Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Attualità
Categoria1__Notizie

Terremoto Amatrice, la solidarietà è “inMensa”

solidarietà inMensa, presentazione

Giovedì 24 novembre, nelle mense scolastiche romane si è mangiato reatino-ascolano; e una parte del ricavo è andato a sostenere la refezione scolastica di Amatrice, distrutta dalla recente serie sismica dell’Appennino centrale. La speciale raccolta fondi, battezzata Solidarietà inMensa, è nata su iniziativa del Campidoglio con alcune aziende della ristorazione collettiva. Ne hanno parlato, incontrando la stampa a Palazzo Senatorio, la sindaca Raggi e l’assessora Laura Baldassarre (Persona, Scuola e Comunità solidale).

 

Il servizio mense scolastiche di Roma Capitale ha proposto dunque per giovedì un “menu solidale” a base di prodotti tipici della regione colpita dal terremoto, a cavallo tra Lazio e Marche. Una frazione del ricavato – 0.2 centesimi per ogni pasto – viene devoluto alle mense amatriciane. L’iniziativa si è tenuta in tutti i circa 800 plessi scolastici dell’Urbe, spiega il Campidoglio, “per un totale di circa 144mila pasti”. Tolto “un dieci per cento di normale calo fisiologico giornaliero”, si arriva “a circa 130mila pasti, per un importo totale di circa 26mila euro”.

 

mensa scolastica

 

“E’ importante che i bambini e i ragazzi della nostra città, attraverso un semplice gesto di solidarietà, aiutino i loro coetanei”, afferma la Sindaca. “Le mense dei nostri asili e delle nostre scuole non sono solo un luogo dove si fornisce un servizio. La refezione è un momento dal grande valore sociale ed educativo, dove si impara a conoscere e ad apprezzare il cibo e il valore di una corretta alimentazione. E con la giornata del 24 novembre diventa anche un’occasione di solidarietà attiva, attraverso cui i più piccoli prendono coscienza della necessità e dell’importanza di aiutare altri bambini e ragazzi che si trovano in una situazione di difficoltà. La necessità di essere solidali non è solo delegata agli adulti, ma è un momento di condivisione con i loro coetanei da vivere in prima persona”.

 

solidarietà inMensa, presentazione

 

 “Un gesto di solidarietà non deve avere confini di tempo né di età”, sottolinea l’assessora Baldassarre. “Legarlo esclusivamente a un’emergenza o all’età dei soggetti coinvolti significherebbe spegnere quell’attenzione nei confronti della persona che invece Roma Capitale vuole far diventare elemento caratterizzante dell’iniziativa”.

 

22 NOV 2016 – RED 

Agg 24 NOV 2016


Invia questo articolo