Luceverde

Infomobilità

Lavori pubblici per il Giubileo

Sito informativo sul Giubileo

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Cultura , eventi , tempo libero
Categoria1__Notizie
Data__21/02/2014
Data__2014

Capolavori dal Museo d'Orsay, fino all'8 giugno al Vittoriano

Danseuses montant un escalier, Edgar Degas

Roma, 23 febbraio - Gauguin, Monet, Degas, Sisley, Pissarro, Van Gogh, Manet, Corot, Seurat e molti altri sono i protagonisti della mostra ospitata nelle sale del Vittoriano fino all’8 giugno. Per la prima volta a Roma viene proposto un percorso espositivo di oltre settanta opere realizzate tra il 1848 e il 1914 dai grandi maestri francesi: dalla pittura accademica dei Salon alla rivoluzione dello sguardo impressionista e fino alle soluzioni formali dei nabis e dei simbolisti.

 

La storia delle avanguardie e della modernità è preceduta dal racconto della trasformazione dell’ex stazione ferroviaria, costruita per l’Esposizione Universale del 1900 nel cuore di Parigi, in uno dei musei più importanti al mondo, delle sue prime collezioni e del nuovo allestimento museale realizzato nel 1986 dall’architetto italiano Gae Aulenti.


Musée d’Orsay. Capolavori”, curata da Guy Cogeval e da Xavier Rey, è articolata in cinque sezioni: la prima è incentrata sul nucleo originario della collezione, l’arte dei Salon, posta a confronto con l’allora emergente e non apprezzata arte realista. Nella seconda si illustra il rinnovamento della pittura di paesaggio da parte della Scuola di Barbizon, che anticipa la pittura impressionista, cui è dedicata la sezione seguente, che sottolinea la modernità di questa corrente artistica, sia nella tecnica che nei soggetti, fortemente influenzati dall’industrializzazione e dalla conseguente modernizzazione della società.
 

La mostra segue poi l’evoluzione del linguaggio pittorico, nella seconda metà dell’Ottocento, verso il simbolismo con i pittori che seguirono Gauguin a Pont Aven in Bretagna, come il gruppo dei nabis e le loro opere di particolare contenuto emotivo.


Conclude il percorso espositivo la sezione che documenta l’eredità lasciata dall’impressionismo: i pointillistes, gli artisti che, come Monet, si allontanano dal realismo, le varie sperimentazioni come il cloisonnisme di Gauguin e un ritorno alla dimensione decorativa dei nabis.
 

22 febbraio-8 giugno

Capolavori dal Museo d'Orsay
Complesso del Vittoriano - via San Pietro in Carcere
lunedì-giovedì dalle 9.30 alle 19.30; venerdì e sabato fino alle 23; domenica fino alle 20.30
ingresso 12 euro (ridotto 9)

 

21 FEB 2014 - PR
 

 


Invia questo articolo