Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Segnalazione Certificata d'Inizio Attività (S.C.I.A.)
Categoria1__Notizie
Data__09/06/2011
Data__2011
DataModifica__11/10/2017

Segnalazione Certificata d'Inizio Attività - S.C.I.A.

Per opere da effettuarsi su immobili ricadenti all’interno del territorio del Municipio IX

 

Chi può fare la richiesta

Il proprietario dell'immobile o chi ne abbia titolo (Affittuario, Usufruttuario o Compromissario acquirente, autorizzati dal proprietario).


Quando fare la richiesta

Quando si vogliono eseguire le seguenti tipologie di lavori:
 
- interventi di manutenzione ordinaria di cui all’ art. 24, c. 21 delle N.T.A. del P.R.G.;

- interventi di manutenzione straordinaria di cui all’ art. 3, c. 1, lett. b) del D.P.R. 380/01 e  ss.mm.ii., qualora riguardino le parti strutturali dell’edificio;

- interventi di restauro e risanamento conservativo di cui all’ art. 3, c. 1, lett. c) del D.P.R. 380/01 e  ss.mm.ii., qualora riguardino le parti strutturali dell’edificio;

- interventi di ristrutturazione edilizia (leggera) di cui all’ art. 3, c. 1, lett. d) del D.P.R. 380/01 e  ss.mm.ii., diversi da quelli indicati nell’art. 10, c. 1, lett. c) del D.P.R. 380/01 e ss.mm.ii.;

- varianti in corso d’opera, non essenziali, a Permessi di Costruire, ai sensi dell’art. 22, c. 2 e 2 bis del D.P.R. 380/01 e ss.mm.ii.;

- varianti in corso d’opera, ad istanze in corso di validità;

- opere a completamento di interventi oggetto di titoli abilitativi scaduti e realizzabili ai sensi dell’art. 22 del D.P.R. 380/01 e ss.mm.ii.(art. 15, c.3 del D.P.R. 380/01 e ss.mm.ii.;

- installazione dei manufatti realizzati con sistemi di prefabbricazione leggera, non perennemente infissi al suolo, di cui all’art. 23, c. 4, lett. b) della L.R. 13/07, con carattere temporaneo, destinati  ad essere smontati al termine della stagione turistica e in ogni caso entro dodici mesi (art. 25 bis, c.2, della L.R. 13/07);

- opere removibili, dirette a soddisfare esigenze contingenti, temporanee e stagionali per lo svolgimento di attività, manifestazioni culturali e sportive, destinate ad essere immediatamente rimosse al cessare della necessità e comunque, entro un termine non superiore ad otto mesi compresi i tempi di allestimento e smontaggio delle strutture (art. 3, c. 26 e 27 della L.R. 17/16);

- installazione di pannelli solari termici di sviluppo superiore a 30 metri quadrati, destinati esclusivamente alla produzione di acqua calda e di aria negli edifici pubblici e privati e negli spazi liberi annessi, sempre che non comportino modifiche dei volumi e le superfici delle singole unità immobiliari (art. 19, c. 4, lett. b) della L.R. 26/07); 

- parcheggi pertinenziali di cui al p. 2.7 della Circolare Esplicativa sugli Interventi Edilizi prot. QI19137 del 09/09/12;

- parcheggi a raso su aree asservite a fabbricati esistenti di cui al p. 2.7 della Circolare Esplicativa sugli Interventi Edilizi prot. QI 19137 del 09/09/12;

- interventi in sanatoria ai sensi dell’art. 37 del D.P.R. 380/01 e artt. 19 e 22 della L.R.15/2008.

- intervento di MdU2 consistente nel mutamento di destinazione d’uso all’interno della stessa categoria generale se non connesso ad intervento di ristrutturazione edilizia c.d. pesante, ai sensi   della Circolare Esplicativa sugli Interventi di Mutamento delle Destinazioni d’Uso prot. QI131351 del 04/08/15.  


Cosa fare

Una Segnalazione Certificata di Inizio Attività ( S.C.I.A.) corredata dell'autorizzazione del proprietario, se il richiedente è affittuario o titolare di altro diritto sull'immobile, o di tutti comproprietari se i lavori sono eseguiti da un solo comproprietario, redatta in carta semplice, su apposito modulo, corredata di tutta la documentazione richiesta all’interno del modulo stesso oltre che della nomina obbligatoria della ditta esecutrice dei lavori oggetto dell’istanza, la quale dovrà essere in regola con la documentazione prevista dal D.Lgs 9 aprile 2008 n°81 art. 90 c.9 lettera a) e b).

