Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Conoscere i rischi
Categoria1__Notizie
Data__13/01/2016
Data__2016
DataModifica__02/02/2016

Rischio chimico industriale

Gli stabilimenti industriali che utilizzano nei processi produttivi materiali e sostanze chimiche espongono la popolazione e l’ambiente al rischio industriale. Tali sostanze, in caso di incidente, possono provocare incendi, emissioni tossiche e sversamenti in corsi d’acqua, provocando danni e pericoli per l’ambiente e per l’incolumità della vita. La normativa sul rischio industriale è relativamente recente.


Nel 1976 la popolazione dei comuni di Seveso, Cesano Maderno e Desio (Lombardia), furono colpiti da una dannosa nube di diossina a seguito di un’incidente presso la società ICMESA. A seguito di tale avvenimento e con l’accrescersi dell’attenzione verso la tutela e la salvaguardia dell’ambiente, la Comunità Europea decise di dotarsi di una normativa specifica sui rischi derivanti da incidenti industriali.

 

Nel 1982 fu emanata la prima direttiva comunitaria nota come Seveso I (D.E. n. 501/1982/CEE). L’Italia recepì il provvedimento con il D.P.R. n. 175/1988 e con il D. Lgs. n.334/1999, sostitutivo del precedente del 1988, rese efficace la successiva direttiva emanata dalla Comunità Europea nel 1996, detta Seveso II (D.E. del 9.12.1996 n. 96/82).
 

Nel 2003 ulteriori disposizioni per garantire la sicurezza industriale sono state introdotte con il D.L. 21.9.2005, n. 238, rendendo valide in Italia le prescrizioni contenute nella direttiva D.E. 2003/105/CE sul “Controllo dei pericoli di incidenti rilevanti connessi con determinate sostanze pericolose”.

 


Invia questo articolo