Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Archivio di Primo Piano
Categoria1__Notizie
Data__24/10/2016
Data__2016

Commemorazione eccidio Fosse Ardeatine

Nell’ambito dell’iniziativa “Percorsi della Memoria”, organizzata con la rete genitori Scuole Attive Municipio XIII, l'Anpi Cavalleggeri, lo storico Professor Giannini e con la Commissione Scuola del Municipio XIII, volta a sensibilizzare le giovani generazioni sulla memoria della Shoah, Il 24 Marzo alle ore 10.30 insieme ai ragazzi dell’Istituto Professionale “Luigi Einaudi”, di Via di Santa Maria alle Fornaci, 1 e a quelli  dell’Istituto Comprensivo di Piazza Borgoncini Duca e dell’Istituto “Antonio Rosmini” ricorderemo il 73° Anniversario dell’eccidio delle “Fosse Ardeatine”.

Ci accompagnerà in questo viaggio nella Memoria Germana Napoleoni, dell’ANFIM, Associazione Nazionale Famiglie Italiane Martiri Caduti per la Libertà della Patria.

 

Era venerdì 24 marzo 1944. La strage venne effettuata presso le Cave dismesse di pozzolana site sulla Via Ardeatina, per rappresaglia all’attacco partigiano di Via Rasella del giorno precedente, nel quale erano morti 33 militari del Reggimento tedesco di Polizia “Bozen”. 335 furono le vittime. Condotte, legate a gruppi di cinque, nelle gallerie delle Cave furono trucidate con un colpo alla nuca e i corpi furono lasciati insepolti sotto le volte delle gallerie, fatte crollare dai tedeschi con la dinamite. Quando, nel Luglio del 1945,  le salme vennero dissepolte per essere riconosciute, agli occhi di chi effettuava quell’opera pietosa apparve una strana figura geometrica: un parallelepipedo, largo 5 metri, lungo altrettanto e alto un metro e mezzo. Un parallelepipedo di corpi macerati: la geometria dell’orrore.

Di fatto quella strage – la più efferata condotta dai tedeschi nella Roma occupata – fu pensata e compiuta più che per vendicare i 33 tedeschi uccisi, per terrorizzare la città che non si piegava all’oppressione nazifascista e anzi resisteva, assestando colpi di maglio al nemico. Se guardiamo lo spaccato sociale delle vittime della strage ci accorgiamo, infatti, che vi sono rappresentati tutti gli strati sociali e possiamo considerarla un tipico esempio della “guerra ai civili” pianificata dai nazifascisti.  Uccidere per terrorizzare. Scrive al riguardo Vittorio Foa, nell’Introduzione al libro di Mario Avagliano “Il Partigiano Tevere” (il Generale dell’Aeronautica Sabato Martelli Castaldi, una delle vittime della strage): ”Si uccidevano gli ebrei perché erano ebrei, non per quello che pensavano e facevano. […]. Si uccidevano gli antifascisti per quello che pensavano e facevano. Si uccidevano degli uomini che non c’entravano nulla solo perché erano dei numeri da completare per eseguire l’ordine”. Proprio così, uccisi per eseguire un ordine. Proprio come recitava la parte finale del lugubre comunicato stampa dell’Agenzia Stefani, pubblicato sui giornali all’indomani della strage:
Di questa storia parleremo con i ragazzi di alcune Scuole del nostro Municipio per continuare il nostro lavoro di scavo e riportare alla luce “Schegge di Memoria”.

Roma 22/03/2017


Invia questo articolo