con un massimo di cinque personaggi sulla scena e dovrà:
• essere adattabile alla durata di massimo trenta minuti per la mise en éspace o lettura scenica;
• essere redatto in lingua italiana o, se in dialetto, corredato di testo italiano a fronte.
Le opere dovranno pervenire in cinque copie più una su supporto digitale.

 

ART. 3 MODALITÀ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE
I testi dovranno essere inviati, tramite pacco/raccomandata (senza ricevuta di ritorno) in 5 (cinque) copie cartacee e 1 (una) copia in formato elettronico (cd rom) presso la sede di via Zanardelli 34, 000186 ROMA entro l’8 aprile 2013. Farà fede il timbro postale.
I testi inviati dopo tale data non verranno ammessi al concorso.
L’organizzazione declina ogni responsabilità per smarrimenti, ritardi o disguidi del materiale inviato. Sul pacco/raccomandata dovrà essere indicata la dicitura “PREMIO BIBLIOTECHE DI ROMA SEZ.TEATRO”.
Ogni copia dovrà essere rilegata e sul frontespizio dovranno essere stampati il titolo del lavoro e un motto al posto del nome dell’autore. In nessun caso nel manoscritto dovranno essere presenti le generalità dell’autore né altro elemento che possa suggerire o individuare l’autore (nome, cognome e/o qualsiasi elemento identificativo).
Il pacco/raccomandata dovrà contenere:
• 5 (cinque) copie dattiloscritte del testo;
• la copia del testo in formato elettronico (su supporto originale);
• fotocopia del documento di identità in corso di validità;
• specifica dell’opera, se protetta da diritti SIAE;
• scheda sintetica del lavoro indicando: titolo, autore, motto, genere dell’opera, articolazione (atti/scene), numero personaggi, ambientazione e breve trama (max 10 righe);
• autorizzazione al trattamento dei dati personali in base all’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 sulla privacy e al loro utilizzo per fini meramente concorsuali;
• una busta bianca sigillata indicante nella parte esterna, solo ed esclusivamente, il motto.
La busta bianca, identificata dal motto, dovrà contenere unicamente la scheda di partecipazione (modello allegato al presente bando) debitamente compilata e firmata in originale.
Al momento dell’arrivo, il pacco/raccomandata sarà protocollato, attestandone l’arrivo entro la scadenza prevista, e separato dal contenuto. Le copie del testo e la busta sigillata saranno a loro volta separati.
Le buste bianche saranno subito depositate, con i sigilli intatti, presso la segreteria dell’Istituzione Biblioteche e aperte soltanto dopo che la Giuria tecnica avrà espresso le sue scelte, per evitare qualunque tipo di condizionamento nella valutazione dei testi.
Ogni copia dovrà essere rilegata e sul frontespizio dovranno essere stampati il titolo del lavoro e un motto al posto del nome dell’autore. In nessun caso nel manoscritto dovranno essere presenti le generalità dell’autore o altro elemento che possa suggerire e individuare l’autore (nome, cognome e/o qualsiasi elemento identificativo).
Non saranno ammessi plichi privi di uno o più dati richiesti o che contengano informazioni differenti da quelle esplicitamente richieste.

 

ART. 4 GIURIA, DESIGNAZIONE DEI TESTI FINALISTI
Tutti i testi ammessi al concorso verranno letti ed esaminati da una Giuria composta di esperti del settore teatrale scelti tra operatori teatrali, critici e/o docenti universitari, denominata “Comitato scientifico” e nominata dal Consiglio d’Amministrazione dell’Istituzione Biblioteche nonché da rappresentanti dell’Istituzione. Il lavoro della Giuria tecnica, se necessario, verrà supportato, dalla segreteria operativa.
Compito della Giuria tecnica è selezionare i tre testi più meritevoli e in regola con tutte le norme stabilite dal presente Bando.
I parametri di valutazione sono i seguenti:
• qualità artistica e stilistica dei testi
• espressività e originalità
• rappresentatività
Il giudizio della “Giuria tecnica” è insindacabile.

I tre testi finalisti verranno pubblicati sul sito delle Biblioteche di Roma, www.bibliotechediroma.it, e inviati, in via promozionale, ai teatri con attività stabile della città di Roma.

 

ART. 5 GIURIA POPOLARE
I tre testi finalisti saranno, poi, giudicati da una “Giuria popolare” attraverso una lettura drammatizzata (mise en éspace) che avverrà in un unico appuntamento presso il Teatro Quarticciolo di Roma. La lettura sarà eseguita da attori appartenenti ad Accademie o Scuole di teatro e coordinata dal Comitato scientifico. A ciascuno dei tre autori finalisti per la realizzazione della lettura verrà garantito dall’Istituzione Biblioteche un contributo di € 1.000,00 (mille), che dovrà essere giustificato e rendicontato in opportuna sede.
La “Giuria popolare” sarà costituita da alcuni circoli di lettura dei Bibliopoint, scelti a seguito di un sorteggio.

 

ART. 6 ESCLUSIONI DAL CONCORSO
Qualora, nel periodo che intercorre fra la presentazione del testo al concorso e la scelta dei tre testi finalisti, venisse a mancare anche una sola delle condizioni previste dall’ART. 2 del presente bando, il testo verrà escluso dal concorso.
Mancato possesso dei requisiti di cui all’ART. 1.

 

ART. 7 PREMIO PER LA MESSA IN SCENA
Alla fine di ogni singola lettura i componenti della “Giuria popolare” esprimeranno il proprio voto attraverso una scheda, consegnata all’ingresso, che sarà posta in un’urna sigillata. Il testo vincitore sarà quello che avrà ottenuto il maggior numero di preferenze (dato dalla somma dei voti del pubblico e del Comitato scientifico).

 

ART. 8 EROGAZIONE DEL PREMIO
Al vincitore verrà riconosciuto un premio sotto forma di concessione di uno spazio teatrale per sette giorni. L’Istituzione Biblioteche di Roma si impegnerà, inoltre, nella promozione e nella comunicazione della messa in scena dell’opera teatrale, compresa la realizzazione di materiale pubblicitario e locandine.
Il Premio è legato in modo indissolubile alla messa in scena del testo vincitore per un minimo di tre repliche.

 

ART. 9 DIRITTI E RESPONSABILITÀ DEI PARTECIPANTI
Ogni partecipante dichiara di possedere tutti i diritti sugli originali, conserva la proprietà delle opere trasmesse, e cede il diritto d’uso illimitato a titolo non esclusivo all’Istituzione Sistema Biblioteche Centri Culturali di Roma Capitale.
Ogni partecipante è responsabile di quanto costituisce il contenuto delle opere presentate, sollevando l’Istituzione da ogni responsabilità. Il partecipante dovrà inoltre informare gli eventuali interessati citati negli elaborati nei casi e nei modi previsti dal DL 196/2003 (art. 10) nonché procurarsi il consenso alla diffusione degli elaborati. I suddetti consensi (liberatorie) dovranno essere prodotti, se richiesti dall’organizzazione del concorso.
 

  

MAR 5 FEB 2013 - LC
Aggiornamento 11 FEB 2013


Invia questo articolo