Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Attualità
Categoria1__Notizie
Data__03/08/2016
Data__2016

Unioni civili, ora si può

unioni civili

Le unioni omosessuali diventano realtà anche a Roma: è entrato in vigore il “registro provvisorio delle unioni civili” (“provvisorio” perché non sono stati ancora promulgati i decreti delegati che disciplineranno in via definitiva la materia). Ci si può dunque prenotare per sancire davanti all’ufficiale di stato civile il proprio legame affettivo. In caso di matrimonio contratto all’estero tra persone dello stesso sesso non serve chiedere l’unione civile: il matrimonio viene trascritto direttamente nel registro. La procedura per le unioni civili è semplice, gratuita e si articola in due fasi.  

 

Per cominciare si prende un appuntamento all’anagrafe centrale in via Petroselli (facendone domanda in carta libera). Stabiliti giorno e ora, si va all'anagrafe per chiedere di costituire l’unione e dichiarare il possesso dei requisiti necessari (assenza di altri vincoli – matrimonio o altra unione – e di eventuali interdizioni, nessun rapporto di parentela tra i contraenti, assenza di condanne definitive…). Ciò fatto, l’ufficiale di stato civile redige un verbale e invita le parti a comparire di nuovo entro 15 giorni per costituire l’unione. Nota bene: per chiedere di unirsi civilmente basta essere maggiorenni, non occorre avere la residenza nella Capitale. I cittadini stranieri devono allegare alla richiesta un nulla osta all’unione civile dell’ambasciata o del consolato del paese di provenienza.

 

Lo stesso ufficiale, nell’intervallo tra primo e secondo appuntamento, accerta che non sussistano impedimenti. Può servire più o meno tempo: se la coppia o un suo componente, ad esempio, non vive a Roma occorrerà qualche giorno in più per chiedere informazioni al Comune di provenienza.  

 

Infine si torna davanti all’ufficiale di stato civile con i testimoni e si dichiara di voler costituire l’unione. L’ufficiale stila un altro verbale e lo fa firmare ai presenti, quindi formalizza l’unione iscrivendola nel registro. Da quel momento l’unione è valida a tutti gli effetti di legge.

 

Informazioni più dettagliate nella scheda tra le pagine del Segretariato Generale.

 

3 AGO 2016 – PV 


Invia questo articolo