Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Anno 2014
Categoria1__Notizie
Data__19/03/2014
Data__2014

19 mar 2014 - L’Ambasciatore della Slovenia ricevuto in Campidoglio

 

Roma, 19 marzo - Il Sindaco Ignazio Marino ha accolto in Campidoglio l’Ambasciatore sloveno, Iztok Mirosic. Un’occasione per rivedere gli ottimi rapporti che legano la Slovenia e l’Italia ed in particolare Lubiana e Roma.

 

 

L’Ambasciatore ha ricordato gli ingenti scambi economici esistenti tra i due Paesi e l’importante flusso turistico che porta gli italiani ad essere i maggiori visitatori della città considerata “figlia di Praga e di Vienna”.

 


E’ stata anche l’occasione per annunciare una visita a Roma del Sindaco di Lubiana, Zoran Jankovic, volta a sigillare i legami che uniscono le due città. La visita si inserirebbe infatti all’interno di un programma di iniziative volte a celebrare i 2000 anni di storia che legano la città di Lubiana a Roma.

 


L’Ambasciatore Mirosic ha inoltre menzionato la visita di Stato, nel mese di maggio, del Presidente della Repubblica di Slovenia S.E Borut Pahor. Il Sindaco ha accolto con grande piacere la possibilità di accogliere il Presidente Pahor in Campidoglio, dando la disponibilità dell’Amministrazione a favorire la realizzazione di alcune iniziative culturali per l’occasione.

 


Durante il colloquio l’Ambasciatore sloveno ha voluto presentare al Sindaco diversi eventi culturali, fra i quali l’inaugurazione di una targa realizzata in onore del poeta Ciril Kotnik, sloveno, ucciso dai nazifascisti; la possibilità di ospitare in una prestigiosa piazza di Roma una mostra per celebrare i 10 anni dell’ingresso in Europa della Slovenia; l’invito ad inaugurare alla Casa della memoria una mostra sulla sofferenza degli sloveni nei campi di concentramento fascisti.

 


Sono tutte iniziative che il Sindaco ha accolto positivamente in quanto coerenti con la visione di città che vuole instaurare: una città aperta ed intenta a valorizzare le diverse culture che la compongono, una città fondata sulla condivisione della storia, della memoria e del patrimonio storico-culturale materiale e immateriale.

 

 

19 MAR - AM


Invia questo articolo