Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Archivio Primo Piano
Categoria1__Notizie
Data__26/06/2014
Data__2014

Salute e benessere nella Terza Età, arriva “Stili di vitattiva”

Stili di vita attiva

Roma, 28 giugno – L’Università Popolare Vitattiva, con il patrocinio dell’Assessorato Qualità della Vita, Sport e Benessere di Roma Capitale, organizza Stili di vitattiva, manifestazione dedicata alla promozione della salute nella Terza Età che si svolge questo sabato, dalle 10 in poi, presso l’impianto comunale Fitage di via G.Ventura 60, e alla quale partecipano i Centri Sociali Anziani di Roma Capitale.

 

L’iniziativa prevede esibizioni di gruppi di ginnastica dei Centri, circuiti di cardiofitness, percorsi Walking, incontri su ‘sport a ogni età’ e stili di vita, lezioni di acqua gym, esposizione e promozione delle attività dei Centri e “Centenari si diventa” un laboratorio teatrale con musica dal vivo e ballo.
 

 

 

L’adozione di stili di vita sani nella Terza Età è un fattore decisivo per gli over 65 che desiderano una vita piena e partecipativa con attività, progetti e relazioni. In Italia, secondo paese al mondo per numero di anziani, il processo di invecchiamento della popolazione risulta in continua crescita: nel 2010 il numero di over 65 ammontava a 12,5 milioni (ossia il 22% della popolazione); il trend demografico lascia prevedere che per il 2030 gli over 65 arriveranno ad essere il 27,7% della popolazione.

 

Di fatto è la possibilità di essere ancora autonomi ed autosufficienti, che permette agli over 65 di non sentirsi anziani né tanto meno vecchi. Con una regolare attività fisica e una sana alimentazione, si possono ottenere risultati eccellenti su varie funzioni organiche, diametralmente opposti a quelli che sulle stesse esercita l'invecchiamento. Una persona anziana che pratica attività motoria, riduce la degenerazione delle capacità fisiche, migliorando la mobilità articolare, l’efficienza muscolare e le capacità aerobiche del 25-30%. Una corretta alimentazione invece contribuisce in modo decisivo a ridurre l’incidenza dell’obesità e quindi di patologie come cardiopatie, diabete, alcune neoplasie e osteoartrite.
 

 

Informazioni www.vitattiva.it

 

 

26 GIU 2014 - ADL


Invia questo articolo