Sezioni del portale

Luceverde

Infomobilità

Lavori pubblici per il Giubileo

Sito informativo sul Giubileo

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home / Struttura Organizzativa
Categoria1__Struttura Organizzativa
/ Dipartimento Mobilità e Trasporti
Categoria2__Dipartimento Mobilità e Trasporti
/ Avvisi, delibere, archivio bandi / Delibere

Delibere

PGTU 2015


  

Il Piano Generale del Traffico Urbano è un documento di pianificazione e programmazione di breve medio periodo, che definisce quale idea di città in movimento si vuole perseguire. A 16 anni dall'approvazione del primo PGTU di Roma, è stato messo a punto il nuovo Piano che è stato presentato alla città anche attraverso i Municipi e che, in più occasioni e forme, ha avuto il confronto e il contributo di cittadini, associazioni, categorie e di rappresentanti di istituzioni. Su di esso infine si sono formalmente pronunciati i Consigli dei Municipi.
Il nuovo Piano Generale del Traffico Urbano ha dunque seguito un percorso di redazione e di approvazione che è partito da una fase di consultazione preventiva attraverso la sua pubblicazione on line dal 6 febbraio 2014. Il 28 marzo 2014, la Giunta Capitolina ha adottato il testo provvisorio del PGTU ed i suoi allegati "Regolamento Viario e Classifica funzionale", "Perimetrazione dei centri abitati" e "Masterplan delle tecnologie per la mobilità". Dal 4 aprile 2015 e per i 30 giorni successivi è stato possibile inviare al Dipartimento Mobilità e Trasporti osservazioni da parte dei soggetti interessati, inclusi i singoli cittadini. Le osservazioni pervenute sono state valutate e, per quelle accolte, si è proceduto con l’aggiornamento dei documenti del Piano. Successivamente all’adozione, il Piano è stato trasmesso alla Regione Lazio per la verifica di assoggettabilità alla procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) prevista dal D.Lgs. 152/2006, che si è conclusa con l’ esclusione dalla procedura di assoggettabilità stessa.
Sulla base delle Osservazioni espresse da associazioni, cittadini, etc. nel periodo di pubblicazione del Piano stesso, dei pareri assunti e delle susseguenti valutazioni effettuate dall’Ufficio, è stata formulata la proposta da sottoporre all’approvazione definitiva dell’Assemblea Capitolina, previa acquisizione da parte dei Municipi del parere prescritto dal vigente Regolamento sul decentramento amministrativo.
Il nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU) è stato infine approvato dall’Assemblea Capitolina con Deliberazione N. 21 del 16 aprile 2015.
Le premesse del nuovo Piano nascono dall’osservazione di una realtà profondamente modificata rispetto a quella del 1999. In questi ultimi 16 anni, infatti, Roma è cambiata e con essa sono mutate le modalità di spostamento di residenti e pendolari. Basti pensare che la percentuale di chi abita fuori dal Grande Raccordo Anulare è passata dal 18% di allora al 26% attuale e che con gli effetti del nuovo Piano Regolatore la quota è destinata a superare il 30%. Gli spostamenti giornalieri dei pendolari, dal 2004, sono cresciuti del 50%, passando da 550mila a oltre 820mila e, oggi, nel traffico perdiamo circa 135 milioni di ore ogni anno, con un danno economico stimato in 1,5 miliardi di euro. A questo si aggiunge il dato della sicurezza stradale che in città vale 1,3 miliardi di euro di costi sociali dovuti agli incidenti. Almeno il 60% degli spostamenti dall’Area metropolitana al centro della città oggi avviene ancora con il mezzo privato. In termini numerici significa che oggi i veicoli potenzialmente circolanti, inclusi moto e motorini, sono 2,8 milioni con un tasso di motorizzazione che nel 2011 era di 978 veicoli ogni mille abitanti, contro i 398 di Londra e i 415 di Parigi.
Il nuovo Piano Generale del Traffico Urbano intende andare a coprire le carenze del servizio di trasporto pubblico, offrendo mezzi più veloci, aumentando del 40% il numero delle corsie preferenziali e migliorando il sistema di collegamento tra il Centro e le zone esterne al GRA.
Dalle regole ai sistemi: la visione della mobilità cittadina proposta nel nuovo Piano Generale del Traffico Urbano si può riassumere con questa semplice formula. Il vecchio Piano, infatti, ha portato una serie di importanti benefici e cambiamenti, come l’aumento dell’offerta di trasporto pubblico, la regolazione della sosta, le Zone a Traffico Limitato, le isole pedonali. Novità per una città che alla fine degli Anni ‘90 doveva adeguarsi alle esigenze dell’epoca, tra le quali iniziava a farsi sempre più strada quella della lotta all’inquinamento atmosferico.
Il nuovo PGTU sposta l’asticella “più in alto”, inserendo le nuove regole vigenti in un quadro generale di interventi che devono fare sistema. Il tutto con un passaggio graduale da una logica prettamente di controllo e repressione a una che premia e incentiva i comportamenti virtuosi che guardano alla collettività. Quindi car e bike sharing, mobility management, trasporto pubblico, sosta tariffata, isole ambientali, open data e tecnologia per aiutare le scelte dei cittadini.
L’obiettivo è quello di realizzare una città con un trasporto pubblico più efficiente e più competitivo rispetto all’autovettura, dove spostarsi a piedi e in bicicletta, camminare sulle strade e nei quartieri sia conveniente e sicuro; una mobilità multimodale e a basso impatto, inclusiva e aperta all’innovazione tecnologica.

 

Deliberazione di Assemblea Capitolina n. 21 del 16 aprile 2015

 

Allegati:

 

PGTU2015PERIMETROCENTRIABITATI_DelAC21_2015_01

 

PGTU2015PERIMETROCENTRIABITATI_DelAC21_2015_02

 

PGTU2015PERIMETROCENTRIABITATI_DelAC21_2015_03

 

PGTU2015PERIMETROCENTRIABITATI_DelAC21_2015_04

 

PGTU2015PERIMETROCENTRIABITATI_DelAC21_2015_05

 

PGTU2015PERIMETROCENTRIABITATI_DelAC21_2015_06

 

PGTU2015RELAZIONEGENERALE_DelAC21_2015

 

PGTU2015REGOLAMENTOVIARIO_CFDelAC21_2015

 

PGTU2015MASTERPLANTECNOLOGIE_DelAC21_2015

 

 

 

 

 

25/06/2015

 

Patto per la Mobilità


  

PATTO PER LA MOBILITA' (Delibera del Consiglio Comunale n. 231/2004 )
Patto per la Mobilità: norme, linee guida ed indirizzi strategici per la realizzazione
del piano parcheggi, in coerenza con la programmazione integrata degli interventi
del Sistema della Mobilità: dalla città per l'automobile alla città del pedone.
 

 

25/02/2013