Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  PROCESSI DI PARTECIPAZIONE
Categoria1__Notizie

RACCONTI DAL FUTURO

Racconti dal futuro: come immagini lo spazio pubblico del tuo quartiere?
Un processo innovativo di progettazione partecipata nei quartieri Prati e Della Vittoria

 

Roma, 2 febbraio 2016  -  L’associazione PSP, che svolge attività, studi, ricerche e formazione nel campo della Progettazione Sostenibile Partecipata, ha avviato in questi giorni il processo partecipato “Racconti dal futuro: come immagini lo spazio pubblico del tuo quartiere?”.

I cittadini, i comitati e le associazioni saranno chiamati a immaginare un futuro desiderabile per alcuni ambiti urbani dei quartieri Prati e Della Vittoria e a delineare proposte strategiche valide, condivise e fattibili per migliorare la qualità della vita dei loro abitanti: dall’ambiente alla mobilità, dai servizi agli spazi pubblici.

L’associazione PSP ha già preso contatto con molti abitanti, comitati e associazioni per invitarli a partecipare all’incontro preliminare, nel quale sarà illustrato in dettaglio il programma e i metodi utilizzati per implementarlo.

Tutti i cittadini interessati potranno intervenire liberamente all’incontro che avrà luogo Giovedì 4 febbraio, dalle 16.00 alle 19.00, presso la sede del Municipio Roma I di Circonvallazione Trionfale 19.
 

 

Il processo è parte integrante del progetto “Processi inclusivi nei progetti di genere per la Città Storica che l’associazione PSP – vincitrice dell’avviso pubblico “Innovazione: sostantivo femminile” promosso dalla Regione Lazio – realizzerà nei prossimi mesi con la collaborazione dell’unità di ricerca di Milano dell’ICT-CNR. Nel suo ambito sarà sperimentato un metodo innovativo di progettazione partecipata che utilizza anche una piattaforma web: i partecipanti potranno dare il loro contributo sia in presenza sia tramite web.

Gli aspetti che rendono il metodo innovativo – oltre all’utilizzo di tecnologie informatiche particolarmente friendly – sono soprattutto due.
Il primo riguarda la natura incrementale del processo partecipativo. Il processo coinvolgerà inizialmente un gruppo di abitanti che avrà il compito di identificare, negli ambiti urbani considerati, i problemi più critici con alcune proposte, anche alternative, atte a risolverli. I risultati saranno quindi sottoposti al giudizio di tutti i cittadini interessati, che potranno intervenire liberamente per approvarli, criticarli, o proporre integrazioni e miglioramenti.

Il secondo consiste nell’uso di CC (Confronto Creativo), un metodo che aiuta i partecipanti a identificare e condividere le soluzioni progettuali più valide, e che è particolarmente efficace nelle situazioni complesse caratterizzate da molteplici punti di vista e dalla presenza di possibili conflitti.

I risultati saranno consegnati al Municipio Roma I Centro, che ha dichiarato il suo interesse.


Il progetto è curato da Elena Mortola, Alessandro Giangrande, Lea Angeloni e Romina Peritore – rispettivamente presidente, vice-presidente e membri PSP –  con la collaborazione di Silvia Gnetti, membro dell’associazione Civico 17.


Invia questo articolo