Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Homepage
Categoria1__Notizie
Data__17/02/2015
Data__2015

Sindaco (art. 24 dello Statuto)

1. Il Sindaco è l’organo responsabile dell’amministrazione di Roma Capitale e, salvo quanto disposto al comma 4 dell’articolo 34, rappresenta l’Ente.
2. Il Sindaco nomina, entro il limite massimo e con le modalità di cui all’articolo 25, gli Assessori, tra cui il Vice Sindaco.
3. Entro dieci giorni dalla nomina dei componenti della Giunta Capitolina e, comunque, non oltre quarantacinque giorni dallo svolgimento della elezione dell’Assemblea Capitolina, il Sindaco, sentita la Giunta, presenta all’Assemblea dettagliate linee programmatiche, articolate secondo le principali funzioni svolte da Roma Capitale e relative al mandato. Ferme restando le forme di partecipazione alla definizione e all'adeguamento dell'attuazione delle linee programmatiche indicate nel Regolamento dell’Assemblea Capitolina, ai sensi dell’articolo 16, comma 3, la verifica dell'attuazione delle linee programmatiche è svolta dall’Assemblea contestualmente alla discussione sul documento di programmazione finanziaria di cui all’articolo 38, comma 3.


4. In particolare, il Sindaco:


  a) assume ogni iniziativa ritenuta utile al fine di assicurare

      il buon andamento dell'Amministrazione Capitolina;


  b) esercita ogni altra funzione a esso attribuita, quale

      Capo dell’Amministrazione, dalle leggi, dallo Statuto e dai regolamenti;


  c) sovrintende all’espletamento delle funzioni conferite dallo Stato e dalla Regione Lazio;


  d) conferisce gli incarichi di direzione e procede alla revoca degli stessi, secondo le modalità

      e i criteri stabiliti dalla legge, dallo Statuto e dai regolamenti;


  e) sovrintende al funzionamento dei servizi e degli uffici impartendo

      le necessarie direttive al Segretario Generale e, ove nominato, al Direttore Generale

      nonché ai responsabili delle strutture amministrative capitoline sovraordinate;


  f) provvede, sentita la competente Commissione Capitolina – che si esprime entro

      il termine perentorio di dieci giorni dalla ricezione dei curricula degli

      interessati – alla nomina e alla designazione dei rappresentanti di Roma Capitale

      presso enti, istituzioni, società partecipate e altri gestori di servizi pubblici,

      secondo gli indirizzi formulati dall’Assemblea Capitolina e nel rispetto delle

      procedure stabilite dal Regolamento dell’Assemblea Capitolina, nonché a informare

      tempestivamente la Commissione delle revoche disposte;


  g) indice i referendum di ambito capitolino;


  h) coordina, sentito l’osservatorio di cui all’articolo 13, comma 4 e sulla base degli indirizzi

      espressi dall’Assemblea Capitolina e degli eventuali criteri indicati dalla Regione Lazio,

      gli orari degli esercizi commerciali, dei pubblici esercizi e dei servizi pubblici, nonché,

      d’intesa con le amministrazioni interessate, gli orari di apertura degli uffici pubblici

      localizzati nel territorio, al fine di armonizzare l’espletamento dei servizi con le esigenze

      complessive e generali della comunità cittadina; il Sindaco può delegare ai Presidenti

      dei Municipi la riorganizzazione degli orari nei territori di rispettiva competenza;


  i) esercita le funzioni attribuitegli in qualità di ufficiale di Governo;


  l) riferisce all’Assemblea Capitolina in merito:


     1. alle audizioni presso il Consiglio dei Ministri alle cui riunioni abbia partecipato

         in relazione ad argomenti inerenti alle funzioni di Roma Capitale;


     2. alle attività svolte per assicurare, nell’ambito della Conferenza Unificata,

         il raccordo istituzionale tra Roma Capitale, lo Stato, la Regione Lazio

         e la Città Metropolitana nonché in tutti i casi in cui la Conferenza svolga,

         con la partecipazione del Sindaco, funzioni relative a materie e compiti di interesse

         di Roma Capitale.


5. Il Sindaco assume le determinazioni in ordine agli accordi di programma promossi dall’Amministrazione Capitolina o in ordine alle relative richieste pervenute da parte della Regione Lazio, della Città Metropolitana o di altri soggetti pubblici, sulla base degli indirizzi deliberati dagli organi competenti a pronunciarsi in merito all’intervento oggetto dell’accordo di programma.


6. Il Sindaco, per limitate e particolari esigenze, può affidare a personalità esterne agli organi e all’Amministrazione di Roma Capitale, lo svolgimento, a titolo gratuito, di compiti di collaborazione su temi di interesse della comunità cittadina, delimitandone funzioni e termini.
 


Invia questo articolo