Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Anno 2014
Categoria1__Notizie
Data__04/03/2014
Data__2014

5 mar 2014 - Progetto “città resilienti”, incontri con la Rockefeller Foundation. Definito piano d'azione

 

 

 

Roma, 5 marzo – Prosegue il cammino del progetto Roma città "resiliente", finanziato dalla Rockefeller Foundation, che coinvolge Roma tra le cinque città europee prescelte (e le 33 in tutto il mondo). I responsabili della fondazione americana hanno fatto ieri visita alla Capitale e al Campidoglio, per preparare le fasi successive del programma grazie a una serie d’incontri.

 

 

La giornata ha preso il via con un seminario introduttivo all’Assessorato alla Trasformazione Urbana, a cui ha partecipato anche l'assessore all’Ambiente Estella Marino. A seguire, visita all’entroterra di Ostia con lo sguardo puntato – informa una nota del Campidoglio – “sulle criticità dovute allo squilibrio tra gestione delle acque e urbanizzazione”. Poi un incontro sull’Appia Antica, tema il rapporto tra patrimonio archeologico e rischi ambientali.

 

Nel pomeriggio, infine, confronto con il Sindaco. Sono stati individuati due piani d'intervento: "due filoni", fa sapere lo stesso Marino. "I fondi messi a disposizione dalla Fondazione, un milione di dollari, saranno impegnati in un piano di consolidamento della fragilità del territorio e nel restauro e valorizzazione dei beni archeologici. Questo secondo filone, poi, potrà avere un’importanza strategica per Roma e aprire la strada ad ulteriori finanziamenti futuri, sempre provenienti dalla Rockefeller Foundation".

 

Il progetto della Fondazione Rockefeller, ha sottolineato l’assessore Giovanni Caudo (Tasformazione Urbana) “costituisce per Roma una grande opportunità per progettare un futuro più responsabile e, allo stesso tempo, rapportarsi in un contesto internazionale privilegiato”.

 

 

 

 5 MAR - AM


Invia questo articolo