Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Cultura , eventi , tempo libero
Categoria1__Notizie
Data__24/01/2017
Data__2017

Artemisia e le altre, storia delle donne dipinte dalla Gentileschi. Oggi ultimo incontro

Artemisia e le altre

Dopo il successo dei primi cinque incontri del ciclo Artemisia e le altre. Storie di donne, dipinte da Artemisia dedicate ad alcune figure femminili dipinte da Artemisia Gentileschi ed esposte nella grande mostra “Artemisia Gentileschi e il suo tempo” (fino al 7 maggio 2017) il Museo di Roma a Palazzo Braschi ha proposto tre ulteriori appuntamenti nel mese di marzo. 

 

Dopo il primo dal titolo, Sedotte (o quasi) e abbandonate: Arianna, Olimpia e Mut (moglie di Putifarre), a cura di Federico De Martino, durante il quale si è commentato il quadro del Cigoli Giuseppe e la moglie di Putifarre, e il secondo, dedicato al tema del suicidio come forma di riscatto morale con La morte di fa bella: Cleopatra e Lucrezia, a cura di Donatella Germano, è alle porte il terzo e ultimo appuntamento previsto per giovedì 16 marzo.  L'incontro è dedicato a Giuditta, la vedova scaltra, a cura di Fulvia Strano. 

Giuditta è l’Eroina per eccellenza, che l’iconografia ha consegnato come portatrice di una testa mozzata di uomo, quella del feroce generale Oloferne, dentro un cesto oppure un sacco intriso di sangue. Come racconta la Bibbia (Giuditta 10, 3-4), è  una vedova che si trasforma in attraente donna, in grado di conquistare gli sguardi degli uomini. Due i quadri di Artemisia Gentileschi esposti: La Giuditta che decapita Oloferne dal Museo di Capodimonte, realizzata nel 1617, accanto alla Giuditta degli Uffizi (1620-21 circa).

 

 

Il ciclo “ARTEMISIA E LE ALTRE” offre un’occasione unica per scoprire e/o approfondire il talento di Artemisia Gentileschi e la sua straordinaria empatia nei confronti delle protagoniste di alcuni tra i quadri più belli esposti nelle sale.

 

Gli incontri, promossi da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e tenuti da un Curatore del Museo di Roma, con i servizi museali di Zètema Progetto Cultura, sono gratuiti e aperti ai visitatori della mostra presenti nelle sale.

 

 

 

Informazioni 060608 (tutti i giorni 9– 21), www.museodiroma.it @museiincomune #ArtemisiaRoma

 

27 FEB 2017 – GP

AGG 10 MAR 2017 - RED

 


Invia questo articolo