Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Villa Lazzaroni




Orari:
Parco di Villa Lazzaroni
- Apertura dei cancelli alle ore 7.00 tutti i giorni compresi i festivi;
- Chiusura dei cancelli della Villa alle ore 19.00 tutte le sere, comprese i festivi.

Parcheggio di Via Tommaso Fortifiocca
- Apertura cancelli tutti giorni feriali alle ore 7.00
- Chiusura cancelli dal lunedì al venerdì alle ore 19.30, sabato alle ore 14.00
- Domenica chiuso


APPUNTI STORICI

Villa Lazzaroni ex tenuta degli omonimi baroni, sita lungo la Via Appia Nuova, si presentava, in origine, come un vero e proprio orto botanico con 64 specie diverse. Autori del giardino, sembra siano stati gli stessi baroni Edgardo e Michele Lazzaroni, appartenenti ad una famiglia di finanzieri titolati di baronia motu-proprio da Umberto I nell’aprile 1879.
La realizzazione di una Villa “di delizia” sull’Appia nasce, molto probabilmente (secondo gli studi di quanti si sono occupati delle ricerche sulla villa e sugli atri possedimenti della famiglia) dall’esigenza di completare l’immagine dei neoaristocratici in cerca di legami, almeno simbolici, con la grande nobiltà romana dei secoli precedenti.”
Dalle ricerche sviluppate, si evince come l’ascesa economica della famiglia tra il 1880 e il 1893 abbia giustificato l’investimento di capitali nella ristrutturazione della tenuta agricola ottocentesca e del casale rustico preesistente, nel tentativo di imitare le ville patrizie dei secoli passati e che gli interventi, dovevano essere già stati terminati nel 1893, anno in cui lo scandalo della Banca Romana travolse la famiglia e, in particolare, il barone Michele che ne era stato l’amministratore.
Il parco, oggi vincolato, creato dai Lazzaroni si sviluppa in una superficie di 50.000 mq. E ripropone il gusto paesaggistico eclettico tipico della fine del secolo scorso.
Tipica dell’epoca la montagnola rustica con la grotta posta all’ingresso su Via Appia Nuova.



 

Ultimo aggiornamento 20 luglio 2017