Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Homepage
Categoria1__Notizie
Data__05/02/2014
Data__2014
DataModifica__15/09/2014

Patrimonio in trasparenza

Il patrimonio immobiliare di Roma Capitale
 

Segmentazione tipologia del bene

   Beni

Unità di misura

     

Strade ed annessi

   9.351

unità immobiliare

Idrico e Collettori

      256

insieme di beni/aggregati

Bene culturale

  1.123

insieme di beni

Ville e parchi storici

      583

unità immobiliare

Mercati

  74

insieme di beni 

Aree

 2.586

insieme di beni 

Beni per usi istituzionali e sociali di cui:

3.675

unità immobiliare

Cimiteri 12 insieme di beni/aggregato
Mercati 74 insieme di beni
Edifici scolastici 1.542 insieme di beni
Altri usi 1.047 insieme di beni

Residenze per assistenza alloggiativa e pertinenze

      965

unità immobiliare

Alloggi di edilizia residenziale, pertinenze e commerciale      

 42.717

unità immobiliare 

 

 

 

Beni condotti in affitto passivo

   4.801

unità immobiliare

 

 
 

La banca dati dell’inventario descrive il patrimonio secondo tre gradi di dettaglio:

Unità immobiliare di base (UIB) - riferibile indicativamente ad una abitazione oppure ad un locale commerciale

Insieme di beni unitari (IBU) – riferibile indicativamente ad  un edificio

Aggregato (AGG) – riferibile indicativamente ad un complesso di edifici

 

Per l’inventariazione del bene è obbligatoria la creazione dell’unità immobiliare coincidente col cespite inventariale. I registri di consistenza inventariali, in termini di descrizione e valore del bene, sono costruiti per UIB.

Attualmente gli uffici hanno aggiornato la logica che sottende alla classificazione dei beni che, pur tenendo conto delle esigenze inventariali, ne semplifica la descrizione. Questa nuova logica ha un riscontro sui totali pubblicati nello schema.

I conteggi rappresentati nello Schema sono stati effettuati, come indicato nella colonna “unità di misura”, utilizzando diversi livelli di dettaglio allo scopo di rendere più chiara la numerosità di ogni singolo segmento.
 

Ciascun cespite viene inoltre descritto con l’Ambito Tipologico e il Tipo Bene a seconda della funzione del bene e dell’atto di provenienza. Attualmente gli uffici sono impegnati nella normalizzazione di questi due informazioni secondo nuovi criteri rispondenti alle esigenze di rappresentazione dei dati di consistenza in base ai nuovi principi di contabilità armonizzata.
 

Dei 42.717 Beni di edilizia residenziale e commerciale di Roma Capitale: 25.035 sono abitazioni352 locali commerciali e i restanti 18.034 beni sono pertinenze o comunque beni a servizio degli edifici.
 

Vengono, inoltre, elencati i Beni ad uso istituzionale. Si tratta di 3.765 unità immobiliari che hanno tipologie e funzioni diverse: le più rilevanti, dal punto di vita numerico sono gli edifici di edilizia scolastica. Nell’ambito del segmento complessivo dei beni ad uso istituzionale, le singole unità possono variare destinazione d’uso in base alle specifiche esigenze delle strutture capitoline consegnatarie, per tale motivo è stato avviato un processo di collaborazione con i municipi per l’aggiornamento delle tipologie, tuttora in corso.
 

Gli  immobili ad uso abitativo di proprietà comunale, come noto, non sono sufficienti a fronteggiare l’emergenza abitativa che colpisce le fasce più deboli della cittadinanza e, pertanto, Roma Capitale stipula contratti di locazione con terzi per mettere a disposizione degli aventi diritto 4.801 abitazioni di edilizia residenziale e pertinenze condotti in affitto passivo.  
 

Sono stati pubblicati nella pagina Canoni di locazione e affitto, gli importi corrisposti per ciascuna abitazione; a tutela della privacy sono stati omessi il piano, l’interno e la scala, quali elementi idonei a identificare gli inquilini residenti.
 

Gli introiti complessivi (realmente incassati) derivanti dai canoni di locazione percepiti nell’anno 2015 dall’Amministrazione capitolina per l’edilizia residenziale pubblica - ERP, e per il patrimonio disponibile ammontano a € 24.985.645,00, ma l’importo è suscettibile di variazioni positive dovute a pagamenti effettuati in ritardo da parte dell’utenza.
 

Roma Capitale ricorre al mercato immobiliare privato, quindi affitta degli immobili da terzi per soddisfare la necessità di alloggi da destinare all’ERP e per le garantire le sedi istituzionali e decentrate (scuole, biblioteche, centri anziani, ecc.).
 

Nel corso del 2015 sono stati spesi € 25.291.360,38 in affitti passivi per fronteggiare l’emergenza abitativa; tale importo sarà soggetto a modifiche, in quanto sono attualmente in fase di ricontrattazione i canoni e i contratti.

Per quanto riguarda il patrimonio non residenziale la spesa per gli affitti passivi delle sedi istituzionali e decentrate sostenuta nel 2015 ammonta a €  34.382.031,39.

 

E’ possibile consultarle i dati relativi ai contratti stipulati nelle tabelle inerenti gli affitti passivi per finalità istituzionali e gli affitti passivi per l’edilizia residenziale pubblica

 
In caso di occupazione abusiva o quando vengono meno i presupposti contrattuali e/o i requisiti necessari per l’utilizzo di immobili del patrimonio di Roma Capitale, si procede alla riacquisizione dei medesimi tramite accordo bonario o procedure coattive. I beni riacquisiti nel possesso dell’Amministrazione sono sottoposti ad un’attenta verifica sullo stato dei luoghi e ad una attività istruttoria, che prevede anche la stima del valore attuale dell’immobile. Tali adempimenti sono propedeutici al successivo riutilizzo del bene, che può essere destinato a fini istituzionali, allo svolgimento di attività culturali, sociali e produttive tramite procedure di evidenza pubblica o inserito nei programmi di alienazione del patrimonio di Roma Capitale.


Data di pubbl. 17 dic. 2013/16 sett. 2014

Aggiornamento 8 Giugno 2017

 

 


Invia questo articolo