Luceverde

Infomobilità

Numero Unico Taxi

URC - Ufficio per i Rapporti con i cittadini

060606

Partecipazione Popolare

Sistema informativo procedura negoziata

Protezione Civile

Statuto Roma Capitale

Roma Statistica

Open Data

Turismo

Bibliotu

Linea Amica

Suap

Suar

Home  /  Attualità
Categoria1__Notizie
Data__26/01/2012
Data__2012

Piazza Cavour inaugurata dopo il restyling. La nuova mobilità

piazza Cavour dopo il restyling

Roma, 29 gennaio – Restituita alla città il 26 gennaio piazza Cavour, in concomitanza con l’apertura dell’anno giudiziario, dopo un lungo intervento di restauro con la realizzazione di un’area pedonale davanti al Palazzaccio e il rifacimento dei giardini centrali. "Dopo anni – ha dichiarato il sindaco Gianni Alemanno intervenendo all’inaugurazione – questa piazza viene riconsegnata alla città. Quello che era un groviglio di lamiere oggi è un giardino. Un atto di riconoscenza di Roma nei confronti del grande statista Cavour che ha pensato l'Unità nazionale e Roma Capitale.” “Tra qualche settimana – ha proseguito il Sindaco - tocca al parcheggio: i ritardi sul cronoprogramma originale sono stati dovuti a ritrovamenti archeologici.”
 

 

A questo proposito, il Sindaco ha sottolineato l’importanza del fattore tempo per i cantieri “perché incide sulla trasformazione della città” (leggi qui una scheda sui cantieri dal 2011).


L’assessore alla Mobilità, Antonello Aurigemma, ha aggiunto: "Questa è un'opera di riqualificazione importante per questo quadrante della città, ma è anche propedeutica alla pedonalizzazione del Tridente. I parcheggi infatti, più della metà dei quali sono a rotazione,consentiranno di iniziare la pedonalizzazione di alcune parti del Centro storico".

 


Il restauro di piazza Cavour, pur estendendo l’area pedonale a circa 14 mila metri quadri, nel complesso mantiene invariata la struttura originaria dell’area, secondo il progetto realizzato tra il 1895 e il 1911 da Nicodemo Severi.
 

Completano il nuovo assetto di piazza Cavour la pavimentazione in porfido e travertino - e in basalto con intarsi di travertino, nella parte antistante il Palazzo di Giustizia -, il nuovo arredo urbano realizzato con panchine in ghisa e legno e l’alberatura rinnovata e reintegrata con nuove piante. L'intervento "valorizza quello che comunemente viene definito Palazzaccio", ha commentato Ernesto Lupo, primo presidente della Corte di Cassazione, "che è diventato quinta magnifica dei nuovi giardini: ora mi auguro che smetta di essere conosciuto con quel dispregiativo". 
 


Per l’apertura del parcheggio interrato, come ha anticipato il Sindaco, occorre aspettare ancora qualche settimana. I lavori, iniziati con un primo cantiere nel 2004 e interrotti sia per i ritrovamenti archeologici sia per motivi burocratici, sono stati ripresi a febbraio 2010.
 

A lavori ultimati saranno disponibili 707 posti auto su tre piani, di cui 333 in box e 303 più 71 a rotazione in stalli aperti, con 2 rampe d’entrata e 2 d’uscita sui lati corti della piazza. Il parcheggio sarà dotato di sistemi tecnologici avanzati per il risparmio energetico e il rispetto dell’ambiente.
Il costo complessivo, di 26 milioni 866mila euro per il parcheggio e di 1.3 milioni di euro per la sistemazione superficiale della piazza, è interamente finanziato dalle società concessionarie del parcheggio.
 

La nuova viabilità della piazza e delle vie adiacenti è stata studiata per alleggerire il traffico dei veicoli privati a favore dei mezzi pubblici, con l’estensione del percorso di alcune linee, e degli spostamenti a piedi; nel dettaglio le modifiche alla mobilità pubblica e privata:


Trasporto pubblico


Nuovi capolinea e nuovi percorsi dei bus:


linea 34 capolinea in via Crescenzio (altezza civico 17, a 100 metri da piazza Cavour);
linea 49 capolinea in viale Giulio Cesare (altezza Metro A Lepanto), diventa definitiva l’attuale modifica di percorso: da piazza Risorgimento anziché percorrere via Crescenzio e arrivare in piazza Cavour continua a transitare in via Ottaviano, dalla stazione Ottaviano della metro A, e in viale delle Milizie sino al capolinea;
linea 87 capolinea in piazza Cavour (fronte Cinema Adriano, lato giardini);
linea 926 capolinea viale Giulio Cesare (altezza Metro Lepanto), diventa definitiva l’attuale deviazione di percorso: da piazza Cavour continua a percorrere via Cicerone, via Marcantonio Colonna e viale delle Milizie;
linea 990 capolinea in piazza Cavour (prima di via Cicerone, lato giardini), ripristinato come prima della viabilità provvisoria.

 

Linee in transito:


per le linee 30 – 130 – 70 – 81 – 186 – 224 – 280 - 492 – 913 – n7 restano invariate le attuali fermate di via Vittoria Colonna, piazza Cavour, via Cicerone e via Crescenzio;
per la linea notturna n6 viene soppressa la fermata di piazza Cavour (lato Commissariato PS), mentre restano invariate le fermate di via Vittoria Colonna e via Cicerone;
per la linea 280 il percorso si avvicina al Tridente e da ponte Umberto I prosegue sul Lungotevere Marzio, ponte Cavour, via Vittoria Colonna e da piazza Cavour torna sul percorso attuale; resta invariata la fermata di piazza Cavour (fronte Cinema Adriano).



Mobilità privata


Non è più possibile la circolazione rotatoria attorno ai giardini, ma i tre lati consentono il doppio senso di marcia. Quattro gli accessi a piazza Cavour: da via Vittoria Colonna (doppio senso di marcia), si può proseguire per via Federico Cesi o via Lucrezio Caro o svoltare a sinistra per proseguire sulla piazza e imboccare via Tacito o via Crescenzio; da via Cicerone, si può svoltare a destra verso via Crescenzio o a sinistra verso via Ulpiano; da via Crescenzio, invece, si può imboccare il lato della piazza che passa davanti al cinema Adriano o svoltare a destra verso piazza Adriana; infine, dal Lungotevere si entra a piazza Cavour costeggiando piazza Adriana e proseguendo verso il Cinema Adriano.

 

Per una più capillare informazione ai cittadini sono in distribuzione da parte del personale assistenza clienti Atac 50.000 cartine pieghevoli con tutte le novità; lo stesso materiale informativo è anche distribuito nelle cassette postali a cura del Dipartimento Comunicazione di Roma Capitale (vedi anche www.agenziamobilita.roma.it).

 

25 GEN 2012 – PR

Agg 27 GEN 2012 - PV

 


Invia questo articolo