Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Novità
Categoria1__Notizie

Contributo di soggiorno - Nota informativa per i titolari/gestori delle strutture ricettive

01/02/2018 - Contributo di soggiorno - Il ruolo dei gestori delle strutture ricettive - La Resa del Conto Giudiziale - (Modello 21 DPR 194/1996) - Anno finanziario 2017

Nota informativa per i titolari/gestori delle strutture ricettive

I gestori/titolari delle strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere debbono essere considerati come “Agenti Contabili esterni della riscossione” del Contributo di Soggiorno.

 

Tale qualifica è connessa allo svolgimento fattuale del maneggio di danaro pubblico, anche a prescindere dal possesso da parte dell’agente di uno specifico incarico al riguardo, gravato o meno da compenso.

E’ proprio il caso del Contributo di Soggiorno, dove il Regolamento disposto da Roma Capitale prevede obblighi di incasso e successivo versamento di quanto dovuto da ogni ospite da parte degli operatori economici nell’esercizio dell’attività ricettiva, compreso l’obbligo di accompagnare tale riversamento con la prescritta comunicazione riepilogativa trimestrale.

Tra i diversi oneri,  l’Agente Contabile ha anche l’obbligo di rendere il conto giudiziale all’Amministrazione, ai sensi della normativa vigente.

Pertanto, con riferimento all'annualità 2017, i gestori/titolari delle strutture ricettive, in qualità di Agenti Contabili esterni, devono presentare  al Dipartimento Risorse Economiche di Roma Capitale la Resa dei Conti Giudiziali (Modello 21 DPR 194/1996).

Su questa documentazione, l’Amministrazione effettuerà i necessari controlli, formali e di merito, prima  della loro trasmissione alla Corte dei Conti della Regione Lazio.

Si segnala pertanto la necessità di conservare, nei tempi e nelle modalità previste dalla normativa in vigore, tutta la  documentazione contabile da cui deriva la resa del conto giudiziale espressa nel Modello 21, DPR 194/1996, per metterla eventualmente  a disposizione dell’Amministrazione Capitolina e della Corte dei Conti ai fini di  un riscontro sulle dichiarazioni rese. 


Invia questo articolo