Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Archivio Comunicati Stampa
Categoria1__Notizie

Il turismo outdoor: ruolo strategico nella città più verde d’Europa

«I dati sul turismo a Roma, nell’intero comparto ricettivo, confermano il trend positivo di inizio anno. I flussi elaborati dall’Ebtl (Ente bilaterale per il turismo) registrano nel mese di gennaio il +4,50% di arrivi ed il +4,30% di presenze rispetto al gennaio 2012».

Lo dice Antonio Gazzellone, delegato del sindaco Alemanno al turismo di Roma Capitale, a margine di un evento a Big Blu, la fiera della nautica alla Fiera di Roma, che ospita anche quest’anno un padiglione dedicato al turismo all’aria aperta. «Per ciò che riguarda le nazionalità la palma d’oro spetta alla Russia che registra, rispetto allo stesso periodo del 2012 il +19%, seguita da India +14%, Francia +11.00%, Argentina +9%; Giappone, Cina ed Australia sono al +7%, Usa e Canada sono al +5%. Il turismo legato al diportismo e quello outdoor possono svolgere un ruolo da protagonisti», ha aggiunto il delegato capitolino. «Roma, con i nuovi interventi a Civitavecchia e Fiumicino ed il raddoppio del porto di Ostia diventerà sempre di più riferimento per il segmento nautico diportistico croceristico, fondamentale in una città di mare qual è Roma. Con il secondo polo in realizzazione» spiega «il distretto turistico balneare i cui confini sono stati licenziati in questi giorni, anche il settore del diportismo nautico e quello legato al turismo all’aria aperta saranno incentivati dagli interventi a burocrazia zero e lo snellimento delle procedure che daranno certezze anche agli investitori. Il sistema plein air registra permanenze più alte rispetto agli altri sistemi, scandite da effetti positivi di ritorno sul territorio, da qui la nostra ferma volontà di implementare ancora l’attenzione verso questo segmento, ed attivare strumenti adeguati alla ricerca di nuove aree attrezzate. Questo garantirà l’aumento di un turismo attento non solo al verde, all’aria aperta, ma attratto anche da segmenti diversi, prodotti tipici, moda, artigianato, di cui il nostro territorio è ricco. Fermo restando il primo polo turistico, al quale il secondo polo è complementare, per intercettare i turisti provenienti dai nuovi mercati che sempre di più si interessano alla Capitale».

 

Roma, 25/02/2012


Invia questo articolo