Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Assessorato
Categoria1__Notizie
Data__26/12/2016
Data__2016

Open data: da Giunta ok a Protocollo d’Intesa con Commissario straordinario del Governo per l’attuazione dell’agenda digitale

Open data: da Giunta ok a Protocollo d’Intesa con Commissario straordinario del Governo per l’attuazione dell’agenda digitale

 

Roma, 26 dicembre 2017 – La Giunta capitolina ha autorizzato la sottoscrizione di un Protocollo d’Intesa tra Roma Capitale e il Commissario Straordinario del Governo per l’attuazione dell’agenda digitale con l’obiettivo di valorizzare e potenziare il patrimonio informativo dell’Amministrazione attraverso la strutturazione e l’analisi della rilevante mole di dati e informazioni che sono nella disponibilità di Roma Capitale.

 


L’accordo avvia una collaborazione tra l’Amministrazione capitolina e il Team per la Trasformazione Digitale che consentirà a Roma Capitale di utilizzare il Data & Analytics Framework (DAF), la “piattaforma big data” sviluppata dal Team, e di disporre di una infrastruttura tecnologica all’avanguardia per analisi e correlazioni dei dati.

 

L’accordo che sigliamo con il Commissario straordinario Diego Piacentini si affianca, in modo complementare, al programma strategico dell’Amministrazione capitolina in materia di open data definito nell’Agenda Digitale di Roma Capitale - commenta l’Assessora a Roma Semplice Flavia Marzano. “Anche in linea con quanto previsto dal Piano Triennale per l’informatica nella Pubblica Amministrazione 2017-2019, riteniamo che valorizzare il patrimonio informativo pubblico sia un obiettivo assolutamente imprescindibile. Per questo il nostro impegno va nella direzione di rendere accessibili e riusabili i dati dell’Amministrazione incentivando trasparenza e partecipazione, di semplificare l’interoperabilità dei dati pubblici tra PA, di ottimizzare i processi di analisi dati e generazione di conoscenza, di promuovere il riuso dei dati per la realizzazione di servizi da parte delle imprese”.


Invia questo articolo