Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Cultura , eventi , tempo libero
Categoria1__Notizie
Data__04/04/2017
Data__2017

La storia della musica è anche donna: “Le compositrici” alla SPMT

le compositrici 2017

IV edizione per il festival Le compositrici by SPMT (Scuola Popolare di Musica di Testaccio), tributo annuale al ruolo delle donne nel divenire secolare della musica. Tre giorni, dal 6 al 9 aprile, tra riflessione e ascolto. Una co-produzione che vede accanto alla Scuola di Testaccio l’Università Roma Tre (Dipartimento di Scienze della Formazione), l’associazione Toponomastica Femminile e il conservatorio “Niccolò Piccinni” di Bari.

 

Si comincia giovedì 6 con una giornata si studio nella sede del Dams-Roma Tre (via Principe Amedeo 182b), dalle 9.30 alle 14.30. In contemporanea, e nello stesso luogo, inaugurazione di mostra sul tema.

 

Poi la rassegna concertistica al Palladium (Garbatella, piazza Bartolomeo Romano), l’8 e il 9, con repertorio tutto di mano femminile ed eseguito da donne: classica contemporanea (duo Ecoensemble), musica di tradizione popolare da tutto il mondo (Ajugada Quartet), omaggio ad Amy Beach (importante autrice americana) a 150 anni dalla nascita.

 

francesca caccini

 

Dulcis in fundo, una vera perla: il conservatorio del capoluogo pugliese porta un’antologia di brani da La liberazione di Ruggiero dall’isola di Alcina di Francesca Caccini: un melodramma delle origini (1625), scritto dalla figlia di quel Giulio Caccini che, insieme agli altri membri della fiorentina Camerata de' Bardi (Ottavio Rinuccini, Jacopo Peri), aveva inventato l’opera in musica – o, come si diceva allora, il recitar cantando – agli albori del XVII secolo. Francesca, detta Cecchina, fu donna dal multiforme ingegno: autrice di musica, clavicembalista e liutista alla corte medicea, rinomata soprano, poetessa. Il poco che resta dei suoi lavori, come quest’opera, rivela tratti di forte originalità e, secondo alcuni critici di fine ‘800, di autentica genialità.

 

Tutte le informazioni pratiche e il programma in dettaglio sulla scheda nel sito SPMT.

 

4 APR 2017 – PV 


Invia questo articolo