Tutta la documentazione dovrà essere prodotta in n. 3 copie di cui n. 1 copia restituita al richiedente all’atto della protocollazione (da effettuarsi presso l’ufficio protocollo sito in Via I. Silone, 100 – piano terra – previo visto tecnico della U.O.T. sita al piano 1°).

Per le opere già realizzate o in corso di realizzazione, soggette a S.C.I.A. in sanatoria ai sensi dell’ art. 22 c. 2  lett. “c” della L.R. 15/2008, vedi paragrafo successivo denominato “Sanzioni”.

 

Tempi

La S.C.I.A. è sottoposta ad un termine massimo di efficacia di tre anni ed i lavori possono iniziare il giorno della presentazione della stessa e comunque non prima:
- del rilascio, nel caso di immobile sottoposto al vincolo, del nulla osta da parte dell'Ente ad esso preposto;
- dell’ autorizzazione sismica, da parte dei competenti uffici dell’ Area Genio Civile di Roma, per le opere in cemento armato o strutture equivalenti.

Fine Lavori

Al termine dei Lavori il richiedente dell’ istanza deve comunicare all'Ufficio Tecnico la data di ultimazione degli stessi ed allegare un certificato di collaudo finale, sottoscritto dal Direttore dei lavori, che attesti la conformità dell'opera al progetto presentato seguendo l’ apposito modulo, nonché la ricevuta dell'avvenuta richiesta di variazione catastale o la dichiarazione che non sono intervenute modifiche di classamento.

 

Quanto costa

€. 251,24 (€. 126,24 per le Varianti in Corso d’ opera non essenziali ad istanze già presentate) di diritti di segreteria da pagare all'Ufficio Cassa – con sede in via Ignazio Silone – I° Ponte – previo ritiro della reversale compilata a cura dell'Ufficio Tecnico.

 

Sanzioni

In caso di lavori, assoggettabili a S.C.I.A., iniziati o già terminati, in assenza di denuncia, si può legittimare l'intervento edilizio presentando una S.C.I.A. in sanatoria soggetta ad una sanzione di €. 516, per gli interventi in corso di esecuzione e, variabile a seconda della categoria di appartenenza dell'intervento e comunque in misura non inferiore ad €. 1000,00. Nel caso in esame i diritti di segreteria sono di €. 501,24.

 

Monetizzazione degli standards urbanistici

Nei casi in cui l’intervento preveda aumento di carico urbanistico, è necessario presentare presso la U.O.T. del Municipio una richiesta di monetizzazione degli standards urbanistici, redatta in carta semplice e compilata su apposito modulo, corredata di tutta la  documentazione richiesta all’ interno del modulo stesso.

 

Metodo di pagamento

-    in contanti presso la Cassa del municipio IX  in coerenza con le disposizioni vigenti per le limitazioni all’uso del contante, adeguate all’importo di € 3.000 oppure con assegno circolare per importi superiori a € 3.000;

-    tramite i servizi di pagamento disponibili nel Portale di Roma Capitale - Elenco servizi on line/servizi di pagamento – reversali;

-    mediante bonifico bancario - intestato a Tesoreria Roma Capitale codice IBAN IT69P0200805117000400017084.

         Specificare nella causale quanto segue (obbligatorio):

    -    Municipio IX;
    -    Via _______________
    -    Scia /Scia in alt. Al P. di C.
    -    Protocollo N._______ (se riferito a pratica già protocollata)

 

          Tipo di pagamento (facoltativo): 

    -    Diritti ____________
    -    Oneri_____________
    -    Sanzione ______________
    -    Contr. Costo Costruzione (C.C.C.)____________
    -    Contributo Straordinario (C.S.)______________
    -    Monetizzazioni (Mon.)_______________________

 

Le copie dei bonifici effettuati vanno obbligatoriamente presentate all’Ufficio Ispettorato Edilizio - Reversali  del Municipio IX per la registrazione del pagamento.

 

Non si accettano copie dei bonifici prive di C.R.O. / I.D. transizione / T.R.N. o altro codice identificativo della  transazione.

 

 

Norme di riferimento

D.P.R. 380/01 e ss.mm.ii.;

Legge Regionale n° 15/2008;

Legge 122/2011;

Regolamento Edilizio del Comune di Roma;

Regolamento Edilizio Sanitario del Comune di Roma;

D.Lgs 42/04 Codice dei beni culturali e del paesaggio;

Decreto Ministeriale 37/2008 (Impianti tecnologici);

Delibera A.C. n° 49 del 08 luglio 2011;

L. 241/90 art. 19, così come modificato dal D.L. 70/2011;

Legge 106/2011.

L.R. 17/16;

L.R. 26/07;

L.R. 13/07.

 

 


Invia questo articolo