Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Elenco Procedimenti dei Municipi
Categoria1__Notizie
DataModifica__28/03/2017

Procedimenti

 

Procedimento

Variazione anagrafica e di stato civile

Procedimento volto a rettificare dati errati che il/la cittadino/a residente riscontra nei propri atti anagrafici e di stato civile o che si sono modificati e devono essere aggiornati, recandosi personalmente al Municipio o all'Anagrafe Centrale (se trattasi di errore materiale o di registrazione informatica).-
D.P.R. 30 maggio 1989, n.223; L.24.12.1954, n.1228.

I municipi sono autorizzati alla rettifica di luogo e data di nascita, nome e cognome, maternità e paternità, stato civile, cittadinanza, sesso.

Unità Organizzativa responsabile del procedimento 

MUNICIPIO ROMA I CENTRO
 

U.O. AMMINISTRATIVA E AFFARI GENERALI

Servizi Anagrafici e di Stato Civile

 

sede: Via L. Petroselli, 50

Ufficio Servizi Demografici 

tel. 06 69601410 - fax 0669601442 

cambiresidenza.municipioroma01@comune.roma.it

 

sede: Circonvallazione Trionfale, 19

Ufficio Servizi Demografici 

tel. 06 69617436 - fax 06 39738863 

enzo.schettini@comune.roma.it

Atti, Documenti e Modulistica da allegare all'istanza di parte

Occorre presentare in originale e consegnare in fotocopia:

 

Istanza scritta di correzione

 

 

Modulo di richiesta di rettifica.

 

• Un documento di riconoscimento valido, per chi appartiene all’U.E. passaporto o carta d'identità straniera e attestato di regolarità di soggiorno o di soggiorno permanente, per chi non appartiene all’U.E. passaporto e permesso di soggiorno.

• Eventuali documenti in proprio possesso utili all'istruttoria, per chi è straniero/a, appartenente o non appartenente all'U.E. dichiarazione dell'Ambasciata competente, eventualmente legalizzata in Prefettura ,che attesti le corrette generalità o, in alternativa, certificazioni del proprio paese tradotte e legalizzate dal Consolato Italiano del paese di provenienza (o con Apostille se provenienti da paesi aderenti alla convenzione dell'Aia).
 

Modalità reperimento informazioni relative al procedimento in corso

L'interessato potrà ricevere le informazioni relative al procedimento in corso presso la U.O. e l'Ufficio del Procedimento indicati nella riga 2.

Termine

10 giorni

Provvedimento finale

Rettifica dei dati

Strumenti di tutela amministrativa e giurisdizionale

Per variazioni anagrafiche:

 

Ricorso amministrativo gerarchico al Prefetto (Prefettura - U.T.G. di Roma) entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento dell'Ufficiale di Anagrafe.

Ricorso al Giudice ordinaria entro i termini del codice di procedura civile (90 gg.) a seguito della notifica del provvedimento dell'Ufficiale di Anagrafe.

Ricorso al T.A.R. del Lazio entro 60 giorni oppure ricorso straordinario al Capo dello Stato per soli motivi di legittimità entro 120 giorni.

 

Per variazioni di stato civile:

 

Ricorso al Tribunale Civile di Roma ai sensi dell'art. 95 e segg. del D.P.R. 3.11.2000, n.396.
Entro 30 gg. dalla notifica del provvedimento di diniego ricorso gerarchico al Prefetto. Contro il provvedimento del Prefetto ricorso al T.A.R. del Lazio entro 60 gg. oppure ricorso straordinario al Presidente della Repubblica per soli motivi di legittimità entro 120 gg.

 

Modalità:

 

I ricorsi possono essere consegnati direttamente presso la sede dell'Ufficio preposto, oppure inviati mediante lettera raccomandata A.R./Posta Elettronica Certificata. Nei casi relativi ai ricorsi al T.A.R., al Tribunale di Roma e al Giudice di Pace (ove previsto), il ricorso deve essere presentato in forma di atto legale giudiziario mediante patrocinio di un avvocato (ad eccezione dei casi nei quali le parti possono stare in giudizio personalmente, senza l'assistenza del difensore, ad es., in materia di accesso, in materiale elettorale e nei giudizi relativi al diritto dei cittadini dell'Unione europea e dei loro familiari di circolare e di soggiornare liberamente nel territorio degli Stati membri).

 

Il Processo amministrativo telematico si applica ai soli giudizi introdotti con i ricorsi depositati, in primo o in secondo grado, a far data dall' 1 gennaio 2017 (art. 13, c. 1 ter, ali. 2 al c.p.a., introdotto dall'art. 7, d,l. n. 168 del 2016).
Ai ricorsi depositati anteriormente a tale data, continuano ad applicarsi, fino all'esaurimento del grado di giudizio nel quale sono pendenti alla data stessa e, comunque, non oltre il 10 gennaio 2018, le norme previgenti.

Processo amministrativo telematico

Processo amministrativo telematico  -  F.A.Q.

Link di accesso al servizio on line

Nessun servizio online

 

Modalità effettuazione dei pagamenti

Procedimento gratuito

Poteri sostitutivi

Gli indirizzi per l'attivazione del potere sostitutivo in caso di inerzia sono disponibili nella apposita sezione del portale di Roma Capitale.

 

Data aggiornamento: 18/07/2017


Invia questo articolo