Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Cambio di Residenza in tempo reale

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Categoria1__Notizie

Ex patrimonio Santo Spirito

Responsabile: Enzo Fort
Tel/fax 06.67109417 enzo.fort@comune.roma.it

Via Circonvallazione Ostiense,191 - 00154 Roma
Apertura ufficio al pubblico: lun.-merc. h. 09,30 – 12,00
 

Per ex Beni Santo Spirito, si intende il vasto patrimonio agricolo - formato da terreni, cave estrattive e fabbricati un tempo in prevalenza rurali in diverse località ( Tarquinia, Monteromano, Civitavecchia, Tivoli, Agro Romano, Roma etc.) – che costituiva una delle principali entrate, tramite canoni, da cui il Pio Istituto Santo Spirito attingeva risorse per finanziare la propria Opera di beneficenza e per il mantenimento e restauro dell’omonimo Ospedale.
Agli inizi del ‘900 il patrimonio terriero nel comprensorio del Comune di Roma si suddivideva essenzialmente in quattro gruppi: Palidoro di ha 407, il fondo di via Aurelia, con Castel di Guido di ha 2500, di Cecanibbio e di Paola, il fondo di via Tiburtina, in particolare la Tenuta del Cavaliere di ha 500 e fondi vari sparsi nel territorio comunale tra cui la Tenuta di Tor San Giovanni di ha 500.
Con lo scioglimento degli Enti Ospedalieri ( legge 833 del 23/12/1978) gran parte del patrimonio storico-monumentale urbano e rustico del Pio Istituto è stato trasferito ai rispettivi Comuni di appartenenza.
Al Comune di Roma in specifico, i suddetti beni sono stati affidati per la gestione al Rip. X Del. 428 del 10/12/1981 che provvede alla tutela e valorizzazione anche delle Tenute per le quali sono in corso progetti di destinazione d’uso, in particolare per quella dei Cavalieri , a piccolo Museo didattico documentario della storia del fondo e delle tecniche agricole impiegate
Attualmente, con esclusione delle Tenute Agricole direttamente gestite da Roma Capitale (Castel di Guido, che comprende anche i terreni agricoli ed i casali della Tenuta di Palidoro, e la Tenuta del Cavaliere, che comprende anche i terreni ed i casali della Tenuta di Tor San Giovanni), tutti i beni patrimoniali dell’ex Istituto vengono gestiti da questa U.O. Promozione dell’Agricoltura con un ufficio appositamente dedicato.
Esso si occupa nella gestione, intervenendo nella riscossione degli affitti, nella stipula di nuovi contratti, nella diatriba tra contratti in essere tra enti e privati, nella valorizzazione di realtà architettoniche da salvaguardare e valorizzare, nella facilitazione di iter burocratici catastali e nella pianificazione a breve e medio termine della gestione patrimoniale in genere.

 


 


Invia questo articolo